Ho traslocato su erounabravamamma.it

Vi aspetto!

giovedì 8 aprile 2010

Incidenti domestici con bambini, uomini e chiavi

Ma il Pupo ci è o ci fa?
Siamo curiosamente vittime della maledizione delle chiavi. Tutto è cominciato la scorsa settimana. Sono tornata a casa un tardo pomeriggio dal lavoro, e ho trovato mia mamma più pallida e affranta del solito. "Che è successo?". "Ma, niente". "No dai, dimmi". "Dai vabbe', l'importante è che sia andato tutto a finir bene". "?". "Oggi il Pupo si è chiuso in casa". "Come, chiuso in casa?". "Ero uscita per un attimo nel patio e ho sentito la porta sbattere alle mie spalle. Era il Pupo, con quel corpaccione è riuscito a spingerla". "E allora?". "Allora il problema è che ha girato il nottolino".
Dunque. Questo ragazzino che ancora non parla (ma fa benissimo l'imitazione dei rutti) a 17 mesi scarsi è riuscito a capire che doveva ruotare il nottolino per chiudersi ermeticamente in casa. "Poi è venuto dietro la porta a vetri e mi faceva ciao, ciao, con la manina, tutto soddisfatto". "E tu?". "Niente, credevo di morire. Le chiavi ovviamente le avevo lasciate dentro - del resto come potevo pensare che in 6 secondi facesse una cosa simile - e mi sono messa a urlare. Sono arrivati tre uomini della casa-cantiere, attirati dalle mie grida. Un po' lo blandivo, 'Dai, amore della nonna, adesso però apri', un po' mi partiva l'embolo e urlavo: 'Sceeemo! Apri! Non fare l'idiota!'. Ti rendi conto - sigh - l'ho chiamato scemo. Sono una nonna degenere". "Ma che degenere, io avrei sfondato il vetro blindato a testate". "Infatti anche uno degli uomini aveva avuto quest'idea. Voleva prendere una delle mazze che usano in cantiere per spaccarlo". "E poi?". "Poi il cretino - cioè, tuo figlio - è tornato alla porta, ha girato di nuovo il nottolino e scroc, scroc, scroc: l'ha aperta di nuovo. Si è anche applaudito da solo".
(...)
L'altra sera invece l'eroico Mike Delfino era fuori per lavoro fino a tarda notte. Ore 1.30, quando ormai ero scivolata nel coma depassé: "Driiiin, driiin". Il mio telefonino che suona. Con un infarto in corso ho risposto, "Bleurgh?". "Scusa, stella, ho dimenticato le chiavi". Sono scesa a tentoni nel buio senza capire nemmeno dove fossi. A due gradini dalla fine mi sono accorta di averli mancati. I gradini, appunto. Ho messo un piede in fallo, sono caduta, anche nell'oscurità più totale ho realizzato di essermi fatta male alla caviglia sinistra. Ho invocato i santi a me più cari, saltellando sulla gamba destra sono arrivata alla porta, ho aperto a Mike con la bava alla bocca, però mantenendo un dignitoso silenzio. "Perché sali le scale a cagnolino, stella?". "Perché mi sono rotta un piede", ho bofonchiato. Poi un po' per il male, un po' per la rabbia non sono riuscita a riaddormentarmi per ore.
(...)
Ieri mattina mi sono attardata in casa per qualche faccenda domestica imprescindibile tipo riordinare i disegni della Pupa e metterci date e titoli. "Il supermercato di Topolino", circa marzo 2009. "Topolino e la carta da buttare". "Il cane che non voleva caccare". "La casa di Minnie e tutti i pompieri di Topolinia" (questo vagamente porno). "La carta da buttare/2" (il sequel del precedente). "Topolino fa inciampotto al mare". "Barbapapà va in campagna con quegli assi dei suoi figli". E via dicendo. I disegni della Pupa sono molto divertenti.
Poi sono andata al cassetto delle chiavi per cercare quella della macchina. Ebbene Mike Delfino se l'era portata via per sbaglio. Inoltre ha perso la copia e anziché rifarla ha finto di dimenticarsene per mesi. Ovviamente ero in ritardo al lavoro, e coi mezzi ci metto una vita; in più avevo un appuntamento a pranzo che ho dovuto rimandare, e non ho potuto nemmeno fare la spesa. Mi è venuto da piangere, ero stanchissima per la notte insonne e la caviglia pulsava. Ho chiamato Mike Delfino e gli ho detto senza urlare quelle quattro cose che pensavo di lui. La giornata è stata un disastro ma la sera, ragazzi, che bel mazzo di rose a gambo lungo mi ha portato.

24 commenti:

  1. dai amica, t'è andata bene!!!
    andrea mi porta via le chiavi della macchina un giorno si e l'altro pure...ma mai un mazzo di rose a gambo lungo...e poveraccia tua madre!!!

    RispondiElimina
  2. Caspita... bisogna che le chiavi te le leghi al collo, così nessuno le porta via e il pupo non si chiude in casa da solo, eh eh. Chissà che spavento la nonna... A noi, (ancora!), non è successo...ma penso che prima o poi ci toccherà perchè questi bimbi sono davvero veloci e furbetti!

    RispondiElimina
  3. Ahahah sei davvero un mito anche se diciamocelo, hai una famiglia che ti aiuta ;)
    A me ne è capitata un'altra. tempo fa Babbogiramondo uscendo per andare a lavoro ci ha chiusi dentro e si è portato via le chiavi. Ovviamente per tutta una serie di coincidenze che non sto a dirti. Almeno spero... La cosa pazzesca è che oltre a essere dovuti rimanere segregati in casa tutto il giorno è arrivato pure il postino. Posta da firmare naturalmente. non ti dico per spiegargli che NON potevo aprire...

    RispondiElimina
  4. Povera nonna, che bambino diabolicamente in gamba!
    La Metà-della-Mela ne combina di cose, ma mai che mi porti le rose, uff...Fortunella...^^

    RispondiElimina
  5. com'è che io non la spunto mai invece?cioè,regali sì,ma mai la soddisfazione di pescarlo a fare cavolate.lui non sbaglia...grrrrr che nerviii!!!!

    RispondiElimina
  6. dai alla fine però è andata bene!! :) pure il mio compagno ha fatto così da piccola, spero nostra figlia non abbia preso troppo dal papà!! ;)

    RispondiElimina
  7. povera stella...mio figlio quando aveva 14 mesi (aveva appena imparato a camminare) scappò di casa mentre davamo una festa, non ti dico che spavento! per fortuna nella strada dove abito io siamo solo tre proprietari e non passa nessuno:-/

    RispondiElimina
  8. @supermamma, che spavento sì: mi ricorda tanto mio fratello, che a 2 anni tentò di attraversare la statale da solo. @amrita, non è possibile che non sbagli mai: ma è umano? cioè tipo, in casa è bravissimo, non si dimentica niente, sa fare la spesa e magari cucina anche bene?

    RispondiElimina
  9. passi dal mio blog? c'è un regalo per te :-)

    RispondiElimina
  10. ...ah io non mi sarei persa l'occasione per chiamare i pompieri! mi fanno sempre emozionare e mio marito mi prende in giro..
    a proposito, una volta ho lasciato un po' di biberon a bollire, li ho dimenticati lì, siamo andati a un battesimo a Basiano..al ritorno grande puzza, la fiamma accesa, i biberon in parte fusi (le tettarelle in silicone) e in parte polverizzati (le parti dure) ma grazie a Dio nient'altro!!
    Paola hai un modo di scrivere bellissimo, sembra di vederli dipinti

    RispondiElimina
  11. sì vabbè, mazzo di rose, il mio manco quello mi avrebbe portato, e magari avrebbe detto che era pure colpa mia :-(

    RispondiElimina
  12. FranciLeoLudo9 aprile 2010 23:28

    oh no Paola! giusto settimana scorsa ho visto lo spettro della situazione bimbidentrochiusiachiave. macchina parcheggiata davanti a casa, io e fidanzato a scaricare le vagonate di cose di ritorno da 4 giorni di montagna, pupi in macchina a "guidare". pupino (quasi due anni) che gioca con tasti e fa per bloccare la serratura.....gulp! io che non ho il coraggio di chiedere a fidanzato se aveva le chiavi in tasca.......non so, non so nemmeno come sia andata, so solo che non è successo e in compenso l'ho visto (il guaio in agguato) e mi sono sentita male anche così! help!!!!.... che stra mito però il pupo tuo!!!!!

    RispondiElimina
  13. No vabbè questa del nottolino è da morire... sto ancora ridendo :D
    E' stato un piacere!
    W.

    RispondiElimina
  14. ecco ... questo e' quello che mi hai spiegato a grandi linee venerdi' quando ci siamo viste ... in effetti eri un po' provata!
    per la caviglia ... quanto ti capisco!
    e per gli uomini ... direi, idem.

    bacio, spero di rivederti prestissimo!
    paola

    RispondiElimina
  15. "Il cane che non voleva caccare" mi ha fatto tantissimo ridere

    RispondiElimina
  16. Piacere mio! Scusa se non ti sono venuta a parlare, non ero sicura che non preferissi startene sulle tue... Magari ci sarà un'altra occasione!

    RispondiElimina
  17. L'idea di dare titoli ai disegni è fantastica, credo proprio che la copierò;-) per il resto cosa dirti? mal comune... io vivo con un "Uomo Altrove", nove su dieci, quando prende la mia macchina, lascia le chiavi attaccate allo sportello :-( e di rose a gambo lungo neanche l'ombra...

    RispondiElimina
  18. certo, probabilemte anche mike delfino si sarà applaudito da solo quando ti ha protato le rose...
    sono cosi, questi uomini: combinano marachelle (dal chiudersi in casa a dimenticare le chiavi) e poi si fanno perdonare. e in più, si trovano irresistibili. che adorabili canaglie...

    RispondiElimina
  19. E' sempre così con te: anche Matilde ha fatto lo stesso scherzo delle chiavi chiudendosi nel bagno di una casa in affitto a Londra la mattina della partenza, ma se lo raccontassi non farei ridere nessuno a voce alta come riesci a fare tu! Quanto al particolare delle rose, lo dovevi proprio agigungere per farci schiattare?!

    RispondiElimina
  20. ragazze, però questa cosa delle rose vi ha colpito un po' troppo... certo ne sono stata felice, però bisogna anche considerare che mi ero praticamente rotta una gamba...

    RispondiElimina
  21. a me ha colpito che ti chiami stella...la trovo una cosa romantica + delle rose! ;) regalaci presto un altro post!

    RispondiElimina
  22. Ahhaahahahahahah me la immagino tua madre Paul-a!
    Isterica che insulta il corpicione!
    Grandioso blog, non sapevo che ne scrivessi uno così divertente!
    Da oggi mi faccio il feed ;-)
    Baci bella!
    Annalisa

    RispondiElimina
  23. Sei sempre fantastica, è un piacere leggerti!
    vistodalei.splinder.com

    RispondiElimina
  24. Hahahhaha! Niente oggi due post mi sono letta e sto ancora qua a ridere.
    Sei davvero divertente. Curioso aver scoperto il tuo blog solo ora. Meglio tardi che mai!

    RispondiElimina