Ho traslocato su erounabravamamma.it

Vi aspetto!

giovedì 15 aprile 2010

Madri temporaneamente single

Ci sono certe fasce orarie critiche, ma a ben pensarci anche divertenti

Il mio amico Paolo definisce "ora del lupo" quell'infausto intervallo temporale che più o meno va dalle 18 alle 20,30. Chi non ha figli cerca di superare la faticosa fascia oraria con l'aiuto di qualche mojito, chi ce li ha è inchiodato: i bambini sono stanchi e nervosi, sfamarlilavarlimetterlialetto è un'impresa, spesso si è solE (i fidanzati e i mariti hanno sempre qualche buon motivo per rientrare più tardi). La mia amica Annalisa Corbo, che mi ha dato il permesso di pubblicare questo bel post (l'ho solo un po' riassunto), ben descrive quel che succede:
«Protagonisti sono i bambini esagitati che abitano a casa mia, meglio conosciuti come i miei figli: Tito "piedi di Simba", 4 anni, e Anita "Ovasoda piedi di Porco", 2 anni, di recente nota anche come Memole dolce Memole.
Premessa:
La vita di una mamma nel tardo pomeriggio è scandita da rigidissime scadenze orarie che se non sono rispettate generano caos. Per esempio, dalle 18.30 alle 19.00 la mamma deve tendenzialmente essere lasciata in pace perché deve cucinare e se viene pronto oltre le 19, i nani cominciano a "diventare molli" e non si riescono più a issare sul seggiolone.

Il "diventare molli" è una sorta di crisi ipoglicemica che prende principalmente il grande.
Se provi a prenderlo in braccio è un corpo molle privo di scheletro.
Se lo tiri su per un braccino, rischi di staccarglielo o di fare effetto uomo gomma.
Sarebbe d'uopo un'armaturina radiocomandata rigida che fungesse da esoscheletro tipo ragno meccanico, in questi casi.
Famosissima, infatti, è la frase di Tito: "Mooommooo, sono molle, non posso lavarmi le mani" La vocale "A" nella parola "mamma" quando i muscoli facciali del maschio sono fuori uso non riesce ad essere articolata.
"Mooommooo, sono molle, non posso fare la pipì. Mooommooo sono molle, non posso sedermi sulla sedia... mooommooo sono molle, non posso parlare... Moommooo sono molle, mi cade la testaaa...".

A volte i nani, appena si parte con la cucinanza, giocano ai piedi della mamma. E va bene.

Altre volte l'aiuto principale in questi casi è la TV con un bel dvd.

Ore 18.25 Scelti i corti Pixar.
Fico, sono perfettamente in tempo, sono una grande.
"Ragazzi! Prima di iniziare a vedere i cartoni, si fa pipì e ci si lava le manine! Così appena finiscono, si corre di filato a tavola se no poi diventate molli. Ok?".
Tito, che per i Corti Pixar si venderebbe sua madre, cioè me, si fionda con spirito agonistico in bagno. Piscia, lava le mani ed è pronto per i cartoni.

Ore 18.28 Anita dice, da donnina: "No mamma, la pipì non ccappa, io lavo le manine e batta".
Che fai, la obblighi? Certo che no. "Va bene amore mio... quanto sei grande! quanto sei giudiziosa! Lava le manine e vai a vedere i tuoi cartoni".

Ore 18.28 Lavandosi le mani, Anita infila deliberatamente la testa sotto il getto d'acqua fredda del bidet.
"Anita, ma cosa fai?" Memole ride. Con la testa sgocciolante. E corre. Corre per tutta la casa.
"Ova soda! Torna qui, stai ferma, vieni qui, Ova vieni qui!".
Anita arriva piagnucolando ma non vuole farsi prendere: "Mamma sono bagnata. Anche la baggiana! Anche i piedini!"
Se n'è accorta.

Ore 18.35 Ova Soda, dopo un rocambolesco inseguimento durante il quale ha sbidoneggiato 2 volte rischiando di cadere rovinosamente nelle pozze da lei stessa lasciate, è ora nuda, felice, avvolta in un asciugamano gigante, tenuta sollevata da terra appoggiata alle mie ossa del bacino, di lato. Con l'altro braccio cerco il telecomando del dvd che Tito, nel frattempo, ha spento.

Ore 18.45 Tito, nel tentativo di usare il dvd e di azionare i cartoni, ha fatto cadere il telecomando e le pile sono schizzate via. Anche il coperchio delle pile non c'è più. Cerca, ricerca (il mio pavimento è verde scuro variegato effetto tomba, perfettamente mimetico).
"Mooommooo mooommooo alloLa! I CaLtoni!"
"Tito, amore, non possiamo maneggiare il dvd se non trovo il telecomando, capisci (essere inferiore, maschio idiota)?"
"Mooommooo ma peLché non inizia?"
E Anita da sotto l'ascella: "Mamma mamma? I cartoni?"
"Mooommooo mooommooo non inizia!"
Lo trovo. Dio c'è. Trovo la pila mancante, il telecomando, trovo tutto.

Ore 18.55 Asciugo i capelli a Ova, la rivesto (a questo punto con un pigiamino che la rende ancora più Memole), cerco di metterle le calze ai piedi anche se so che i piedi di Porco amano stare nudi, possibilmente su un pavimento sporco.

Ore 18.55 Ova è davanti ai cartoni. La crisi ipoglicemica che rende inutilizzabili e privi di scheletro i nani comincia a dare i primi segnali. Io, per evitare ulteriori bagni di sangue, vado in giro ad asciugare le pozze d'acqua della palude della mia casa-tomba con straccio e spazzolone.

Ore 19.05 La mia fissazione per gli orari comincia a farmi provare un certo disagio. Sto per mettere l'acqua nella pentola e... "Mama! mi sono picciata addosso!".
Quando mai? Quando mai la femmina si piscia addosso? Non succede mai. Oggi sì, oggi che inizio a cucinare alle 19, Anita, che non ha voluto pisciare prima, ora se l'è fatta addosso.
Sul divano c'è una pozza. E lei piagnucola, ancora una volta: "Mama! sono bagnata".

Ore 19.15 Anita ha su un pigiamino nuovo e delle mutandine da mangiarsela. I vestiti sporchi di piscia sono nella vasca da bagno. E' l'ora del divano. Prendo la spugna, la bagno, la gratto sul sapone di marsiglia e via! Come insegna Amal (la colf della mia mamma).
(da leggere con accento nord africano concitato di una pazza): "Quando materasso sporco di pipì, bagna spugna, passala su sapone, vai su macchia e picchia materasso forrrte forrrte
TATATATATATATATATATATATATA
TATATATATATATATA!
Così, vedi?
TATTAATTAATATATATTATAATATTAATTATATATATATATATA
Così la pipì sale su ed esce"
Amal è un genio della pulizia. Io no. Il divano è zuppo di acqua, sapone di marsiglia, non riesco a risciacquarlo... puzza di pipì di Ovasoda (che odora vagamente di uova di storione marce).
Ma dov'è Cristiano, mio marito? Dov'è? Mi ha detto che doveva rientrare alle 7, dov'è?

Ore 19.35 DRRRIIIIIINN. Nome sul telefono: Cri. Rispondo: "Codi, sono stato presissim...."
"Vaffan". Clic.

Ore 19.40 Metto su l'acqua della pasta. Rinuncio all'idea di cucinare il secondo ed esco i tattici piselli, almeno un po' di proteine le assumono.
Nel frattempo i Corti Pixar hanno già fatto due giri e la scena che mi si presenta quando vado a chiamare i nani di là e la seguente: tutti e due sono sul tappeto, la bocca semi spalancata, gli occhi vitrei fissi sul ciclo del menu del dvd ormai terminato da 10 minuti.
Sembra un film dell'orrore.
La mollezza è arrivata e li ha rapiti!
Le braccia sono abbandonate lungo il corpicino di entrambi e i piedi di porco sembrano quasi piedi normali. Non hanno più tonicità.
"Bambini, è... ehm... quasi pronto! (in realtà manca ancora almeno un quarto d'ora)."
Silenzio.
"Ragazzi, allora, conto fino a 3 se non vi muovete e spegnete quella TV poi arrivo e..."
Tito: "mooommooo... sono molleeee..."

Ore 20.00
CLIC
CLIC
Entra il capofamiglia.
"Ah, ma non avete ancora mangiato?"
"CristiOOOnoooo, sono moooolle sono moooolle..."»

37 commenti:

  1. Rido di questo racconto, ma ecco a dir la verità questa scena è piuttosto familiare...spesso mi programmo e poi tutto va a rotoli. Spesso finisco per cucinare con la piccola attaccata alle gambe o che si diverte a vuotare la cucina per restare impegnata. Spesso salta fuori dal frigo il pesto pronto o la pomarola della nonna per fare presto e il simpatico karateka, entrato in casa preciso quando scolo la pasta serafico esordisce dicendo: "non potevi fare qualcosa di più sfizioso..." Mavvafff...
    baci

    RispondiElimina
  2. ah ah, ma questa è la mia vita quotidiana! con un paio di variazioni sul tema:
    1) "padre" non arriva e non telefona neppure, quindi il liberatorio "ma vaff" viene trattenuto all'interno dello stomaco e sfocia ben presto nella gastrite;
    2) l'80% delle volte che, dopo aver messo assieme una specie di cena oltre le 20, chiamo a tavola i mostri piazzati di fronte a un dvd, la mollezza le ha prese al punto che dormono, per cui ceno sola, con il senso di colpa perchè loro saranno trasferite nel letto a stomaco vuoto, e con la paranoia di trovarmele alle 4 completamente impisciate, che mi svegliano dicendo "mamma, sono un po' sudata".
    La tua amica che ha descritto il tutto è un genio e merita un abbraccio solidale.

    RispondiElimina
  3. L'altra sera: la Spucci è stata insopportabile tutto il pomeriggio (i dentini... poi lei ne mette almeno due alla volta), ha devastato casa che neanche un uragano. sono arrivata alle 18.45: l'ho tuffata nella vasca, dove generalmente sta tranquilla e gioca. invece un sali, scendi, alzati, siediti, prendi la spugna, tirala, urla perché non c'è quello che vuole (e vai a capire cosa vuole). Suona il telefono "amore ciao come va io sono uscito adesso!". "che cazz vuoi anche tu???!!!". che dire, altro che ora del lupo... necessiterei di attrezzatura adeguata! (per fortuna non è tutti i giorni così, e soprattutto adesso che non piove la posso tener fuori fino alle sei di sera!

    RispondiElimina
  4. @mammolina: anch'io ho il marito karateka (e lo sono stata anch'io per 15 anni poi sono nati i figli..)
    lui insegan pure e due sere rientra alle 22, poi cìè lo stage due we all'anno e il corso istruttori una domenica al mese..
    le altre sere con varie scuse non arriva mai prima delle 20:30!!
    la definiizone "ora del lupo" è GENIALE.
    io da quando c'è Viola mi sono procurata un supporto dalle 19 alle 21 tre sere a settimana. le altre sere me la cavo, mi piace farcela da sola, però si mangia pane e formaggio o yogurt e cereali o quando ve bene scongelo qualcosa!
    io li tengo fuori fino alle 19 massacrandomi tra parchi e ludoteche se piove, alla sera io sono da buttare ma loro no, sono tosti!!

    RispondiElimina
  5. sì ma io dico, a voi non vengono i sensi di colpa? a me un po' sì perché mi piacerebbe cucinare qualcosa di diverso e mi sono pure presa un sacco di librini tipo "101 ricette per grandi e piccini" e poi faccio sempre il purè in busta e il pollo al limoneeeeeeeeee

    RispondiElimina
  6. Ma questi papà sono la fine del mondo!!!!!tutti uguali....quando il pupetto scalciava ancora nella pancia tornava sempre presto x vedere se ancora stavo vomitando e farmi qualke massaggino,stirare e apparecchiare...da quando è nato...torna sempre tardi il bimbo "mamma-dipendente" non ne vuole sapere del papà così mi rassegno a tenerlo in braccio mentre (quando) cucino il bon roll ke si è scongelato all'ultimo....poi il bimbo inizia a piangere ke ha fame e sonno sempre quando ci si sta x sedere a tavola...l'uomo con 2 mani non riesce nemmeno a cambiare un pannolino piscioso mentre noi con 1 mano sorreggiamo il "batuffolo" con l'altra giriamo il sugo e con una gamba apriamo la porta al cane....altro ke "ora del lupo"!!io il lupo me lo mangio a colazione!!

    RispondiElimina
  7. Eccomi! Ebbene sì, sono io la Annalisa Corbo disperata che Paola ha citato in questo post.
    Grazie Polly per il genio!
    La cosa che mi fa troppo ridere è che ogni tanto penso: ma perché tutte a me le sfighe e alle altre i figli sereni? Sarà che quando ero incinta ascoltavo il new metal?
    Invece vedo che anche a voi sfiga vi coglie. Meglio, mal comune mezzo gaudio (e lo dico da bastarda dentro) :-D
    Sarebbe da andare a vivere tutte insieme... solo donne e bambini. E i maschi, all'età della pubertà, via con i papà!
    :-D
    Immaginate come galopperebbe la nostra vita?
    Così l'ora del lupo si trasformerebbe nell'ora della... Lupa! (parola che da maschile a femminile assume tutt'altro senso).
    Ciao a tutte e grazie Paolina per avermi ospitata! Non lo mollo più sto blog, troppo vivo e divertente!
    *smack*

    RispondiElimina
  8. @lisa, grazie a te! più lo rileggo e più rido.
    @paolo, vieni a mangiarlo una sera? puoi sceglier tu quale, tanto lo faccio sempre.

    RispondiElimina
  9. fantastico. assolutamente. concordo anche sulle premesse, e vuoi sapere chi mi chiama al telefono regolarmente per chiaccherare in piena fascia oraria critica? ogni volta che chiama? nonostante glielo abbia spiegato diecimila volte? Se squilla il telefono tra le 19 e le 20 è mia suocera: al 300%! quando sono particolarmente provata, ormai, mi rifiuto di rispondere anche se lei sa benissimo che sono in casa!

    RispondiElimina
  10. Il nostro di "Papà" quelle settimane che rientra alle 21.30 mi avvisa al suo rientro che "no, grazie, non mangio", il perchè nelle varianti:1- mi sono aggiustato 2- non ho appetito 3- preferisco una tazza di the(questa poi!) la grande appena entrate in casa al rientro da scuola in due nanosecondi netti si è vestita da perfetta ballerina con body calzamaglie scarpette e scaldammuscoli....combina piroette e passi di danza per tutta la sala e dopo dieci minuti ho le vertigini,la neonata (che naturalmente soffre di reflusso) appena ha mangiato devi tenerla su almeno per due ore dopo la poppata, poppata artificiale con altro connesso senso di colpa....che ridere poi quando la fantastica mamma decide che quello è il momento giusto per chiacchierare intensamente di qualche "scemità" perchè dopo cena è impegnata conL'ISOLA DEI FAMOSI e non può perdersi neanche una parola....ah, ah, ah,ah che ridere.

    RispondiElimina
  11. ah ah ah!!!!!!!!!!!! ho due figli di 4 e 2 anni(anche se maschi entrambi...ehm...): sembra una serata a casa nostra, a parte il pavimento grigio chiaro. e solo che mio marito si chiama raffaele. beh, ora che ci penso c'è un'altra differenza. non è mio marito. (e continua a chiedersi perchè sono reticente a sposarlo!) ;)

    RispondiElimina
  12. Mamma mia quanto è vero!!!io ho deciso di anticipare il bagnetto del Cucciolo alla mattina, perché se ci mettevo in mezzo a tutto sto caos anche il bagnetto del neonato urlante finivo per cenare alle 22 tutte le sere!!!:-( e in tutto questo, vogliamo aggiungere le frasi assurde dei maritini che quando gli si fa "dolcemente" notare che avremmo bisogno di un piccolo aiutino ti rispondono: "ma se ieri ho PURE sparecchiato!!!"

    RispondiElimina
  13. daniela - narayan[at]email.it16 aprile 2010 11:07

    La mia pupina di dieci mesi schifa l'orrendo pappone o la pastina se vado oltre le 19 e pochi minuti più in là, solo che io pretendo di passeggiare e farle il bagno prima di mangiare, cominciando il tutto alle 18. Poi oltre a lei mi tocca anche un marito con cui non è possibile organizzare nulla perché magari torna a casa e "non ho fame" o "non mi va". In genere cede solo ai 4 salti in padella pappardelle al ragù di cinghiale e per il resto ormai si arrangia con quel che trova. Chissà cosa dovrò vivere quando anche la piccola inizierà a mangiare più o meno come un essere umano.

    RispondiElimina
  14. Io invece ho tirato i remi in barca. Da quando devo dare la pappa al Topo (6 mesi e mezzo, due denti, 10 chili e 70 cm) che mangia come un bufalo, non preparo più la cena. MAI. Già ho avuto lo shock del dover spentolare invece di tirar fuori la tetta et voilà. Poi ho ripreso a lavorare e dalla mattina mi toccano (come credo alla maggior parte di voi) certe acrobazie che è roba da funamboli. Quindi: il dottor Ross è fisso ai fornelli. E cucina pure bene. Valorizzo il suo talento, mettiamola così, e nel frattempo mi godo bucato, riordino, lista della spesa, divisione dei rifiuti e pupo da cambiare-calmare-mettere a letto. Lui si limita a fare lo chef, io faccio più o meno tutto il resto. Ieri mia madre ha cercato di farmi sentire in colpa per il mio sciopero serale dei fornelli. L'ho quasi mangiata.

    RispondiElimina
  15. @Paola: no, nessun senso di colpa culinario, ogni settimana circa faccio un dolce sfizioso e mi sento a posto con la coscienza!!
    dovrebbe averli lui, i sensi di colpa, a lasciarmi lì tutte le sere in balia della prole!!

    RispondiElimina
  16. ussignur mi sto scompisciando dalle risate e considerando che dall'ora del lupo ci sono appena uscita è un buon risultato....e con due gemelli di dieci mesi ve la raccomando ... mio marito quando rientra ha due "approci"
    a- io sul divano con bimbi serpenti semi addormentati ma nn ancora x il lettino che strisciano in due direzioni opposte tentando di buttarsi a testa in giu0 ..lui: ciao sono stanchissimo vado a farmi la doccia..
    b - io a preparare la nostra cena - bimbi a nanna - lui: che peccato son già a nanna e io nn li ho salutati nemmeno ....

    e certo ;)

    RispondiElimina
  17. @Daniela-narayan: ma faglielo dopo il bagno, che si rilassa anche (e si addormenta meglio). non mi dire che fai come quando eravamo piccole e al mare ci dicevamo: niente bagno per tre ore dopo che hai mangiato...
    @Micol: hai ragione. hairagionehairagionehairagione
    @tutte le altre: dio, com'è consolante leggervi. in tutto ciò Mike Delfino folleggia per il Fuori Salone, e un suo amico francese ubriaco, la notte scorsa, mi ha telefonato per sbaglio alle tre, svegliandomi. Ci ho messo due ore a riaddormentarmi (mi era venuto un infarto, in più non trovavo Mike Delfino, poi l'ho rinvenuto svenuto su una poltrona al piano di sotto, resta il mistero del perché il francese mi abbia chiamato alle tre di notte, putain). stamani alle sei e ventisei sveglia Pupo... e Mike poveretto essendo andato a letto così tardi non poteva certo alzarsi lui...

    RispondiElimina
  18. a proposito di "ora del lupo", a casa nostra c'è "l'ora del Campari"..praticamente è l'attimo che scatta sempre prima di andare a tavola, ma a volte anche durante la cena, quando al posto dell'aperitivo, tutti i figli decidono di fare la cacca in contemporanea!! e allora noi gli cantiamo: "questa è l'ora senza pariii questa è l'ora del Campari!"

    RispondiElimina
  19. domandona: ma la voglia del secondo figlio quando germoglia? viprego viprego sento che voi madridoppie sapete qualcosa che io non so.

    mamma di un figlio

    RispondiElimina
  20. daniela - narayan18 aprile 2010 21:49

    @Paola, sono così stordita che l'idea di farle il bagno dopo la cena non mi è mai passata per la testa! Proverò sicuramente ;-)
    @Anonima, io il secondo lo farei anche ora, poi al di là della voglia ci sono altri n problemi (soldi, lavoro eccetera) che ci fanno esitare, ma qui si aprirebbe tutto un altro discorso che, appunto, con la voglia ha niente a che fare.

    RispondiElimina
  21. @daniela, lieta di averti dato un prezioso consiglio... è in momenti come questo che mi sento davvero utile ;-)
    @anonima, secondo me bisogna superare un po' le paure e buttarsi, tra l'altro debbo dire che passati i primi mesi i pupi tendono a tenersi compagnia e occuparsi di due di loro assieme è molto più divertente che non seguirne uno solo; quando interagiscono tra loro fanno morire dal ridere e questo ti fa dimenticare la stanchezza. A me fa piegare la Pupa che fa gli occhi furbi e lampeggianti e bisbiglia al Pupo: "Scappa, fratellino, scappa!" e lui ride isterico e va a nascondersi in dispensa/ sotto il divano/ nel "boz" doccia con lei che lo incita complice sentendosi un genio del male. beata innocenza

    RispondiElimina
  22. @anonima, la voglia di figli germoglia secondo me nel cuore e non nella testa..è una questione di buttarsi, i figli sono speranza! e la gravidanza è una cura di bellezza e gioventù..a me a un certo punto viene nostalgia..comincio a stare un po' meno attenta e la cosa mi dà un certo brivido..lascio che accada..
    come dice Paola, gestire più figli è più divertente e facile che gestire un figlio unico..loro giocano insieme e ok, a volte si pesteranno, ma che bello quando giocano bene e non sai neppure di averli!
    le spese si ammortizzano, la differenza è tra avere zero figli e averne. poi dipende dalle abitudini di vita, a qualcosa si rinuncerà, ma con più figli si investe in un altro settore secondo me molto più appagante! rispetto tutti, ma nessuna carriera ci arricchisce interiormente come l'avventura di essere genitori.

    RispondiElimina
  23. Ehi, e che dire degli amici senza figli che con sadismo estremo ti invitano ad un aperitivo nell'ora del lupo?
    Li strozzerei...

    RispondiElimina
  24. ..se ti dico che ieri sera con marito e figli siamo stati a prendere un fantastico aperitivo al nostro amato chioschetto con tanto di fontanella e pesci rossi?
    quando gli amici ti invitano, vai!!

    RispondiElimina
  25. ..se ti dico che ieri sera con figli e marito ci siamo fatti un favoloso aperitivo al nostro chioschetto con tanto di fontana e pesci rossi?

    RispondiElimina
  26. anche i ho come un deja vu, ma come già scrissi la mia ora del lupo è alla mattina. alla sera il papàprof c'è sempre - facendo il prof ha vinto questo premio - ed è più difficile che i piccoletti abbiano la meglio, sopratutto se in casa siamo in due. comunque tv vietata prima di cena, piuttosto una pasta veloce per tutti e poi via a giocare o a leggere.

    bella l'ora del Campari: solo che da noi l'orario cade esattamente a metà cena!!! è la sagra della cacca baby, non vorrai mica perderti il primo premio!!!!

    RispondiElimina
  27. Oddio, posso dire che sono terrorizzata? La Marmocchia ha solo 7 mesi ( tra una settimana) ma l'ora del lupo la conosco di già! Vorrei affogarla tutte le sere in un moijto....

    RispondiElimina
  28. Cara Paola ho appena finito di leggere il tuo libro. Grazie, finalmente mi sono sentita, per la prima volta in quasi tre anni, una mamma normale!
    E anche se ogni tanto so che avrò delle ricadute nel tunnel dei sensi di colpa e dei "non sono all'altezza" (soprattutto quando il mio bimbo di 2 anni e 1/2 mi dice "mamma vai via, vai a lavorare") sono consapevole del fatto che avrò sempre le esperienze che tu racconti a consolarmi un po'...mi sa che il vecchio detto "mal comune mezzo gaudio" funziona davvero! Ciao a presto!

    RispondiElimina
  29. grazie. grazie di cuore per avermi fatto leggere questo post e ridere come una pazza.
    E' proprio vero. QUELLO è l'orario critico e puntulamente succede qualcosa!
    fantastica.

    RispondiElimina
  30. NON ci posso credere........ Ho appena scoperto il tuo blog, ti ho trovata sul blog "Ma che davvero?". Sei il mio MITO!!!! il tuo libro mi ha fatto morire dalle risate quando ero incinta della mia seconda bimba, priscilla. L'ho regalato e continuo a regalarlo a tutte le mie amiche che stanno per diventare mamme!!! è il libro più divertente che abbia mai letto!! mio marito mi prendeva per matta, quando scoppiavo a ridere come una scema col tuo libro tra le mani!! Volevo solo ringraziarti mi hai davvero alleggerito "certi" momenti con le bimbe!! Un bacione

    RispondiElimina
  31. Quando un "vaffa.." vale più di mille spiegazioni... :-)
    Meraviglioso post!

    RispondiElimina
  32. Meno male va, mi sento sollevata, non sto impazzendo, non ho sbagliato vita.Il marito che credevo uscito dalla casa dei Fliston (cioè modello preistorico che gira con la clava e trascina la moglie per i capelli) è conforme alla norma e i figli skizzoidi che saltellano come molle per la casa e si rotolano nel lerciume per poi decomporsi davanti alla tele, non sono extraterrestri venuti dallo spazio per invadere la terra-casa. Cercasi disperatamente caricabatterie umane modello duracell!

    RispondiElimina
  33. Sto morendo dalle risate... non sarebbe nemmeno male se non fossero le 11 e 30 di sera... tutti dormono e io per non passare da psicolabile devo soffocare le risate...ma si sa.... è peggio.... quando penso che sia passata mi torna in mente la scena: " CristiOOOOnOOOO sono mOOOOOOOlle"... non ce la poss fareeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!!!! mhuahahahahahaah!!!!!!!

    RispondiElimina
  34. Salve, io non ho figli e a dire la verità , leggere queste cose non mi fa venire una gran voglia di averne..io impazzirei in una situazione come quella che descrivete.
    Ma perchè lasciate che i vostri uomini si facciano i beneamati ca..i loro mentre voi non avete piu un secondo per voi??
    Ma non vi manca il fatto di rilassarvi davanti a un aperitivo con le amiche??
    Non mi dite , vi prego, che la gioia di essere madri ripaga di tutti i sacrifici perchè oltre che madri siete anche DONNE.
    E' facile dire"lui non è in grado nemmeno di cambiarlo" ma perchè voi invece siete nate che già lo sapevate fare???come avete imparato voi lo può fare anche lui.

    RispondiElimina
  35. Il mio nome è Malina , dal Regno Unito . Vorrei
     condividere la mia testimonianza con l'opinione pubblica sul
     ciò che questo tempio chiamato ( gli angeli di soluzione ) hanno fatto per
     me , questo tempio ho appena riportato la mia perduta ex
     amante a me con il loro grande lavoro incantesimo , stavo uscendo con questo uomo chiamato Steven siamo stati insieme per un lungo
     tempo e ci è piaciuto il nostro sé di ma quando ero incapace
     di dargli un figlio maschio per 5 anni mi ha lasciato e ha detto
    me non può continuare più allora ero ora
    ricerca di modi per farlo tornare e anche rimanere incinta , fino a quando un amico di
     mi ha detto la mia su questo tempio e mi hanno dato il loro contatto
     e-mail , allora non ci crederai quando ho contattato
     loro su i miei problemi hanno preparato gli articoli e gettato l'incantesimo per me
     e portare mio marito ha perso di nuovo , e dopo un mese ho
     perso il mio flusso mensile e fare una prova e il risultato
     detto che ero incinta , sono felice oggi sono una madre di
     un set di gemelli un ragazzo e una ragazza , ringrazio il tempio , ancora una volta per quello che hanno fatto per me , se siete
     là fuori che passa attraverso qualsiasi di questi problemi
     di seguito elencati :
    ( 1) Se volete che il vostro ex indietro
    ( 2) se avete sempre brutti sogni .
    ( 3 ) Lei vuole essere promosso nel vostro ufficio .
    ( 4 ) Volete donne / uomini a correre dopo di te.
    ( 5 ) Se si desidera un bambino .
    ( 6 ) Lei vuole essere ricco .
    ( 7 ) Lei vuole legare il vostro marito / moglie di essere
    tua per sempre .
    ( 8 ) Se avete bisogno di assistenza finanziaria .
    ( 9 ) cura a base di erbe
    ( 10 ) Se non si può essere in grado di soddisfare tua moglie
     desiderio sessuale dovuta o
     azione err basso .
    ( 11) se il ciclo mestruale si rifiutano di venire
    il giorno
     supponiamo o dei flussi .
    ( 12) se il vostro lavoro si rifiutano di pagare , la gente
    si grazie ? .
    ( 13 ) risolvere un problema di terra e tornare indietro.
    ( 14 ) Forse la tua famiglia Denny voi del vostro
    giusto ?
    ( 15 ) Permettere alle persone di ascoltare la mia parola e fare la mia
    desiderio
    ( 16 ) Avete un basso numero di spermatozoi ?
    ( 17 ) Caso risolvere E.T.C
    Contatto con loro sulle loro e-mail su theangelsofsolution@gmail.com
    E ottenere tutti i vostri problemi risolti
    Grazie.

    RispondiElimina
  36. Hola mi nombre es Judith de inglaterra sé
    un lanzador de hechizos
    que me ayudó cuando tuve un problema en esta
    mi esposa si
    necesitará un lugar adecuado para resolver sus problemas
    contacto
    drjamesdsolution es el derecho
    elección. que es una
    gran hombre que se han lanzando hechizos con
    años de
    experiencia. él lanzar hechizos para diferentes
    fines como
    (1) Si usted quiere que su ex atrás.
    (2) si usted siempre tiene pesadillas.
    (3) ¿Quieres ser promovido en su oficina.
    (4) ¿Quieres mujeres / hombres que corren detrás de usted.
    (5) Si usted quiere un hijo.
    (6) ¿Quieres ser rico.
    (7) ¿Quieres atar su esposo / esposa sea
    el suyo para siempre.
    (8) Si necesita ayuda financiera.
    (9) La atención a base de plantas
    (10) Si usted puede ser capaz de satisfacer a su esposa
    deseo sexual debido
    a menor erraction.
    (11) si su menstruación se niegan a venir
    el día
    suponer o más flujos.
    (12) si su trabajo se niegan a pagar sus personas,
    debido usted ?.
    (13) resolver un problema de la tierra y recuperarla.
    (14) ¿Su familia Denny usted de su
    ¿verdad?
    (15) Que la gente obedece mis palabras y hacer mi
    que.
    (16) ¿Tiene un bajo conteo de esperma?
    (17) Caso resolver E.T.C
    no dude en contactar con él en
    drjamesdsolution@gmail.com,
    decirle lo que tiene que ser y ahorrar.

    RispondiElimina