Ho traslocato su erounabravamamma.it

Vi aspetto!

mercoledì 10 dicembre 2014

Ricorrenze

«E tu chi sei?» domandò il Bruco. […] Intimidita, Alice rispose: «Io – a questo punto quasi non lo so più, signore – o meglio, so chi ero stamattina quando mi sono alzata, ma da allora credo di essere cambiata più di una volta».

Tomorrow's gaining speed on you Stamani è arrivata in camera nostra la Pupa, morbida e stropicciata di sonno. «Sono le 8.08, mamma, lo sai?» ha pigolato con i segni del lenzuolo in faccia. Diciassette minuti dopo, maledicendo la sveglia che non era suonata, ho trascinato fuori casa i due ratti maggiori. Io sotto il cappotto indossavo un pile quasi nero, dei jeans macchiati, i fantasmini al posto delle calze. «Siamo arrivati giusti giusti», ha trillato il Pupo con la sua esse da Jovanotti alle 8.39, entrando disinvolto a scuola dal cancello della vergogna. «Non proprio, Pupo», gli ho urlato firmando il registro dei ritardi davanti agli occhi giudicanti della commessa, ma lui era già scomparso in fondo al corridoio.
And love, love will be my strongest weapon Dopo aver lasciato i ratti maggiori, sono tornata a casa in tempo per guardare la Piccolissima cominciare la sua giornata. Assieme a Mike Delfino ho aperto la porta della sua stanza che era inondata di sole, proprio come il giorno in cui è nata. Lei se ne stava sdraiata nel lettino sveglia, tranquilla. Si era messa il ciuccio in bocca da sola, e si guardava le mani. Poi ci ha visto e ha sorriso. 
Make it all okay Pensavo di recente che negli ultimi mesi la Piccolissima ha triplicato il suo peso, ed è cresciuta in altezza di 30 centimetri. Cose che nella vita non le succederanno più. Poi pensavo che ha molti capelli, quasi solo in cima alla testa: sembra un misto tra Fonzie e Rihanna. E poi: cammina, ma solo attaccata ai muri. Scivola insomma felice e prudente lungo la vita, cercando di continuo un punto d'appoggio. Passa tanti minuti ad attaccare e staccare magneti dal frigo: speriamo tutti che, a differenza dei ratti maggiori, sia una persona contemplativa. Mangia volentieri zuppa di cipolla, sogliola, lenticchie. Dice «Am, am» quando qualcosa le piace molto, fa un chiaro «Prrr» quando non gradisce più. Strappa di continuo i peli al cane, poi gli infila la manina in bocca come farebbe un circense mettendo la testa tra le fauci di un leone. Lui resta immobile e si lascia strappare le tonsille mentre scuote perplesso la coda, spennellandole il volto. 
Not again, not today Una volta quand'ero incintissima della Pupa, dieci anni fa, nel backstage del concerto dei R.E.M., ho avuto la fortuna di incontrare Michael Stipe. Lui mi ha posato una mano con le dita piene di cerotti bianchi - gli servivano per non farsi male mentre suonava - sul pancione. L'ha lasciata un po' lì. Era calda. Poi mi ha fissato e mi ha detto: «Have a good delivery».  Mentre l'avevo davanti ho pensato, come sarebbe bello essere sempre guardata così da un uomo.
Forgiveness is the only hope I hold La Piccolissima nel frattempo chiama «mamma» le piastrelle della cucina, i suoi giochi, il padre, i fratelli. Io per ora sono il suo mondo. Da due giorni ha la febbre e il naso che cola, ma non lo sa. Questa settimana non andrà all'asilo, ma non lo sa. Dipende da me, da noi, in tutto; però non sa neanche questo. Stasera dopo cena le abbiamo messo davanti una torta con la sua prima candelina. L'ha guardata con scarso interesse, era stanca, aveva la febbre. Poi ha tentato un sorriso. Oggi il mio amore piccolissimo e grandissimo compie un anno, e nemmeno se lo immagina.

Soundtrack C'è in effetti un bellissimo album dei R.E.M. del 2004, si intitola Around the sun. Ascoltatelo tutto per piacere, specie The final straw. Poi pensate a Michael Stipe su quel palco, con i cerotti bianchi attorno alle dita.


38 commenti:

  1. Auguri Piccolissima!! Un abbraccio sbaciucchioso.

    RispondiElimina
  2. Auguri piccola grande Anna Stella!
    auguri mamma Paola!
    Franz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma Paola, hai cambiato qualche frase del post, o la prima volta che l'ho letto l'ho fatto saltando una riga si e una no, come in quei raccontini scemi che giravano qualche anno fa??
      F

      Elimina
    2. ah ah ah, brava, sì! e sai perché? perché avevo messo online, per sbaglio, una bozza! sigh... la stanchezza

      Elimina
    3. Ahaha! Capita! Bene, vuol dire che non sono ancora cosi irrecuperabile da sognare di leggere cose mai esistite ;-)
      Un abbraccio!

      Elimina
    4. no anzi sei attentissima! abbraccio a te

      Elimina
    5. Ho letto anche io la bozza...mi dispiace che hai tolto una frase..era stupenda!!! :-). Auguri alla piccolissima!!!!!! Un bacio Pamela

      Elimina
    6. allora pamela scrivimi in privato pmaraone@gmail.com per dirmi qual era secondo te la frase stupenda!

      Elimina
  3. Auguri piccola Piccolissima!
    Auguri alla tua bellissima famiglia!

    RispondiElimina
  4. La dolcezza di questa bimba...

    RispondiElimina
  5. Non ci posso credere. Un anno. E io dove sono????
    Sara sari

    RispondiElimina
  6. Che bello. Avrei anche io voglia di cuccioli, ma mi accontenterò della nipotina in arrivo. Comunque "morbida e stropicciata di sonno" è un capolavoro! Rende l'idea da matti!

    RispondiElimina
  7. Bellissimo post! E Auguroni alla Piccolissima! Baci!

    RispondiElimina
  8. come sempre, una gioia leggerti ! grazie

    RispondiElimina
  9. Ormai appena mi compare nell'elenco dei blog che seguo un tuo nuovo post corro a leggerlo..Quello che mi piace del tuo modo di scrivere è che descrivi le tue "vicissitudini da mamma" in modo ironico ma all'improvviso arriva "la tenerezza" (come quando parli della camera inondata di sole ). Non so se sono stata in grado di spiegarmi ma...mi piace da matti leggerti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e io, io dovrei scrivere più spesso...

      Elimina
  10. Tantissimi auguri alla piccolissima, che, parafrasando i Modena City Ramblers "è un dono mandato dal cielo".

    RispondiElimina
  11. auguri alla piccolissima! adoro la pazienza di Laccio e che bello l'aneddoto su Stipe, un post stracolmo di tenerezze

    RispondiElimina
  12. ok, io ti adoro. Adoro i tuoi racconi di mamma, di giornalista, di musicofila, di donna, e le tue soundtrack sono sempre bellissime. E questo post è di una dolcezza incredibile, c'è tutto l'amore universale che una mamma nutre verso suua figlia...
    Ti seguo da tanto ma non ricordo se ti ho commentata, in passato, credo di sì... però complimenti, davvero, sei una gran bella persona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono queste le cose che amo sentire... un grande grazie dal profondo del cuore

      Elimina
  13. auguri piccolissima! mi sono commossa un po'! ora posso dire di avere un primo obiettivo da realizzare nell'anno nuovo: recuperare l'album dei R.E.M del 2004;) un bacio

    RispondiElimina
  14. Oggi il mio amore piccolissimo e grandissimo compie un anno, e nemmeno se lo immagina.

    la mia piccola ha solo 6 mesi più della tua, e questa inconsapevolezza tenerissima la sta già pian piano perdendo.
    mi hai fatto commuovere.
    tanti auguri

    RispondiElimina
  15. Mi hai fatto ricordare il 1° compleanno della mia bimba che ne ha appena compiuti 6...
    La cosa su cui mi hai fatto riflettere è che Elena forse non aveva consapevolezza del fatto che stesse compiendo 1 anno, ma sicuramente era pienamente cosciente del fatto che fosse un giorno ed una festa tutta per lei... e non parlo solo della contentezza per i regali, era felice perché tante persone erano lì per festeggiarla e la ricordo che corre avanti indietro con la sua salopette di jeans ed in mano un nastrino rosa di un regalo agitandolo felice...
    Grazie per avermi "rinfrescato" la memoria.
    Auguri alla Piccolissima
    Sara

    RispondiElimina
  16. Ma già un anno?? caspita!
    ...che invidia quella mano sul pancione, e come capisco quel voler essere sempre guardata così.
    Ho giusto scritto a riguardo ieri.
    sigh sigh.

    ps: ascolterò il disco, ho giusto bisogno di musica nuova...

    RispondiElimina
  17. ah lisa! è bellissimo, sentirai.

    RispondiElimina
  18. Auguri, Piccolissima. Il raffreddore passerà, la totale dipendenza dai genitori anche, l'inconsapevolezza si scioglierà piano piano, ma di certo mai l'amore di una mamma (e di un papà, eh), stanne certa.

    Mamma ratta...la luce (della stanza di Anna allora e oggi, la luce nel vostro cuore, la luce negli occhi dei nostri figli...) dopo un percorso buio e doloroso risplende ancora di più. Vero?

    RispondiElimina
  19. non vero, verissimo. te lo posso assicurare.

    RispondiElimina
  20. Crescendo capiamo che l'amore per i figli non si misura nella dimensione della torta che gli commissioniamo per il suo primo compleanno ma nella dimensione dell'amore nelle piccole cose quotidiane.
    Per il primo figlio ho fatto grandi cose e ho sofferto per il suo disinteresse, per il secondo ho fatto finta di niente e ha sorriso per le attenzioni che davo a lui e non alla preparazione della festa.
    Se solo nascessimo saggi già al primo figlio saremmo destinati a fare grandi cose. Invece rimarremo semplici genitori sempre in continua ricerca.
    ;-)

    RispondiElimina
  21. Come sempre bellissimo leggerti.. Augurissimi alla piccolissima che in un lampo ha già compiuto un anno.. che meraviglia l'innocenza e la completa dipendenza che hanno a questa età..anche se a volte è sicuramente stancante però quanto amore c'è negli occhi di un bimbo che sorridendo ti guarda e sussurra "mamma"

    RispondiElimina
  22. Auguri piccolissima! E un bravissima alla tua mamma che come sembre riesce a scrivere le emozioni che sentiamo ma che non riusciamo ad esprimere...da pelle d'oca pensando alla mia cucciola quasi unenne che anche lei è inconsapevole di crescere e mi guarda come se io fossi il suo sole...

    RispondiElimina
  23. Augurissimi alla Piccolissima, che oramai tanto piccolissima non è... è emozionante vederli crescere, e sembra ieri che lei la Piccolissima Anna Stella è nata.
    Sabato scorso abbiamo avuto la conferma che nella pancia della Mamma, cioè nella mia pancia, c'è una femmina, e chiedendo al Sonte e a Leone se ne fossero contenti, il Sonte ha detto "preferivo un macchio", e Leone ha proferito un "Bau", come dire vorrei che nella tua pancia ci fosse un cane... era ora che lo scrivessi da qualche parte e il tuo blog mi è sembrato il posto giusto!

    RispondiElimina
  24. Ho capito, voglio i tuoi libri per Natale! Non c'è un post che non mi regali emozioni. Auguri in ritardoooo! P.s.oggi il mio piccolo Buddha ha compiuto 6 mesi!

    RispondiElimina