Ho traslocato su erounabravamamma.it

Vi aspetto!

venerdì 11 giugno 2010

Presento il mio libro a Milano!

Ci siamo, finalmente

Parliamo del mio nuovo libro!
martedì 15 giugno, ore 18
presso il "Gioia Temporary Shop"
in corso Garibaldi ang. via Marsala (MM Moscova)
Interviene Gabriella Grasso,
appassionata ed espertissima
di Sex and the City
(nonché giornalista di Cosmopolitan)

Posso contare sulla presenza di centinaia di voi?

Buon weekend!

32 commenti:

  1. mi piacerebbe ma venire da sorrento sai com'è virtualmente ci sarò :-)

    RispondiElimina
  2. scusate l'off topic, stamattina ho accompagnato il pupo all'open day della scuola materna che inizierà a settembre.sono l'unica ad avere la terribile sensazione di affidare il mio pupo ad un mondo "troppo crudele" e a maestre fintamente affabili? sorry paola, in bocca al lupo per il tuo libro. madre perplessa

    RispondiElimina
  3. Vorrei, ma non posso. Esclusivamente a causa dei centinaia e centinaia di km che mi separano fisicamente da lì!

    RispondiElimina
  4. ah no, non ti preoccupare, fregatene degli open day, sono irreali. spesso le maestre sono spinte a dare quello che pensano sia il "meglio di sé" e fanno l'impressione contraria. in genere sono buone paste, e anche preparate. comunque avrai il periodo di inserimento per renderti conto di com'è davvero il clima... di solito buono. le altre sono d'accordo?
    di che città sei, madre perplessa?

    RispondiElimina
  5. grazie paola per il conforto.ammetto di essere un po' prevenuta.sarà che al primo incontro mesi fa una delle maestre mi aveva simpaticamente ammonito sulla spinosa questione del pannolino "guardate che ce ne accorgiamo se glielo togliete una settimana prima di iniziare l'asilo!" ma siamo a giugno e il mio pupo di 17 kg è già arrivato alla taglia 6a, l'ultima prima di quelli geriatrici e di toglierlo proprio non ne vuole sapere.madre perplessa della città di erba.

    RispondiElimina
  6. uh detta così cara mamma di Erba non sembrano tanto simpatiche..ma ha ragione Paola, gli open day sono irreali. anche i nostri della scuola media..nella migliore delle ipotesi è marketing fatto oltretutto male!

    @Paola: anch'io ci sarò virtualmente, Viola ha la varicella e non è il caso di portarla tanto in giro a fare l'untore..la baby sitter ha già gli altri due..

    RispondiElimina
  7. Congratulations!
    Anche la mia presenza solo virtuale visto dove abito.

    RispondiElimina
  8. noooooooo!!!! ma dai, giusto ieri ho fatto una fuga dai doveri e me ne sono andata in bici in corso como sperando di vedere il world press photo (ma era finito......ma vaff!...) e ho visto il temporary shop e ti ho pensato! cavolino 15 giorno no, ma se riesco a fare nuova fuga dai doveri arrivooo

    RispondiElimina
  9. io ero una negata di sex and city non ne ho mai visto una puntata e mai avrei pensato di vederlo al cinema. Fino a quanto sotto ricatto ieri sono andata a vedere il secondo atto sul maxi schermo del multi sala. Risultato? da stasera comincio. Guarderò in streaming la prima puntata della prima serie e via di seguito....troppo forti quelle 4 matte.

    RispondiElimina
  10. Paola ciao e peccato che abito a roma e il 15 proprio nn posso fare una fuga a milano, ma non sai quanto mi piacerebbe(anche per conoscerti personalmente, l'altra volta nn ci siamo riuscite, sigh sigh), cmq volevo dirti che sto leggendo il tuo libro e sapessi che ho combinato in una libreria feltrinelli per averlo, siccome ancora nn avevano aperto e messo a posto gli scatoloni con le novità, sono andata lì per due gg di seguito e alla fine sono riuscita a costringere una commessa ad andare in magazzino e prenderlo, ora me lo sto leggendo in metro, sorridendo sotto i baffi, per non dare troppo nell'occhio, penso che dovrò leggerlo una seconda volta e scrivermi i pezzi più divertenti. Anche io non ho mai visto sex and city, ho inziato con il primo film, presto andrò a vedere il secondo e poi..... tutte le serie

    RispondiElimina
  11. e questo strano libro?

    Presentazione del libro "Non piangere coglione"
    domenica 23 maggio 2010 alle ore 11.30
    Libreria Centofiori, Piazzale Dateo 5 - Milano

    E' la storia di Andrea Morini, affascinato dalla maternità con il terrore di diventare padre. Il corpo delle donne incinte lo attrae al punto che il solo profumo della crema contro le smagliature risveglia in lui un universo erotico. Quando incontra Lena, alla trentasettesima settimana di gravidanza, confuso nella contemplazione della... maternità si scopre a desiderare di essere madre, di portare in grembo una nuova vita. Avanti e indietro tra Genova e Milano o immobile su una sedia di metallo in una cucina vuota, Andrea si perde in balia della sua ossessione. Con "Non piangere coglione", citazione dalla canzone di Paolo Conte "Una faccia in prestito", Amedeo Romeo prova a rispondere a una delle domande più importanti del nostro tempo: che cosa significa, oggi, volere un figlio? Non piangere coglione, ridi e vai.

    L’autore sarà accompagnato dalle musiche di Andrea Labanca.
    Presentazione del libro "Non piangere coglione"
    domenica 23 maggio 2010 alle ore 11.30
    Libreria Centofiori, Piazzale Dateo 5 - Milano

    RispondiElimina
  12. Lo sai Paola che purtroppo non posso. Quel dannato teletrasporto mi dà ancora problemi con la cinghia di distribuzione... Ma se riesco ad aggiustarlo sarò in prima fila, con i pop corn, gli M&MS e un paio di trampoli di Manolo Blahnik. Solo per te.
    In bocca al lupo.

    RispondiElimina
  13. tacchi? che invidia!! io riesco ad indossare solo la griffe birkenstok..

    RispondiElimina
  14. Stefania mamma di Vittoria14 giugno 2010 10:14

    Io me lo ero già segnato in agenda!!
    Mi è arrivato via mail il programma del temporary shop di Gioia e ho visto che c'eri anche tu, figurati se ti lascio scappare!
    Stefania mamma di Vittoria

    RispondiElimina
  15. @micol: la birkenstockdipendenza ha colpito anche me! Ce la faremo mai a disintossicarci?

    RispondiElimina
  16. @teodora, conosco quel libro, l'ha scritto il fratello di una mia amica e ce l'ho proprio sulla scrivania da leggere! ma la presentazione è stata il 23 maggio!
    @micol, @mammamaggie, voi pensate che bisognerebbe fare uno sforzo per mettere ai piedi qualcosa di diverso ogni tanto? (domanda sincera, non provocatoria)

    RispondiElimina
  17. Paola se posso permettermi di rispondere alla domanda che hai posto a micol e mammamaggie, direi semplicemente che lo sforzo di mettersi i tacchi vale la pena farlo se con i tacchi ci si sente a proprio agio...in definitiva viva le ballerine!!
    Non sai quanto verrei volentieri alla presentazione del libro (che sto leggendo)...ma la distanza mi impedisce di poter essere lì!

    RispondiElimina
  18. accidenti siete tutte lontane. cosa devo fare per invitarvi tutte a milano? se avessi un fidanzato ricco come samantha a un certo punto della serie, vi farei venire qui con l'aereo privato...

    RispondiElimina
  19. @Paola: circa i piedi, lo sforzo si può fare se prevedi una serata seduta o..sdraiata, ma se devi stare in piedi e le scarpe ti rovinano l'umore, per me non ne vale la pena. sono andata alla festa della scuola con un paio di sandali rossi con tacco moderato ed è bastato x mettermi ko. poi mio marito è bassino, coi tacchi mi arriva alle tette..il che potrebbe non essere male in occasioni birichine..in quelle pubbliche non tanto..
    il mio poi è proprio un problema di piede, è magro, ma la pianta si è allargata e le scarpe più carine proprio non mi entrano

    quel libro là è interessante, me lo presti quando l'hai finito?:-)

    RispondiElimina
  20. Ciao Paoletta.
    Domani Esame di Stato.
    poi pranzo al giappo per autoricompensa (non è da tutti studiare l'equivalente di 5 anni di università a 10 anni dalla laurea con due figli turbolenti... indipendentemente dal risultato).
    Poi li vado a prendere.
    Poi vengo :-)
    Forse con un'amica.
    A me Sex and The City fa fare abbondante pupù, ma il tuo libro sarà sicuramente bello.
    Baci
    Liz

    RispondiElimina
  21. Cara Paola, credo che sì, alla fine dovremmo fare uno sforzo per metterci qualcosa di diverso. Ma io non ne ho proprio voglia. E dopo aver sperimentato Birkenstock ciabatte e sabot, oggi vado a comprarmi i sandali. Mi sa che prendo i Rio di un colore un po' vezzoso: alla fine con le gonne corte o gli shorts sono pure graziosetti.

    RispondiElimina
  22. ho visto la mail, purtroppo l'orario per me era impossibile stasera...

    RispondiElimina
  23. vabbe' è andata bene! e c'era pure tanta gente! grazie a tutte per il sostegno anche a distanza. baci!

    RispondiElimina
  24. Complimenti...il libro è molto molto carino e scorrevole...una pagina tira l'altra! L'ho letteralmente divorato in due giorni e mi sono anche comprata il dvd del primo film di sex!!!!

    RispondiElimina
  25. Stefania mamma di Vittoria16 giugno 2010 13:24

    Ebbrava Paola, io c'ero e come tutti gli altri, ho seguito con molto interesse.
    Dal vivo sei anche più carina e soprattutto molto simpatica ed ironica, complimenti è stato un incontro piacevole.
    Stefania mamma di Vittoria altresì chiamata Charlotte di Sex& the city!!

    RispondiElimina
  26. io non c'ero, ma ti ero vicina col cuore ,visto che mi sembra di conoscerti da una vita.In bocca al lupo per le vendite del libro.I sacrifici per il tacco alto bisogna farli seguendo l' umore della giornata,secondo me, non per gli altri .

    RispondiElimina
  27. Paola aveva un vestito blu + delle scarpe tacco 127 da schianto.
    Già è alta, vigliacca. Vicino a lei con quei tacchi sembravo sua figlia.

    RispondiElimina
  28. io a volte mi dico che sì, bisogna ogni tanto il tacco. me lo dico in negozio quando per vezzo provo scarpe da schianto (in tutti i sensi). ma si mi dico, capiterà l'occasione! e giù dollaroni (ehm, eurini). si. ho bellissime scarpe col tacco, non tante, 2 o 3 tra estate e inverno......MAI E DICO MAI E DICO MAI E DICO MAI indossate! però farò come suggerisce Micol, magari per una birretta di fianco a casa una volta....però al pub con le scarpe col tacco? ;) baciiiiiiii Paola!

    RispondiElimina
  29. Cosacosacosa??? I tacchi????? Allora hai tradito la confraternita delle Birkenstock?!
    (a parte: ehm, dovevo comprarne un paio nuovo, invece ho preso un paio di espadrillas di raso grigio con la zeppa di 7 cm - l'altezza è abbordabile, non so se le metterò, però fanno bene all'anima)

    RispondiElimina
  30. Io non c'ero....però ieri ho comprato il libro, e adesso che la mia piccola sembra sia riuscita a prendersi la varicella potrò leggerlo con tutta calma, tanto chi esce con una bimbina contagiosa?....

    RispondiElimina
  31. cara Paola mi piaci e mi sei molto simpatica soprattutto da quando ho letto che per attuare il metodo estivill ti sparavi un birrozzo...io se posso confessare alla seconda figlia di 4 mesi e mezzo ho capito il trucco:ogni sera a cena birrozzo e tutto (anche risvegli notturni)e' molto più "easy" adesso non che inneggio all'alcolismo ma assicuro aiuta soprattutto nel rapporto con il marito...
    allora scrivo qui totalmente fuori tema ma da qualche parte dovevo pur cominciare o no?

    RispondiElimina
  32. nooooooo, ecco lo sapevo, vado in ferie due settimane in 365 giorni e tu ci fai la presentazione del libro!!!
    non ce ne sono altre in programma a Milano???
    un bacio e spero che le tue vacanze non siano state funestate dal maltempo, le mie un pochino sì ma pazienza...

    RispondiElimina