Ho traslocato su erounabravamamma.it

Vi aspetto!

venerdì 25 maggio 2012

In viaggio coi bambini/3 (e per ora è tutto)

Grandi verità rivelate
Siamo tornati da Disneyland, e in senso più ampio, pure dal viaggio a Parigi. Lungo weekend costellato da perniciosi ed esilaranti eventi. Come possano le due espressioni «pernicioso» ed «esilarante» stare assieme in un'unica frase, non è del tutto chiaro neanche a me.
Anti terrorismo In aeroporto, il Pupo è stato fermato sia all'andata che al ritorno ai controlli di sicurezza. Incriminato: il suo zaino di Barbapapà, all'interno del quale era nascosto il bizzarro modellino di un bob evidentemente simile a un'arma pericolosa. Ci siamo molto divertiti a lasciare che il Pupo affrontasse la trafila da solo, rispondendo serissimo alle domande dei controllori che, a loro volta, trattenevano a stento le risate: «Come ti chiami?». «Come si chiama il tuo migliore amico dell'asilo?» «Qual è il tuo preferito tra questi pupazzi?» «Chi ti ha regalato questo zaino dei Barbapapà?» «Hai preparato tu, personalmente, il tuo bagaglio?». Il Pupo era fantastico perché rispondeva concentrato, col linguino (avete presente?). Io sono intervenuta solo per le traduzioni dal francese.
Attese Un viaggio come questo lo pianifichi per mesi. A dire la verità, la Pupa sono anni che sogna di andare a Disneylànd. Peccato che poi quando arrivi un po' ti cade la mascella. Benvenuti a Disneyland Paris, ingresso al pubblico al netto delle promozioni 70 euro per adulto e 66 per bambino: scenografie brillanti, curate nel dettaglio, prati all'inglese con l'erba regolata meglio delle mie sopracciglia, mille accattivanti striscioni: «Benvenuto nel mondo delle fiabe»; «Incontra Topolino in persona»; «Qui a Disneyland la magia diventa realtà». Il che stride parecchio con il  tempo di attesa per ciascuna attrazione: sabato 19 maggio, 60 (sessanta) minuti in media, ma per alcune bisognava aspettare anche 70, 80 minuti (e per alcune, va detto, "solo" 45). Allora, cosa rispondi a tuo figlio/a quando ti chiede «Mamma, ma perché non possiamo fare nessun gioco?».
Numeri Va detto che esistono i cosiddetti "Fastpass", che funzionano come il talloncino numerato dal salumiere: ti interessa un'attrazione, ritiri lo scontrino sul quale c'è scritto a che ora potrai ripresentarti (saltando la coda). La cosa buffa è che già alle 14 venivano distribuiti scontrini per le 18 o addirittura le 19 (cinque ore dopo). E già alle 15.30 non c'erano più scontrini disponibili.
Gadget Il problema è poi che - mia impressione - tutto quello che non è attrazione (e quindi, attesa) a Disneyland, è merchandising. Ci sono negozi che vendono qualunque cosa. T shirt e vestiti da principesse, pupazzi e adesivi, costumi da supereroe, certo; ma anche pinze da ghiaccio con le manine di Topolino, orecchie di Topolino, thermos, saliere e pepiere, mestoli di Topolino. C'è pure il barbiere di Topolino, che ti fa i capelli come ai tempi del Far West.
Fish & chips Ho visto gente divertirsi, a Disneyland? Certamente sì. Famiglie infoiate che con telecamerine e smartphone facevano video e foto di qualunque cosa. O bambine con le mani piene di gadgets, vestite e truccate da fatine, che in quegli abiti ci avrebbero sicuramente dormito. Però ho visto anche gente distrutta dalla stanchezza, gente che aveva perso i figli (incredibilmente, non noi) e nel casino aveva l'aria davvero disperata, poi gente parecchio arrabbiata perché persino la coda per prendere da mangiare all'orrido e carissimo fast food era lunga più di mezz'ora.
Quello che ho scoperto alla fine Mi hanno poi spiegato che il weekend del 19 maggio, in Francia, c'era un bel ponte. Il che può spiegare una maggiore affluenza ai parchi di divertimento come Disneyland. io trovo comunque eccessivo che la struttura fosse al collasso. La cosa peggiore: a un certo punto per caso abbiamo incontrato Pippo (in carne e ossa! The real one). I bambini l'hanno guardato ipnotizzati, cercando fiduciosi di avvicinarsi a lui, per toccarlo o farsi fare una foto assieme al loro eroe. Ma lui continuava a respingerli: i Pupi, e pure gli altri bambini. Aveva una specie di bodyguard che lo aiutava a tenere a distanza la folla (di altezza media 1.30), e lui stesso prendeva i bambini di peso, spostandoli senza fatica, per farsi largo e restare il più possibile tranquillo. Poi, ogni tanto, si concedeva (per due secondi), a favore di telecamera o di macchina fotografica. I bambini lo guardavano esterrefatti. Gli adulti lo guardavano esterrefatti. Da sabato scorso, signori, la mia vita è cambiata: ho scoperto che Pippo è uno str..., e ha pure il buttafuori.
Se avete esperienze diverse (magari più positive) su Disneyland, vi prego vivamente di condividerle.

36 commenti:

  1. Noi l'anno scorso siamo andati tutti e 4 a Disneyland e il mese era quello di giugno!
    Purtroppo mi sa che siete capitati proprio nel weekend sbagliato, perchè io tutta questa gran folla non la ricordo..abbiamo tranquillamente fatto tutte le giostre (anche più volte una dietro l'altra) senza usare mai il fastpass e di personaggi ne abbiamo trovati tantissimi in giro per il parco e tutti si sono sempre concessi per una foto coi bimbi...mi dispiace davvero non sia stata l'esperienza magica che speravate..sarà per la prossima!!!

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. in tutti i parchi è così... vedi acquafan a luglio/agosto... 45min di fila sotto al sole, con gente appiccicaticcia che ti viene addosso, che maleodora, schiene maschili (ma anche femminili)villose... ciò mi disgusta e mi fa pensare due volte prima di affrontare una simile 'guerra'... altro che divertimento ;)

    poi va detto che quel fastpass che dici te, costa un botto! da svenarsi per due giorni al parco insomma! Però ecco Disneyland non so come sia e il prezzo non mi alletta ;) poi secondo me è da folli andarci nei we (dirai tu: e quando ci vado se no?!) o per le feste. Vedi ferragosto...cioè. ferragosto. mirabilandia. INCUBO! non so come faccia la gente..


    quindi ecco, i parchi divertimento li sopporto a distanza di anni uno dall'altro! per non parlare della stanchezza a fine serata, del 'giorno dopo entri gratis' certo! e ti spu**ani 20e solo per mangiare argh!!!!! che business

    non invidio i genitori con pupi a seguito :P

    RispondiElimina
  4. Mi viene l'ansia solo a pensare di affrontare una simile avventura con dei bambini..code, folla, negozi di gadget ecc.. Credo che mi verrebbe mal di testa dopo mezz'ora!
    E poi, alla faccia, non sapevo costasse così tanto per i bimbi!!
    Però le pinze da ghiaccio con le manine di topolino...

    RispondiElimina
  5. ma, secondo me dipende dai periodi...l'anno scorso siamo stati a gardaland per ferragosto! e era mezzo vuoto... il mio amico aveva ragione ;)

    RispondiElimina
  6. Oddio che delusione! Quando sono andata a Disneyland a Parigi io, festeggiavano il 5° anniversario :)e sembrava più una sagra di paese che questa follia che racconti!!!
    Peccato perchè ci sarei tornata volentieri con la PiccolaPeste...

    RispondiElimina
  7. Secondo i miei cognati bisogna andarci nel mezzo della settimana. Loro hanno fatto così a febbraio, hanno detto che non hanno incontrato nessuno e non hanno fatto una coda che sia una... Tendo a valutare con molta attenzione le loro informazioni ma non sono i primi che mi dicono 'sta cosa... Quindi sono quasi propensa a dar loro ragione! Sarà che siete capitati nel momento sbagliato!
    Marix

    RispondiElimina
  8. Che legna! Come diciamo a Roma :)
    Insomma, non sembra che abbiate avuto proprio una bella giornata... Peccato. Ma che ometto il tuo cucciolo d'uomo!

    RispondiElimina
  9. noi ci siamo andati lo scorso anno con i bimbi. domenica, lunedì martedì e mercoledì di aprile mi sembra. la domenica non ci si muoveva, e ci siamo preoccupati che se fosse stato sempre così i bimbi avrebbero fatto e visto gran poco. lunedì e martedì non c'era praticamente nessuno...è un pò come nei parchi italiani. il fine settimana fanno il pienone, durante la settimana trovi qualche gita scolastica e nulla più. preciso che i fastpass a disneyland sono gratuiti!
    ;)

    RispondiElimina
  10. se qualcuno poi è interessato do un consiglio (non richiesto lo so).
    usate le promozioni del parco che trovate nel sito. di solito sono valide da gennaio ad aprile/maggio. ti offrono pacchetto hotel+ingresso. e ti danno i pass per l'entrata al parco per tutti i giorni del soggiorno. noi con 400 euro abbiamo soggiornato 3 notti in un 3 stelle e avuto i pass per tutti e 4 i giorni. comprare i biglietti d'ingresso x 4 persone (visto che i bimbi anche piccoli pagano quasi quanto gli adulti, è improponibile. con la formula in pratica i biglietti te li regalano (più o meno)

    RispondiElimina
  11. Ti capisco!Sono stata il 29 dicembre a disneyland di los angeles, dalle9alle21,migliaia di persone, orde di giapponesi con mascherina antivirus, attesa minima 60 minuti, L' unico gioco con poca coda si e' rilevato essere le cascate della morte, bimba fradicia e sotto shock!ho rischiato un insolazione, speso un botto, una volta nella vita basta!!! E la bimba si ricorda la giostra con i cavalli:)pero' ho molte foto ricordo con vari personaggi e una marea di gadget con l' immancabile vestito di Biancaneve (breakfast per 3 nel bar Disney 80 dollari :/)
    Chiara

    RispondiElimina
  12. Noi ci siamo stati lo scorso anno, a maggio, per tre giorni (domenica, lunedì e martedì). Poca gente, nessuna coda alle giostre e molta disponibilita' dei personaggi ( potrei venderli a carrettate gli autografi che ha raccolto bea). L'unica cosa che non mi e' piaciuta e' stato il cibo, cattivo e carissimo! Le bambine si sono molto divertite e lo rifaremo... Penso sia proprio questione di weekend "fortunato" o "sfortunato".. Io ringrazio la mia amica dell'agenzia viaggi che mi ha consigliato di partire la domenica e tornare il martedì ( perché l'idea di partenza, da bravi italiani, era da venerdì a domenica). Un abbraccio
    Stefania

    RispondiElimina
  13. 2009 orlando, fine luglio, forse stremati dalle temperature come puoi immaginare mortali, in effetti le code non erano tragicissime. Che sia il luogo deputato al raggiro del turista è innegabile, tuttavia ha un suo fascino e in america l'attenzione al bambino è totale - è totale già in giro, figuriamoci in un posto per bambini.

    RispondiElimina
  14. Ciao! Io sono andata a Disneyland due anni fa per una parte del viaggio di nozze con mio marito, e sono andata a cavallo del ponte di inizio giugno. All'agenzia di viaggi mi avevano però consigliato di evitare il weekend, e così ho fatto: le file che ho fatto sono state tutte molto umane, tranne quella per l'attrazione di Buzz dove siamo stati più di un'ora in fila. Per il resto tutto nella norma, personaggi disney in giro per il parco che si facevano fotografare tranquillamente. C'è da dire che io ho fatto 3 giorni e 2 notti alloggiando in uno dei loro alberghi. Pure io però non ho potuto usufruire dei fastpass perché erano già finiti XD Ma per curiosità, il prezzo del biglietto era per un parco solo o per tutti e 2??

    RispondiElimina
  15. Ciao,
    il mio commento è positivo, io ci sono stata la prima volta in viaggio di nozze nel 2003 e poi 3 anni fa a settembre con il mio bimbo. Tutte e due le volte durante la settimana e mai di domenica. In agenzia di solito consigliano di fare così infatti l'ultima volta siamo stati 4 giorni partendo la domenica e tornando il mercoledì. Non ho mai trovato lunghe code e il fast pass funzionava benissimo soprattutto se tieni conto che è gratuito mentre a Gardaland per esmpio costa...
    Anche noi avevamo il pacchetto tutto compreso quindi con entrata compresa nel prezzo di viaggio e soggiorno per tutti e 4 i giorni. Personaggi Disney ne abbiamo incontrati tantissimi e abbiamo un libricino pieno di foto e autografi. In più avevamo prenotato una cena al Micky cafè e lì i personaggi Disney si fermano ad ogni tavolo fanno la foto e firmano gli autografi... pensa che cip e ciop hanno addirittura giocato a palla con il mio bimbo.
    Io, ma soprattutto mio figlio la ricordiamo come una bella vacanza che rifarò sicuramente anche con la mia piccolina quando sarà un po' più grande!!!

    RispondiElimina
  16. Cara Paola, per quello che riguarda la mia gang, DisneyWorld (Orlando) é stata una "figata pazzesca" (mi scuso per lo slang mod. Jovanotti 1,2,3 casino) ma non trovo altre definizioni. Meteo perfetto (aprile), confusione/code gestibilissime, pacchetto all inclusive. Cheers

    Ps. L'unica "vera" fila l'ho fatta all'attrazione di Rapunzel (era il personaggio del momento). In fila dalle 11:00 alle 15:00 (no fast track ma presenza fisica, mia chiaramente). Per Little Miss Sunshine questo e altro.

    RispondiElimina
  17. risposte sparse: fastpass gratuito, confermo. biglietto 71 euro = due parchi (ma andare in uno solo non costa molto meno; comunque sul sito ci sono tutte le info sui prezzi e le promozioni). andarci durante la settimana è certamente LA SOLUZIONE anche se il carattere di Pippo non cambia (ormai ce l'ho a morte con Pippo). purtroppo non tutti possono (=noi non possiamo), se non nel weekend. mi sono comunque stupita che una struttura così grande e "collaudata" avesse tali difficoltà. io poi sono andata di sabato e non oso immaginare la domenica.

    RispondiElimina
  18. Ho avuto un'esperienza identica alla tua nel novembre 2007, a Orlando, dove abitavo all'epoca. Per fortuna ho pagato meno perche' avevo lo sconto residenti. Avevo degli ospiti dall'Italia che ci volevano andare ma e' stato un incubo. Dopo meno di un'ora io e mio marito ci siamo defilati lasciando li' i nostri amici; per fortuna nostro figlio all'epoca aveva solo un anno quindi non ha potuto obiettare. Ora che e' piu' grande ogni tanto accenna di voler andare a Disneyworld, ma non so se avremo mai il coraggio di ripetere l'avventura.

    RispondiElimina
  19. angela e georgette28 maggio 2012 14:06

    io, Giorgia 5 anni ed il papà ci siamo divertiti tantissimo.
    va detto che ci siamo stati dal lunedì al mercoledì: nessuna coda, nessun pienone, tempo media di attesa per le attrazioni: 5 minuti al massimo..tant'è che a fine giornata le più belle le abbiamo rifatte!
    abbiamo criticato anche noi il troppo merchandising ma soprattutto il cibo: credo che ai bimbi potrebbe esser proposto un frutto? uno yogourt? una verdura frullata?...ed invece nulla se non grassi, zuccheri e carboidrati di pessima qualità!
    però è stato divertente e siamo felici di esserci stati.
    angela

    RispondiElimina
  20. Uh, pensa che da qualche tempo stavo collezionando materiale per organizzare una gita lì pure noi... meno male che ti ho letta prima di prenotare!

    RispondiElimina
  21. mi dicono comunque che (vedi commento di angela&georgette, qui sopra) se riesci ad andare nella prima parte della settimana, nei giorni feriali, è stupendo.

    RispondiElimina
  22. Mio marito (il beta)ed io non amiamo molto i grandi parchi di divertimenti, proprio perchè come dici tu si rischia di perdere i bambini, fare ore di coda; dover acquistare per forza gadget; d)tornare a casa sfiniti, elettrizzati, nervosi , ansiosi, e distrutti. Cosa facciamo quindi? Per il momento (i pupi hanno 8,5 e 3,5 anni)facciamo ammirare loro le meraviglie della natura, la bellezza delle città (italiane ed europee), e l'emozione del viaggio e aspettiamo che abbiamo l'età per poterci poi andare a Disneyland o World, poi vediamo. Abbiamo cominciato a viaggiare all'estero con il pupo dell'età di 3,5 anni: meta week-end a Berlino, di quel viaggio ricordiamo solo il vomito in areo e la squadra di pulizia vestita da Ghostbusters che arrivava dopo essere scesi, neanche fossero scorie radioattive. A Stoccolma ricordiamo le numerose pipì nel Baltico (si perchè il pupo per il freddo di Settembre non faceva altro e per quanto la città sia attrezzatissima in servizi igienici pubblici può capitare che scappa). La pupa che all'epoca aveva 10 mesi non ha battuto ciglio. Ad Amstredam ricordiamo la pioggia di Agosto e TUTTI i santi McDonalds incontrati per strada. Infine ad aprile scorso la grande gita a Barcellona, o Marcellona come dice la pupa che ormai ha 3,5 anni, dove essi finalmente, quasi grandi, non hanno avuto perticolari problemi. Fatta eccezione per il ditino della piccola incastrato nel rullo dove controllano i bagagli, lo slamom nel duty free facendo finta che sta per partire l'aereo, e il pianto agli atterraggi della piccola che continuava a ripetere "Mamma non sento le parole" a causa della pressione interna. A questo proposito ho dato ai bimbi una gomma da masticare (che avevo letto aiuta) ma dopo un minuto la piccola l'ha ingoiata e al grande è scappata di bocca andando a posizionarsi sui capelli della sorella. Tutto sommato però sono esperienze uniche, e il divertimento è proprio viaggiare con i bambini e ricordare con essi le loro prime esperienze.

    RispondiElimina
  23. Sono stata a Disneyland Paris nel 2008 in due giorni infrasettimanali di aprile: poca gente, belle attrazioni e parco curatissimo nei minimi dettagli. In effetti ricordo un unico e orrido fast food e -davvero!- un Pippo che se la tirava! Ma è stato così bello che, pur senza bimbi, abbiamo poi fatto una sorta di tour di parchi durante un viaggio in Florida.
    Ecco, l'esperienza dei parchi-con-bimbi mi manca: il mio ora ha poco più di 1 anno... Facciamo che aspetto ancora un po'?!
    Ps. Fantastico il Pupo che risponde tutto concentrato e col linguino :)

    RispondiElimina
  24. io sono andata a disneyland un mese fa *_*
    ahahah forte il fatto che il "pupo" è stato fermato xD

    RispondiElimina
  25. Ciao non sono mai stata a Disneyland ma mi piacerebbe portarci un giorno le mie due gemelline rimarrebbero sicuramente estasiate, chissà un giorno.
    A me è successo l'anno scorso in una crocera quando è passato al metal detector avevo in un'astuccio del pronto soccorso una forbice che ho dovuto lasciare a loro ,un bacio

    RispondiElimina
  26. Nella mia infanzia di parchi ne ho girati tantissimi. Come hanno già detto in tanti, la strategia dei miei genitori è sempre stata quella di andarci in settimana e non nel we. Cosa che faccio anche io nei pochi giorni (sic!) di adulta dedita al cazzeggio puro (vedi Gardaland, che mi ha visto un anno fa, incinta al quinto mese, salire su molte attrazioni dicendo che ero grassa! - ma sopratutto incosciente).
    E credo che la stessa strategia la adotterò per quando Guu sarà più grande. Ma capisco che non per tutti è fattibile.
    Ho notato però che qualsiasi posto "per bambini" è più che altro un posto in cui nulla costa il suo prezzo, ma almeno il triplo.

    All'aeroporto, per far passare il nano ce lo siamo dovuti lanciare attraverso la porta del metal detector, sai mai che ci fosse una bomba nascosta nel pannolino..

    RispondiElimina
  27. Sono andata a Eurodisney un annetto fa con mia sorella e 3 bambini, di mercoledì e approfittando di una promozione: non c'era moltissima gente ma abbiamo trovato alcune attrazioni chiuse per lavori e c'era da fare comunque almeno mezz'ora di fila per le altre. Al fast food abbiamo fatto una fila orrenda perché ogni cassa smaltiva due code, roba senza senso. Insomma ci siamo rimasti poco perché eravamo arrivati tardi, le ultime attrazioni abbiamo dovuto scartarle per la fila, e non ci andremo mai più! Al massimo, Zoomarine a luglio.

    RispondiElimina
  28. Che brutto leggere della tua esperienza a Eurodisney! Quando ci andai io rimasi letteralmente incantata (avevo 12 anni... ehm... evitiamo di fare i calcoli di quante ere geologiche sono passate) Non ricordo troppe file, ma probabilmente perchè non era un weekend di "ponte".
    Anch'io ero rimasta sbigottita vedendo Topolino con le bodyguards, ma Pippo l'abbiamo avvicinato eccome: abbiamo una foto tutti insieme con lui in mezzo... E mia madre che gli tira le orecchie ^^'

    RispondiElimina
  29. anche a me dispiace moltissimo sentire questo peggioramento...io ci andai nel 2000, ero già grande, eravamo lì per incontrare i responsabili del parco durante un master. Eravamo 20 donne. Siamo state trattate come principesse, ma anche i bambini sembravano essere piccoli principi coccolati da Minnie e Pluto...Era tutto molto allegro, gioviale, sereno. Niente cose alle giostre, nè per il cibo. Tra l'altro lì scoprii per la prima volta una tarte tatin con marmellata di corniole che non scordai più, finchè la rigoni non comincio' a farmela trovare al supermercato!!! Evviva i vecchi Mimmie e Pluto!!!

    RispondiElimina
  30. Ho appena finito di leggere per la prima volta un tuo post e devo dire che come inizio non c'è male, ho le lacrime agli occhi e non smetto di ridere!! l'ho fatto leggere anche al mio ragazzo e anche lui ha riso tanto!! Complimenti, racconti la tua esperienza non tanto positiva in una maniera troppo divertente, meglio riderci su, no??!! xD ah ah
    Ciao da Graziella e Auhauh

    RispondiElimina
  31. l'idea di andarci c'era, ora non so o meglio si potrebbe fare che creatura e papirozzo appassionato di topolinia vanno a spararsi una giornata di file e mammina resta in albergo in un bel bagno caldo e immersa in una profonda lettura...bella vacanza in famiglia!!!

    RispondiElimina
  32. Ciao Paola!! A Disneyland ci sono andata millemila anni fa, quando non avevo ancora il bimbo quindi è stato tutto FANTASTICO al punto che avevo pensato di portarcelo...ma ho cambiato idea l'anno scorso dopo una giornata a Gardaland: coda di 1 ora sotto il sole di luglio, per poi salire nella giostra che dura tipo 10 secondi e dover scendere SUBITO!! Niente secondo giro!! Questa cosa lo ha distrutto povero piccolo....banditi i parchi di divertimento fino alla maggiore età. :)
    LaDistratta

    RispondiElimina
  33. Ciao! Scopro il tuo blog solo oggi dopo un anno di vita del mio e due anni a zonzo senza casa sul web! Boh, si vede che oggi sono fortunata, perché già il titolo mi ha fatto ridere a crepapelle, poi sono passata a leggere i tuoi post ed è stato ancora meglio!
    Mai stata a Disneyland o Euro Disney... mi è bastato perdere il mio pupo (il più piccolo!) a Gardaland mentre suo fratello indifferente continuava a mangiarsi le patatine come niente fosse!
    C'est la vie!!!

    RispondiElimina
  34. penso che non ce la potrei fare... no no...
    chiamatemi egoista, ma no, non credo che li porterò mai in una cosa del genere.
    io sono sopravvissuta senza :)

    RispondiElimina
  35. Noi ci siamo andati per i 40 anni di matrimonio dei santisuoceri che ci hanno invitati insieme a tutti gli zii e zie. Il cibo non ho parole, uno schifo totale e nulla di vagamente sano, maschio vegetariano ha patito non poco. Code lunghette ma non come le vostre. Poi per fortuna a fine pomeriggio qualcuno di ha iberati dei figli 3-5 anni e con maschio alfa ci siamo fatti dei gran giri di montagne russe, uscivamo e correndo facevamo il km. di persorso per tornare all' inizio, poca coda e fino all' ultimo secondo di chiusura eravamo lì.

    RispondiElimina