Ho traslocato su erounabravamamma.it

Vi aspetto!

giovedì 9 settembre 2010

Scampoli d'estate


Non so come stanno le cose da voi, ma

C'è molto di crudele nell'estate che scappa. Uno ce la mette tutta per inventarsi ogni giorno qualcosa di nuovo e prolungare l'illusione, ma la rugiada sul prato è ogni mattino più tenace del mattino precedente. L'aria fresca ti morde e lascia il segno dei denti, ogni nuovo temporale ti rovescia addosso il terrore che sia davvero finita. I bambini per primi combattono per non arrendersi: si infilano da soli i sandali - e chissenefrega se sbagliano piede e misura - poi corrono fuori di casa con la maglietta troppo corta e quella pancia scoperta che preoccupa tanto le mamme. Il Pupo ieri pomeriggio ha pucciato i piedi in piscina con indosso le scarpe nuove che gli ha regalato la zia, poi sorpreso dalla strana sensazione - acqua freddissima, scarpe e calze zuppe - ha esclamato scuotendo la testa: "Ahi ahi, la pla". Pla è l'acqua, da "splash".
Se non diluvia, la sera prima di andare a letto bevono il lattino sdraiati sul prato. La Pupa, 5 anni, non molla il biberon perché desiderosa di sentirsi in comunione con suo fratello. Mi domando: se uno avesse figli a catena, il maggiore si arrenderebbe al bicchiere solo nel momento in cui anche l'ultimo nato lo fa?
In questi giorni sono a casa per via della storta a un piede. Dovrei tenerlo a riposo, anche se con i Pupi in giro è difficile. Anch'io non voglio che l'estate finisca, sogno di tornare in vacanza domani, di camminare a piedi nudi tutto l'anno. I bambini vivono un momento di grazia, stare con loro è uno spasso. Abbiamo trovato un sistema per mettere a letto in fretta la Pupa: l'addormentiamo col training autogeno (lei lo chiama "trenino autocico"). Avete mai provato? In tre minuti già russa.
Il Pupo ancora non parla propriamente, ma è il re delle onomatopee. Il verso dell'asino è una cosa, quello del cavallo un'altra. Lo sbuffo e il nitrito distano intere galassie. Il gabbiano è in assoluto la sua migliore interpretazione: a un "Ah! Ah!" acuto e stridente si accompagna il ritmico ondeggiare delle braccia. Anche questo mi fa venire in mente la spiaggia. Non voglio adattarmi ai nuovi ritmi, il che mi rende più distratta del solito. Ieri mattina sono entrata nella doccia con il cordless in mano. Parlavo al telefono con mia mamma e non so perché non mi è venuto in mente di interrompere la conversazione prima di buttarmi sotto il possente getto del nostro super, super soffione.

22 commenti:

  1. E' volata in un soffio è vero questa estate! Su col morale, ancora qualche giornata di sole e spasso ci attende, prima del cupo e monotono...INVERNO!!!

    RispondiElimina
  2. eh, sì, credo che in caso di figli a catena il primo andrebbe avanti a comportarsi come l' ultimo nato per anni!!!

    in quanto alla distrazione ... no comment ... ! mi sa che siamo tutte sulla stessa barca, anche se a me fin'ora non è ancora successo di andare sotto la doccia con il cordless ...

    paola

    RispondiElimina
  3. io il cordless l'ho buttato in piscina ma il giorno dopo funzionava di nuovo :-)
    cos'è qiesto training autogeno? urgono spiegazioni!

    RispondiElimina
  4. purtroppo anche le cose belle passano..io sono tornata in ufficio da poco e già ho i capelli dritti per riorganizzare e rientrare nei ritmi serrata scuola-lavoro- .... e anche i miei hanno ripreso ..per adesso con il centro estivo e poi tra un pò la scuola.... mah voltiamo pagina e cerchiamo di organizzarci week-end rilassanti... ma come? ....ho riletto il tuo profilo e mi ha fatto sorridere...i figli sono dei veri sconvolgimenti ma che belli...

    RispondiElimina
  5. dalla prossima settimana anche noi si riprende con il tram tram quotidiana,lavoro,asilo ,piscina ...peccato sia finita !mi consolo pensando a tutte le sagre di funghi che ci sono in giro ...

    RispondiElimina
  6. Allora: ti chiedo in ginocchio di insegnarmi il training "autocico"....PLEASE!!!!!!!

    P.s. ma ti è poi piaciuta la mia recensione del tuo libro? E' stata in prima pagina su paperblog... :D

    http://bismama.blogspot.com/2010/08/tutto-quello-che-so-della-vita-lho.html

    RispondiElimina
  7. ciao Paola è dall' inizio d'agosto che lavoro e forse non vorrei esagerare ma la mia estate è quasi finita in quel momento.Sono felice di poter leggere iltuo blog, sono stata impegnata con il lavoro ma ho sentito molto la tua mancanza ; comunque dopo i primi giorni di lavoro tutto torna come prima delle vacanze no? più o meno ciao

    RispondiElimina
  8. E che dire della luce che devi accendere già intorno alle 20/20.30?....a me mette una tristezza!Anche se il mio vero problema è convincere la mia piccola (otto mesi)a stare con i nonni senza farsi prendere (e aggiungerei senza far prendere loro) un coccolone! Aiuto....questo proprio non me lo ricordavo più!

    RispondiElimina
  9. @bismama: sìsìsìsì l'avevo letta ma dal cellulare e non ero riuscita a lasciare un commento poi mi sono persa.
    concordo sulla tristezza della luce da accendere già alle otto (e poi saranno le sette, le sei, le cinque...) e dico: godiamoci settembre che può essere un mese bellissimo.
    vorreste un post sul training autogeno?

    RispondiElimina
  10. @bismama-bis: mi rendo conto di non averti risposto, certo che mi è piaciuta, moltissimo, e ti ringrazio di cuore (ti ho scritto anche a casa tua) (baci)

    RispondiElimina
  11. stessa sensazione, sull'estate che sta finendo. in verità, comincio a sentirmi malinconica già alla fine di agosto, in settembre mi incupisco e alla fine di ottobre, quando torna l'ora solare (e viene notte alle 17) porto il lutto già da un mesetto. da quest'anno però le cose sono cambiate: intanto perché l'equinozio coincide con il compleanno (il primoooooo!) di Superbaby. e poi perché sono riuscita a non farmi travolgere e sto cercando di godermi al massimo questi giorni tiepidi, stando all'aperto il più possibile. domani, ad esempio, andiamo all'orto botanico con un codazzo di amici. effetti collaterali: non riesco mai a mettere a posto/stirare/fare il cambio di stagione. comunque ci sarà anche troppo tempo più in là. baci.

    RispondiElimina
  12. Sissì urge post sul "trenino autocico", la mia bimba (3 anni) ci mette da un minimo di 30 min ad un max di 2 ore per addormentarsi...ed io sono sfinita!!Quindi si alza un grido disperato:"Aiutami!!!" ;)
    Grazie
    Tua assidua lettrice
    Chicca

    RispondiElimina
  13. fantastica la scena: tu sotto l'acqua con il telefono in mano ... e io che mi ci addormento mentre mi parlano (difficile provare a spiegare che era solo il sonno accumulato...)
    e vaaaaai che anche l'autunno ha il suo fascino...
    bacioni

    RispondiElimina
  14. Io ho atteso con impazienza il rientro a lavoro e me lo sono goduto perché ero un po' esaurita dopo il mese di agosto a fare la mamma (da sola!) 24 ore su 24.
    Ora scopro che il nido riapre in ritardo e allora dovrò prendere qualche altro giorno per occuparmi del piccolo e questa volta non mi dispiace affatto. Sarà che sono più rilassata e sarà che abbiamo fatto uno stacco di una settimana (lui è andato in vacanza col mio compagno a sua volta in congedo parentale)...
    Insomma l'amore è nuovamente sbocciato e settembre è un bel momento per fare progetti!

    RispondiElimina
  15. ah ah secondo me anche Leo fa da solo il training autocico....dice tutte le sere, di sua sponte "chiudo gli occhi ma non dormo e mi rilasso" e ronfa. forse l'ho già scritto? a settembre anche io sono distratta! (il problema è come uscirne!) CHE STRA MEGA SUPER MAGNIFICI I PUPI SDRAIATI SUL PRATO COL BIBE ALLA BOCCA! SONO STUPENDI! che dolce post, un po' velato di nostalgia. ti sono affine, nella dolcezza settembrina

    RispondiElimina
  16. ..e che dire di quando devi riporre gli abiti estivi dei tuoi bambini PER SEMPRE, poichè l'anno prossimo non andranno più bene? fitta dolorosa del tempo che non tornerà più..certo puoi avere un altro bambino, ma QUEL bambino non sarà piccolo mai più..

    io all'arrivo dell'autunno resisto e resisto, in particolare non voglio mettere a)le scarpe chiuse b)i collant e c)mi secca coprire quel filo di abbronzatura coi vestiti..
    e allora parco coi bambini a oltranza e mi vesto di colori allegri. e per quando in novembre tornerò al lavoro, mi sono regalata una borsa particolarissima e un po' folle con applicati dei pasticcini (finti eh?).

    @supermama: ma come, sei mamma e non conosci il training autogeno?? è materiale da corso preparto..

    sui cordless: il nostro è sopravvissuto due o tre anni ad un tuffo nel water. l'abbiam cambiato perchè non si leggeva più il display.

    RispondiElimina
  17. @Paola: su biberon & figli a catena, sai com'è andata da me? i maschi nanna con una fila di biberon pronti sul comodino, fin dopo i tre anni. eliminati perchè rompevano le tettarelle coi denti e sostituiti ancora per un buon annetto con le tazze magiche avent(le uniche veramente antisgocciolo). la piccola non ha mai preso il biberon! beve dal bicchiere o dalla tazza magica e, quando si può fare (spiaggia), a canna dalla bottiglia!
    ma si sa, le femmine rispetto ai maschi sono ANNI LUCE più avanti!!

    RispondiElimina
  18. Tremo all'idea che ricominci la scuola....dovrò fare per la seconda volta la quarta elementare! Una volta a 9 anni e un'altra adesso a 43! Si perchè mio figlio vuole la mamma accanto per studiare....e il catechismo...e la palestra...ah dimenticavo, anche il primo anno di liceo con la signorinella più grande...AIUTOOOOOOO

    RispondiElimina
  19. Ciao Paola!
    Forse soffro di perdita di memoria a breve termine, ma di tutto il post ricordo soltanto la frase "l'addormentiamo con il training autogeno".
    Non è che regaleresti all'esercito delle mamme di figli ostici al "dormi tesoro che è tardi" un post in merito?
    Grazie, a nome dell'intera comunità.

    RispondiElimina
  20. un abbraccio a te e all'estate che se ne va...

    RispondiElimina
  21. ok, avrete quel che volete...

    RispondiElimina
  22. Suona un pò come una minaccia...ahahahaha

    RispondiElimina