Ho traslocato su erounabravamamma.it

Vi aspetto!

mercoledì 4 dicembre 2013

Settimana 39 (ma a quanto pare è la 40)

Salvarti sull'orlo del precipizio
È, questa, la settimana di gravidanza in cui la futura trimamma, profittando una sera dell'assenza inattesa e non sgradita dell'intera famiglia (Mike + Pupi) riunitasi altrove a festeggiare il compleanno degli Zii Gemelli, ascolta a volume smodato musica italiana da cui trarre citazioni a manbassa e si dedica allegramente a inghiottire vaccat a consumare in solitudine un frugale pasto mentre smanetta davanti al computer con l'intento di tenere aggiornati i lettori sullo stato di avanzamento (nullo) della Pupa piccolissima.
Ma tu non pensare male adesso Del resto, non posso davvero esagerare. Due sere fa ho cominciato a vomitare, credevo di essere entrata in travaglio (dicono che la nausea sia uno dei sintomi possibili). Invece no: nel pomeriggio ero uscita senza la sciarpa, e poiché ho ormai lo stomaco all'altezza della gola, evidentemente ho preso freddo e mi è venuta una specie di congestione seguita da coliche notturne e pensieri tipo: «Ma se questo è il travaglio, adesso chi si becca la peppatencia?». Dovete sapere infatti che ho una serie di amici, vicini di casa e ben due fratelli (gli Zii Gemelli) che si sono dati come reperibili nel caso mi partissero le contrazioni col favore delle tenebre. Il che si esprimerà in una squisita catena di rotture di scatole: devo svegliare Tizio che verrà al volo a tamponare la situazione e poi chiamerà Caio che poi chiamerà mia sorella - l'unica in grado di vestire i bambini e recapitarli a scuola senza fare casini, vive però troppo lontana perché possiamo pensare aspettarla in casa senza passare la staffetta a qualche eroe intermedio.
Dicono che gli angeli amano in silenzio (pensieri ricorrenti) «Non puoi tenertela lì, vero?» mi ha chiesto il Pupo due sere fa, indicandomi la pancia. «No, eh?», si è risposto da solo tre secondi dopo. Che tenerezza. Poi si è messo tutto concentrato a disegnare. «Che bello, Pupo, chi è questa signora?». «Maria, la madre di Gesù». «E cosa sono quei due pompon di Didò blu che le hai appiccicato sul torace?». «Il reggiseno. Ce le aveva anche lei, le tette. Doveva pure allattarlo Gesù, lo sai?».
Ahi, come sempre sei (la descrizione di un attimo) Mi scrive un sms ieri sera alle 21.38 la mia amica anestesista: «Guarda che stai n'a botte de fero, vista l'anestesista perfetta. Ti ho pure fatto la visita in piedi sui gradini dell'ospedale. Ma per partorire mi raccomando aspetta dal 6 (sera) in poi». Due minuti dopo: «E rispondi, o temo che tu stia spingendo!». Io: «Ahah smettila che mi fai venire le contrazioni. Dunque fammi capire, tu ci 6 dal 6? (perdona il gioco di parole). E domani e il 5, invece, né di giorno né di notte?».
«L'ideale sarebbe dal 6 ma di sera. Vedi di comportarti bene, eh. Mi raccomando. Ci tengo a vedere la pinella con lo scoop».
«Ma 6,7,8 solo di notte o anche di giorno? Dammi qualche indicazione certa, sei troppo vaga. E stanotte non ci sei?»
«Stanotte no! Hoddetto!»
«Ah! Ecco! E domani e il 5?»
«Ho la cena coi compagni dell'università, il parrucchiere, la riunione dell'associazione filatelici, un'invasione di cavallette. Voto per venerdì notte. O lunedì mattina. Domani e il 5 meglio di no. Hai l'edema cerebrale? E tre. Stai tappata».
Una musica può fare parlare soltanto d'amore In questo periodo mi chiamano e mi scrivono in molti. «Hai novità?» (approccio vago). «Non sarà mica nata, vero?» (accusatorio). «Se fosse nata me lo diresti?» (complice). «Stai spingendo?» (puntuale). «Mancano 4 giorni, giusto?» (preciso). «I giorni passano e non so niente di te» (poetico). «Volevo solo sentire la tua voce» (affettuoso). «Facciamo che se vai in ospedale mi fai uno squillo? E poi un altro quando ti ricoverano? Io non rispondo, eh. Mi basta che mi fai lo squillino» (apprensivo). «Chiamami a qualunque ora del giorno e della notte» (esagerato). «Ti muovi a scrivere un post su quel c... di blog, così la gente sa cosa sta succedendo? Cosa lo tieni a fare il blog, se poi ci devi scrivere una volta all'anno?» (rude ma spiritoso).
E in effetti il mio stato d'animo oscilla più che mai, tra il desiderio di quiete e la commozione per tanto affetto. Se avete avuto figli mi capite. Di cosa avevate voglia nelle ore che hanno preceduto la loro nascita? E anche se figli non ne avete, mi capite lo stesso. Vi siete fatti sentire spesso o avete atteso zitti-zitti (seppur emotivamente partecipi) che arrivasse la lieta novella?

48 commenti:

  1. Avevo voglia di una serata cosi'...Da sola, a svaccare.. Prima della tempesta! E chi attende speranzoso la lieta novella, in silenzio, ha il mio rispetto!
    Buona serata
    Annalisa

    RispondiElimina
  2. buona serata anche a te! e per il resto... a me piace proprio tanto il mondo così vario, così bello perché vario...

    RispondiElimina
  3. ps comunque i pupi stan già tornando, eh. che domani c'è scuola...

    RispondiElimina
  4. Ottima scelta delle canzoni! :p
    ..come vorrei anche io una sera di tranquillità! e io ho solo un "genito".

    RispondiElimina
  5. La mattina prima del secondo parto mi sono fatta due ore di pianto a singhiozzi perchè il figlio grande, per il loro bene, aveva svuotato tre tubi di cibo per pesci nell'acquario. Piangendo in maniera compulsiva, ho dovuto svuotarlo con la pompa pulire il grosso e riempire con secchi di acqua tiepida pulita...il tutto con delle fitte alla vescica assurde. I pesci sono morti tutti nella notte. Non avendo parenti nella città dove vivo, mi chiedevo come avremmo fatto se il travaglio fosse iniziato di notte ma poi mi ripetevo: ma dai, ecchecavolo. ecco, il travaglio lampo è iniziato all'una di notte e il bimbo è nato alle 4 di mattina. Quindi quel poverino del fratello grande (5 anni) si è fatto tutta la notte sveglio in ospedale con noi!!!

    RispondiElimina
  6. Di cosa avevo voglia nelle ore prima dei parti?
    Che nascessero, e anche in fretta!! Sfratto esecutivo!!
    Io rivolevo il mio corpo. Facevo pensieri assurdi, tipo vestirmi da zoccola per rifarmi di mesi di premaman.

    RispondiElimina
  7. La mia prima figlia è arrivata così presto che non ho avuto desideri strani; mai avuta la sindrome del nido né desideri strani o di cibi particolari. Tutti i parenti più diretti erano via per viaggi o ferie. I miei all'estero hanno saputo via mail. Con la seconda altra nascita di corsa, giusto il tempo di avvisare i nonni più vicini per controllare la grande, ma il parto di è stato il più bello: noi e l'ostetrica, il reparto in silenzio. Alle 4:30 era tutto finito e all'ora di colazione ho avvisato tutti. Ora mi attende un parto programmato: un sacco di persone che mi dicono che mi chiameranno...ed io ancora a sperare in una nascita più imprevista. Intanto mi sto godendo bagni caldi e qualche giretto prenatalizio. Cerco di giocare tanto con le bimbe...ovviamente alla mamma che partorisce (con tanto di bambola che nasce) e poi allattare. W il realismo!

    RispondiElimina
  8. Non lo so, perché i miei figli mi han fregato tutti in anticipo di quasi un mese!

    RispondiElimina
  9. Ehm io li ho avuti tutti prematuri (a vari gradi, dal gravissimo al lieve) per cui l'unico mio pensiero è sempre stao: "Già???". Certo il terzo è un'avventura (trimamma pure io). Deve incastrarsi tra imillemila casini preesistenti. Comunque la pupina mi pare una ragazza assennata, vedrai che si presenterà giusta per farti usufruire dell'anestesia migliore del mondo.

    RispondiElimina
  10. Avevamo voglia di un bagno in mare( l ultimo) un bel massaggio di un ora e una cena con gli amici..il mio viziosetto mi ha concesso tutto ciò più quattro ore di sonno.. Amore di mamma!tornerei a quella giornata altre mille volte..emozioni grandissime..laura

    RispondiElimina
  11. A "riposo" dal 6° mese di gravidanza per rischio outing precoce, arrivata al 5 novembre (la scadenza prevista era il 25) ho cominciato a pormi qualche domanda e a maledire il ginecologo che per tre mesi mi ha fatto avere incubi notturni sulla nascita pretermine. Neanche il tempo di realizzare che era tutto tranquillo che hanno inizato i parenti e gli amici in ordine sparso a chiamarmi ogni giorno e spesso ogni ora per chiedermi: allora? hai partorito? come stai? ma quanto ci metti? (varie ed eventuali). Morale: ero così indispettita da tutte queste domande che mi è passata la paura folle del parto...comunque ho partorito 4 giorni prima della data prevista, alla faccia del prematuro! :) in bocca al lupo!!!

    RispondiElimina
  12. Paoletta, è così difficile resistere alla tentazione di mandarti un messaggio, scriverti due parole, essere con te ad attendere...
    Come ti ho detto altre volte ti auguro di partorire di notte o di domenica. Con la Pellona a farti l'epidurale. E il sole in faccia come è successo a me con il mio piccolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. carissima ma non ti preoccupare, sono felice se mi scrivi! puntiamo su domenica, sarebbe fantastico...

      Elimina
  13. Avevo chiamato a casa un'amica che era a termine ma non aveva risposto. Le ho mandato un SMS spiritoso " Non ti ho trovato a casa. Ti starai mica dilatando????"
    Risposta: " SSSSSSSSSIIIIIIIIIIIIII"
    Quando adesso lo ricordiamo ridiamo come pazze!
    Il vostro momento magico si avvicina!!!! Evviva!!!

    RispondiElimina
  14. Io non ho ancora figli per cui sono sempre stata dall'atra parte della barricata! In genere comunque attendo in silenzio notizie dalla partoriente, seppur con apprensione. Ma preferisco tenermi la mia apprensione e non stressare la mamma che di solito ha già il suo bel da fare!;9

    RispondiElimina
  15. Io avevo voglia di tenermela nella pancia ancora per tantissimo tempo. Avevo voglia di portarmela a spasso e chiacchierare con lei per strada, come se fossi pazza.
    Ma lei aveva voglia di nascere e, che te lo dico a fare, ha vinto lei.
    La sera stessa, invece, avevo voglia di piadina :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara chiara, cercherò di prendere ispirazione da te... e la piadina poi l'hai mangiata?

      Elimina
    2. Assolutamente si' e ti dirò di più, me la sono mangiata in pieno travaglio...avevo una fame da lupi! Comunque pure io, a cose fatte, mi son fatta portare il panino con il salame, con il cibo dell'ospedale mi veniva la tristezza :)

      Elimina
  16. Ahahah io facevo finta di non sentire le contrazioni...perché Pupi era podalico traverso e mancavano quasi dieci giorni alla data fissata per il cesareo...facevo le parole crociate ;-) Tieni duro che ormai siete agli sgoccioli!!!!!
    Bacini
    Lu

    RispondiElimina
  17. ciao!!!
    come sai (37+1) gli ultimi giorni gaia me li ha risparmiati... e per fortuna, li temevo tantissimo!
    già di mio sarei stata sul chi va là, poi tutti che ti chiamano per sapere news, le visite... il quotidiano di ts che ci metteva di suo facendo il conto alla rovescia a natale (avevo scadenza il 24/12)...
    cerca di stare tranquilla... almeno un po'... e non farti rompere troppo le scatole!!!

    mi raccomando, continua con le piste di apermus!!! ;)
    lory

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahimè io temo che apermus non serva, come non servono le scale, come non serve il resto... comunque faccio tutto quel che si consiglia in questi casi, eh :)

      Elimina
    2. eh eh, fantastico!
      anche io le ho provate tutte!!!
      e confermo: nulla ha funzionato (ma il marito forse avrebbe un'opinione diversa)

      Elimina
    3. il coito aiuta, perchè il seme contiene prostaglandine

      Elimina
    4. mah... sia io che tutte le mie amiche che l'hanno preso abbiamo avuto travagli velocissimi... x essere morbido il collo dell'utero era morbido...
      senti paola, tutto aiuta. ;)

      Elimina
  18. micol ti sei proprio scatenata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perchè? è l'unica cosa con un reale fondamento scientifico, insieme alla stimolazione dei capezzoli che produce ossitocina.

      Elimina
    2. trovo che sia, questa della stimolazione dei capezzoli, una cosa terribile... sull'altra mantengo il riserbo.

      Elimina
    3. "terribile" non nel senso etico, eh. è che proprio non me ne viene voglia.

      Elimina
    4. auto-stimolazione. terribile magari no, ma molto fastidiosa. però io in doccia mi ci ero dedicata. non ne potevo più, volevo partorire, solo il disgusto mi ha impedito di tracannare l'olio di ricino come si legge da qualche parte. e poi dovevo getsire gli altri figli, non potevo permettermi il lusso di passare una giornata in bagno.

      Elimina
  19. Io ho partoritao il 28 e due gg prima ho avuto una sorte di regressione...nel senso che sono diventata insofferente a tutti e pensavo: ma perchè mi stressano tutti...perchè nessuno per una volta pensa a me e mi lasciano in pace a fare l'uovo.....perchè mio marito e i due nonni che tengono sempre la primogenita sembrano diventati incapaci di agire e chiedono a me qualsiasi cosa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah brava Prez, io mi sento così oggi. chissà. come state voi nel frattempo?

      Elimina
    2. Siamo a casa con qualche preoccupazione per un problema al rene per cui abbiamo un consulto a gennaio e ...massimo della sfiga....due giorni dopo il rientro a casa alla primogenita è venuta la varicella...no dico la varicella....cavolo

      Elimina
  20. Dai dai che sei quasi arrivata...aspettiamo il tuo post, tra una spinta e l'altra!:-)
    Io non sopportavo nessuno quel giorno, e poi mi sembrava che più che partorire stessi per tirare le cuoia, tutte facce tristi, spaventate...quando poi dopo qualche ora di travaglio ho dovuto fare il cesareo, io mi ero tranquillizzata, ma per i miei ero spacciata :-)
    Un abbraccio
    Yly

    RispondiElimina
  21. Ho partorito il 5 ottobre .... A sorpresa , nel senso che il termine sarebbe stato il 10 novembre .... Quindi nessuno ha avuto tempo di mandarmi sms o farmi chiamate perché mancava poco al termine. A posteriori dico meglio così !! Sabri mamma di Carola ?che domani compie 9 settimane ! Anche io aspetto la tua "novella" !!!

    RispondiElimina
  22. Ma non riesco più a commentare :(
    Elaijza

    RispondiElimina
  23. Adesso funziona :). Io ero a termine, ginecologa voleva indurmi il parto due giorni dopo, io non dell'idea, allora ho fatto tutte quelle cose che dovrebbero favorire il parto. E ha funzionato! Alle tre della stessa notte è nato il nostro piccolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono superscettica su "tutte quelle cose che dovrebbero favorire il parto"...

      Elimina
    2. Ma ero già a 40+1, chiesto consiglio alla ginecologa, risposta: camminare e quelle cose provate scientificamente che si dicevano più in alto :). Ma se non si è vicinissime al termine o oltre non sono efficaci.

      Elimina
  24. Io attendo in silenzio. Tranne sporadici sms...quando è toccato a me, ho odiato chi mi scriveva continuamente e mi diceva, dai che oggi nasce! Seehh... Due settimane intere di ritardo!!!!

    RispondiElimina
  25. cavolo qui dopo 10 giorni dal termine inducono! comunque lunedì mattina ho un altro controllo. vediamo vediamo vediamo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quando ho partorito io l'ultims volta, al Buz indicevano dopo 2 settimane, io cmq mi sarei rifiutata ad oltranza, non possono costringerti se il bambino non corre rischi. non mi piace nessun tipo di accanimento terapeutico, soprattutto nel parto che non è una patologia ma qualcosa di fisiologico.

      Elimina
  26. Attendo impaziente la notizia.... Io la sera prima del travaglio facevo sodoku, docce e mangiavo pizza....quest' ultima l'ho poi. Rivista poche ore dopo sul pavimento della sala travaglio. Io se potessi scegliere non partorirei più di notte perchè tra che ti" ricuciono", che allatti e ti riportano in camera si fa giorno ed iniziano le visite! Io dopo il parto vorrei dormireeeeeee! Ora sono alla 11+5....

    RispondiElimina
  27. Avevo degli impegni, mia cara, adesso mi sono liberata per te. tranne domani sera che' son di marchetta in altro ospedale. Insomma, io son l'anestesista perfetta, ma la paziente perfetta dimostra la sua perfezione adeguandosi alle necessità della sua anestesista.

    RispondiElimina
  28. Come svicolare la rottura di scatole a termine gravidanza - lezione 1 (e unica): spargere la voce che farai un cesareo in data X (10gg dopo il termine.) Forse per te è un po' tardi ma potrebbe funzionare. La gente si segna sul calendario una data e si tranquillizza.

    Ha funzionato con mio marito (cesareo previsto per il giorno del termine), poi la ragazza ha deciso di nascere dieci giorni prima e lui si è ritrovato incasinatissimo con i suoi pazienti in studio - io con le contrazioni ogni due minuti e lui che mi rinfacciava: "Avevamo programmato tutto, ora mi tocca rimandare gli appuntamenti", però gli ha evitato la trepidazione.
    Invece da amici e parenti nessuna rottura di scatole, aspettavano tutti l'8 Luglio, quindi il 27 Giugno ho colto tutti di sorpresa. Et voilà.

    Per quanto riguarda le voglie ricordo nitidamente che il pomeriggio precedente ho portato il primogenito sciagurato (2 anni e mezzo) alle giostre e ci siamo divertiti da pazzi sul brucomela (chettidevodire, me lo sono proprio goduto), ho mangiato uno zucchero filato più grosso della pancia e l'ultimo chilo di fave, ma di quelle ne ho mangiate a bizzeffe per tutta la gravidanza.

    RispondiElimina
  29. La mia prima è arrivata parecchio in anticipo quindi nessuno ha fatto in tempo a chiedere. Da una parte ne ero sollevata dall'altro mi è mancato quella specie di conto alla rovescia.
    Col secondo avevo un pancione talmente grosso che, chi non sapeva le date, già a 5 mesi mi chiedeva "allora, manca poco eh, non è che me lo fai qui?" L'ostetrica ad ogni beata visita dal settimo mese mi ripeteva "ci siamo sa, sicuro la prossima settimana mi annulla l'appuntamento perchè è nato". Invece è nato a 39+6, i giorni più lunghi della mia vita. E quando mi dicevano "allora? dai dai, è ora di buttarlo fuori" io mi sentivo di rispondere "ma guarda che non lo sto trattenendo con la forza, anzi. Se sapessi come fare a velocizzare l'avrei già fatto" Insomma mi sembrava che dessero la colpa a me se aspettavo tanto.

    RispondiElimina
  30. Come sai, l'ovetto è nato a 42 settimane dopo tutti i monitoraggi post termine e due scollamenti delle membrane. Il giorno dopo mi avrebbero ricoverato per indurre il parto, e lui ha pensato che forse era il caso di fare da sè... Per fortuna! In ogni caso, anche i commentatori più accaniti avevano perso la loro fantasia e verve, rassegnati a questo ovetto pigrone. Persino i nonni a cui la mattina alle 7 abbiamo affidato l'ovetta per andare in ospedale, hanno chiesto "perchè?dove andate?" Nessuno ci credeva più... Alle 8.30 nasceva!!!

    Dai pupina, forza! Il mondo ti aspetta!

    RispondiElimina
  31. La mia migliore amica, vedendo tutto chiuso, mi chiama alle 20 e mi dice: "casa tua è chiusa da stamattina....... ti disturbo?!" io ero in pieno travaglio urlante in ospedale!!! dopo l'urlo ho ripreso il telefono e sento che mi dice "ok, fammi sapere eh!"
    Adoro ripensare a quel momento......la sua voce era tremante d'emozione per il mio primo parto......
    In generale non mi sono pesate le attenzioni delle mie amiche, ma quando poi siamo tornati a casa ho odiato le continue visite di CHIUNQUE! amiche di parenti di vicini di casa di colleghi......aiuuuuto!!
    Beh, auguri a tutta la family!
    Susy

    RispondiElimina
  32. stai spingendo? :-)

    RispondiElimina