Ho traslocato su erounabravamamma.it

Vi aspetto!

giovedì 4 ottobre 2012

Oh, giorno davvero mirabile

Va detto: le sorprese arrivano quando meno te l'aspetti
Di questi tempi ho letto o sentito casualmente molte dichiarazioni di donne - mamme, blogger, professioniste, casalinghe, giovani, diversamente giovani - che più o meno dicono: «D'ora in poi, lo giuro, mi riprendo i miei spazi. Quelli là (figli, mariti, fidanzati, colleghi, comunque maschi) hanno finito di sfruttarmi. Perché io adesso faccio un passo indietro, vado alle terme in pausa pranzo, al cinema da sola, dal parrucchiere a farmi lo shatoush anche se c'è la crisi. Col cavolo che mi infilo all'Esselunga all'ora di punta a far la spesa per tutti. Ci vadano loro, all'Esselunga, se vogliono mangiare».
Dichiarazioni pericolose Dire certe cose ad alta voce può essere controproducente. Personalmente sono convinta che valga la pensa di agire in silenzio, senza troppe esternazioni. Prendete per esempio l'altra notte: pur essendo momentaneamente tornato in salute (vedi, ehm, il post precedente) il Pupo non rinuncia ai proclami notturni.
(Ore 2.15) «Il lazzo, il lazzo! Non tlovo più il mio lazzo».
Volete sapere cos'ho fatto in risposta al suo urlo belluino, peraltro ignorando cosa fosse il lazzo?
Ho messo in atto la tecnica della tanatosi (poi non dite che non vi insegno parole nuove). La tanatosi è una strategia utilizzata da insetti e piccoli animali - di solito coleotteri e rettili - che comporta l'irrigidimento totale del corpo: in una situazione di minaccia o pericolo si simula uno stato di morte per evitare di essere catturati dal predatore. Perciò ho paralizzato ogni muscolo del corpo, ho rallentato il respiro tipo Houdini quando si faceva rinchiudere in una cassa sott'acqua, e sono rimasta immobile, ad attendere.
Dopo mezzo minuto di urla Mike Delfino è risorto dall'abituale stato comatoso in cui versa e, rilevata l'assenza di segni vitali da parte mia, ha arrancato borbottando fino alla stanza del Pupo, soccorrendolo con prontezza ed efficacia. La mattina dopo la sua faccia sembrava presa dalla Guernica di Picasso, un occhio che gioca a biliardo e l'altro che tiene i punti.
(Io): «Che cos'era, poi, il lazzo?»
(Mike, sbadigliando): «Il biberon che usa per bere l'acqua. Vai a capire. Certo è interessante la metafora del razzo...»
A volte però gli uomini sanno essere molto utili. E fare cortesie inattese Specie se artigiani, tecnici, esperti di settore. Ieri sono andata nel negozio di una grande catena specializzata per acquistare una nuova lavatrice. Individuato il modello, mi sono rivolta all'addetto del reparto, per prenotare la consegna.
(Lui, come colto da momentanea emiparesi): «Vng k:n me»
(Io): «Eh?»
(Lui, bisbigliando): «Venga con me. Qui non posso parlare». 
Ci spostiamo di qualche metro, lui si appoggia a un'asciugatrice con aria finto-casual e mi dice: «Asptt a kmpr:r qsta lvtrc».
(Io): «Eeeeh?»
(Lui). «Sttk:st».
(Io): «Mi scusi ma non la seguo)
(Lui, sussurrando): «Questa da lunedì prossimo verrà venduta sottocosto. Da 319, lei la paga 239. Se aspetta 5 giorni risparmia 80 euro».
(Io, stupefatta): «Beh... che dire, grazie. Sono senza parole. Lei è stato gentilissimo». 
Tecniche di sopravvivenza A questo punto sarei molto curiosa di sapere da voi due cose, 1. Qual è l'ultima cortesia inattesa che vi hanno fatto e 2. Quali sono - se ne avete - le vostre tecniche di sopravvivenza nei momenti più duri, tipo quando il Pupo chiama alle 2.15 di notte. 
 
 

47 commenti:

  1. la cosa del commesso mi è capitata anche a me, sempre in un grande punto vendita specializzato: stavo comprando frigorifero e lavatrice e anche lui ci ha fatto tornare la settimana dopo perchè sarebbero stati entrambi sulle offerte volantino. Ci ha fatto risparmiare un bel po' e anche io lo avevo così apprezzato da tornare spesso lì per gli acquisiti successivi... che sia in reaktà una nuova strategia di marketing?!
    Per i pupi invece ogni strategia utilizzata, anche quella della morte apparente, non sortisce nessun effetto... se non vado io, i miei possono pure svegliare l'intero palazzo, e il mio Lui continuerà a dormire imperterrito, purtroppo!
    L'unica volta in vita sua che si è alzato (avevo preso una medicina per la febbre che mi aveva fatto dormire come un sasso), ha avuto pure il coraggio di dirmi "certo che tu 'sti figli non li senti mai, eh!"

    RispondiElimina
  2. Me ne sono capitate 2, di cortesie, negli ultimi 2 giorni: la 1° è stata una gentilissima assistente del servizio clienti della carta di credito, che mi ha risolto il problema in un attimo e mi ha anche dato alcuni consigli molto intelligenti. La 2°successa stamattina, i miei genitori hanno fatto un enorme sforzo per mandarmi un sms per augurarmi buon onomastico..proprio loro che il cellulare lo odiano e non lo sanno usare!*-*
    Per il resto non utilizzo nessuna strategia, di solito soccombo alle necessità altrui..ah ma ora che ho scoperto la tanatosi....

    RispondiElimina
  3. Sinceramente non mi é capitata nessuna dritta come le chiamo io,per quanto riguarde le pupe ho una delle due gemelle cioé Elena che la notte puntuale mi chiama piangendo.Se non succede bisogna segnarlo sul calendario e quest‘anno con l‘inizio dell‘asilo mi ero promessa di andare in palestra ma quandO?

    RispondiElimina
  4. beh, quando "le pupe" (gemelle di quasi 16 mesi) chiamano (che poi non chiamano ma piagnucolano) anche io fingo di dormire...poi però per forza di cose devo alzarmi visto che sono due ma ci sto lavorando!

    RispondiElimina
  5. Io non mi alzo mai. E' così. Mi sento in colpa perchè pratico la tanatosi da 6 anni e poi la mattina mi tocca pure fingere di non aver sentito, con Marito che mi spiega cosa è successo e io simulo stupore.
    Sì, mi sento in colpa. Comunque quando sono a casa da sola la notte non si svegliano mai.

    O non li sento?!

    P.S.: oggi mi hanno fatto lo sconto alla parafarmacia, ma siccome non sono abituata alle cortesie non richieste ho insistito per dare tutti i centesimi che mi chiedevano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sei troppo fica! un modello per tutte noi. sul serio!

      Elimina
  6. Ultimamente uso molto la tanatosi di notte, vivendo di rendita di quell'anno e mezzo di 20 sveglie a notte in cui mi alzavo praticamente solo io. Ora si alza lui, benché io senta la pupa chiamare da mezz'ora prima. Se serve, lo prendo lievemente a calci per destarlo dal sonno profondo e fargli così percepire il richiamo della prole. Se mi chiede perché non vado io, la risposta include una brutta parola per indicare il sesso maschile che fa tanto rima con lazzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah, sì. il calcio lieve lo uso volentieri anch'io. poi fingo di non averglielo dato.

      Elimina
  7. io sono la regina della tanatosi! ma non faccio testo, io quando sono veramente, veramente stanca non sento la mia pupa piangere (e dorme ad un metro e mezzo scarso da me), quindi... poi se sono (solo un) veramente stanca, adotto la tattica da te descritta e funziona la maggior parte delle volte! : )

    RispondiElimina
  8. A proposito di gentilezze non mi viene in mente nulla, solo un fatto che oggi mi ha sorpreso e fatto riflettere un attimo su una cosa che sta scritta anche in Diario di Scuola di Pennac (che sto leggendo in questi giorni): ero sull'autobus col passeggino e alla fermata prima della mia sono saliti un branco di adolescenti dalla porta centrale (quella per scendere), io ci ho pensato un attimo e prima di imprecare per il fatto che non avevo più posto per scendere (come faccio di solito rivolta ai vecchietti frettolosi), ho deciso di passare per la strada migliore: sono stata gentile io e gli ho detto: "ragazzi, dovrei scendere, ce la fate a farmi passare?" e quelli senza battere ciglio: "certo, aspetta (tiè, mi sono beccata pure il "tu" e non il "lei" che a 27 anni scarsi mi fa girare le scatole), ci spostiamo noi di là, tizio muoviti, vai lì, che lei deve scendere!". E quando sono scesa un ragazzinO (maschio!) ha pure fatto un complimento alla pupa! sono rimasta sconvolta e ho pensato che quello che scrive Pennac, che gli adolescenti chiedono solamente equità, è proprio vero. Io li ho trattati da adulti e loro hanno risposto da adulti (seppur in crescita). : )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh, yeah. gli adolescenti, questi sconosciuti... è vero che su di loro circolano (anche) un sacco di luoghi comuni.

      Elimina
  9. 1)settimana scorsa stavo per comprare la macchina del pane e la commessa mi ha avvisato che se aspettavo il martedì di questa settimana l'avrei avuta con il 20% di sconto... e oggi al parcheggio a pagamento del mercato una signora mi ha dato il suo scontrino del parcheggio che durava altre 2 ore e 40
    2)dato che sono incinta del secondo pargolo (VII mese) dico al marito che mi fa male la schiena ;P

    RispondiElimina
  10. Anche io la notte a volte, forse spesso, faccio finta di ronfare alla grande cosi ci va il papi.. Il casino è quando tutti e due facciamo finta di dormire e iniziano a tirarci calci!!! ;) l'ultima cortesia da unuomo? L'altro giorno all'universita un mio vecchio amico si è offerto di aiutarmi e spiegarmi qualcosa per il mio esame!

    RispondiElimina
  11. Viviamo in Inghilterra in una delle tante casette a schiera, per cui quando arriva il camion della spazzatura basta che apriamo la porta e ce lo ritroviamo davanti. Mio figlio (3 anni) va pazzo per il camion della spazzatura e ormai da due anni abbiamo un appuntamento settimanale con i signori spazzini. Ebbene, l'altro giorno uno di questi signori e' stato davvero molto simpatico col mio piccolino e sono rimasta commossa...
    Per quanto riguarda le alzate notturne io sarei Mrs. Ferber se solo potessi... mio marito odia le urla notturne quindi non ce n'e'. Lui e' quello che lavora di giorno, io sono quella del turno di notte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aiuto, confesso di non sapere chi è Mrs. Ferber.

      Elimina
    2. Volevo solo dire che fosse per me lo farei piangere 5-10 minuti prima di alzarmi a vedere cosa c'e', invece di andare subito come vuole mio marito (in effetti 5-10 min di pianti sono un'eternita' di notte, ma tant'e'!).

      PS Se ti interessa il metodo Ferber e' descritto piu' in dettaglio qui in Wikipedia:
      http://en.wikipedia.org/wiki/Ferber_method

      Elimina
  12. La tanatosi, in casa, funziona solo se il pater familias è rapido come un giaguaro.

    La pupa infatti è in fase di mammite (lo è da qualche anno, sinceramente) e se pigola per troppo tempo poi è sufficientemente sveglia per accorgersi che la mano che le porge il ciuccio è troppo pelosa per essere la mia...

    Quando poi la lasciamo un po' piangere si accorge già dalla siluette sulla porta che non sta arrivando il suo genitore preferito. In entrambi i casi la sua vendetta ricade pure sul sonno dei vicini

    RispondiElimina
  13. Tanatosi si si si!
    Di notte si alza sempre lui a soccorrere il piccolino (il grande per fortuna dorme 12 ore filate!).
    Solo quando davvero non riesce a riaddormentarlo me lo "passa" e con una poppata in genere riesco a riaddormentarlo...
    Ma c'è un però: io ci metto parecchio a riaddormentarmi quando mi sveglio di notte, il marito invece ci impiega si e no 4 secondi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e infatti, elena, questo è anche il mio problema. perché, perché, perché ci mettiamo così tanto a riaddormentarci?

      Elimina
    2. perché ci mettiamo a pensare alla lista della spesa, al cambio degli armadi, alle bollette da pagare, alla roba da ritirare in lavanderia...se solo provo per 5 minuti a pensare a brad pitt (o analogo figaccione a vostra scelta) mi riaddormento come un sasso!

      Elimina
    3. La domanda non è banale Paola e tocca un nervo scoperto: perché siamo più ansiose? Perché soffriamo di più di attacchi di panico o di fobie? Perché andiamo di più dallo psicologo? Perché siamo più perfezioniste e non ci perdoniamo niente?
      ...

      Elimina
  14. Di notte Lui non si sveglia manco se viene giù casa. Verso le sei e mezzo, quando riemerge dall'oltretomba e il piccolo piange, si alza e lo porta nel letto. Scusa, ma tutte le altre dodici volte che ha pianto la notte, non potevi tirati su e fare lo stesso?
    Lui è taaantoo stanco. Ha lavorato tutto il giorno ( io invece pettinavo le bambole), lui ha cucinato nel 1996 ( io no?), lui corre molto e è un papà higt care. Io che mamma sono?
    Però l'altro ieri mi ha portato una rosa anche se lui dice che allevo mio figlio ( mio, il suo no?) come un anarchico.
    Bah.....
    Quanto alla tanatosi la metto in atto solo se ho dei segnali vitali dell'altra metà, altrimenti stiamo freschi...
    Raffaella
    Raffaella

    RispondiElimina
  15. Ultima cortesia ricevuta: martedì mio figlio dopo la scuola è stato un po' in ufficio con me, e verso le 16 mi ha chiesto se poteva scendere al bar interno a comprarsi un gelato. Permesso accordato, ed è risalito anche con un KitKat per me!
    Strategie di sopravvivenza: non ne ho.

    RispondiElimina
  16. L'ultima cortesia ricevuta? Ho serie difficoltà a ricordarmela... Di notte io non sento... Ho dato quando era più piccolo ora spetta al Grande Lui.

    RispondiElimina
  17. con Lui la tanatosi non attacca, forse perchè la pratica già lui?? Non ci avevo mai pensato;-)

    RispondiElimina
  18. Io ho fatto una seconda figlia che cosleepa alla grande con noi quindi io sto sempre e dico sempre allattando ... guarda il caso.
    Dopo mesi di strategia "sto allattando", comunque il mio chiccodigrano oramai chiama solo il papà di notte.
    Ora grida "papà viene, dai papà ... viene" invece di "mamma viene mamma viene" e questo sebbene mi consenta di sopravvivere ... un po' mi mette tristezza.

    RispondiElimina
  19. PS per rendere tutto complicato, abbiamo spostato la nostra stanza sul soppalco ... chiccodigrano imparerà presto a consolarsi da solo

    RispondiElimina
  20. Fantastiche tutte le vostre testimonianze!
    Io, come supermommy, ho ricevuto da un signore che stava uscendo dal parcheggio il suo scontrino del parcheggio (per un'altra ora)dopo aver girato in centro per un quarto d'ora col pargolo agganciato dietro che ogni 30'' chiedeva "mamma quando ci fermiamo?"...!!!
    Strategia notturna...quasi zero poichè il "povero" papà dice ogni sera di volermi aiutare e nn sente mai il piccolo chiamare!! Come se anche noi nn avessimo diritto a dormire dopo una giornata di lavoro/corse al super/asilo/stirare/etc..
    Un abbraccio a tutte e buon fine settimana,
    Marinella

    RispondiElimina
  21. tanatosi ecco come si chiamava!!! efficacissima!
    questa dei volantini è capitata anche a me. un'anltra che ricordo è stata nel negozio di scarpe da bambini, la signora è stata così gentile che mi ha detto "mi porti a vedere le scarpe usate che le hanno regalato, le valutiamo insieme". Beh quando sono tornata, pensavo che me le avrebbe fatte buttare cecando di rifilarmi paia nuove e costosissime, e invece mi ha detto "alla bimba va bene questo paio che ha già e se vuole ci rivediamo fra qualche mese". inutile dire che mi ha fidelizzata! Commerciante più unico che raro, ha trovato un cliente a vita invece di essere untuosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. wow! aneddoto più unico che raro.

      Elimina
  22. Ciao a tutte voi, a me capita di ricevere cortesie nei supermercati poichè qualcuno mi cede il cestino vuoto nell'ora di punta o mi fa passare aventi (sono incinta di 4 mesi), per le tecniche apprenderò molto volentieri le vostre! ahaha!
    Ho scoperto un sito creato e gestito da un novello papà, è carino leggere anche il loro punto di vista: http://www.quantestoriepapa.it/
    ciao ciao a presto,
    Angela

    RispondiElimina
  23. Ciao ragazze, altra tecnica per i piccoli è dirgli che è notte e devono dormire così ogni richiesta viene posticipata al mattino (la notte si riposa e si sta in silenzio...in teoria!!.
    Carino il sito del papà, ancora in allestimento ma carino.
    ciao Lucia

    RispondiElimina
  24. Allora, cortesia inattesa direi mio marito che ha lavato i piatti ieri sera, e strategia di sopravvivenza notturna uguale a Paola, con la differenza che mio marito non esce dal coma mai, quindi mi alzo che la piccola è ormai sveglissima, salta sul lettino e ci mette almeno un'ora a riaddormentarsi...quindi mi conviene alzarmi al primo vagito con la speranza che si riaddormenti subito..

    RispondiElimina
  25. Ah dimenticavo due notti fa la bimba ha finalmente chiamato "Papà" e non mamma come sempre. Stavo per fare un festino, peccato che mio marito era di turno e quindi sig sono andata io lo stesso... secondo me non ricapiterà mai più..

    RispondiElimina
  26. Io sono molto poco delicata...Bisogna dire che mio marito viaggia molto, passa fuori di casa settimane e week end interi. Così quando è à casa, e che uno delle Bestie reclama qualcosa (acqua/ho fatto la pipi/fa buoi/dov'è Saetta/dov'è Babau), semplicemente lo sveglio dicendoli "Alessandro? vai tu per favore!" e mi riaddormento beata, assolutamente noncurante del seguito delle operazioni...
    Di gentilezze ultimamente non me ne ricordo, però per mesi i commercianti della mia strada mi hanno proposto il loro aiuto quando mi vedevano sola e leggermente in difficoltà con bimbo piccolo e pancione o successivamente, due bimbi piccoli. Cioè più volte mi hanno portato la spesa a casa (farmacista incluso!), un ristorante mi ha portato un piatto di pasta con un bicchiere di vino, il fioraio aggiungeva un piccolo mazzo di fiori-regalo alla pianta per la suocera. Ora i bimbi sono più grandi e sembro meno disperata (spero) quindi non me lo propongono più, solo il fioraio continua con i regalini-ma mi hanno fatto sentire accudita, in sicurezza e coccolata per degli mesi e li sono molto grata!

    RispondiElimina
  27. Ciao a tutti. L'unica strategia sperimentata fino ad oggi è stata svegliarlo "delicatamente" esagerando il numero di volte che mi sono già alzata io. Del tipo, se i bambini (due gemelli di 7 mesi) si sono svegliati 3 volte io lo sveglio apostrofandolo più o meno così: "E' la dodicesima volta che mi alzo, non è che per caso vai te?" con tanto di faccia stizzita... tanto dorme come un ghiro e ci crede! Questo fino a due sere fa quando ho deciso di usare la tattica "Chi fa da se fa per tre". Si perchè lui effettivamente si è alzato quando l'ho chiamato e si è trascinato fino al lettino del pupo numero 1 con la velocità di un bradipo artritico lamentandosi, dopodichè l'ha preso in braccio e udite udite mi si è seduto addosso. Al mio insulto e richiesta di spiegazioni ha sbiascicato "è che sono stanco". Risultato: il pupo n.1 si è riaddormentato dopo mezz'ora e ha svegliato il pupo n.2.

    RispondiElimina
  28. Sul punto uno ne avrei tante. Dal panino che la panettiera regala al pupo ogni volta che andiamo da lei ad amici che si presentano a casa nostra con tutta la cena fatta perchè noi ci siamo incasinati con il pupo e li abbiamo invitati ma non avevamo nulla..
    Sul punto due ho provato a fare il morto nel letto al risveglio del nano, ma quando si è svegliato mio marito mi ha scosso forte dicendo: "piange, non lo senti? Che facciamo? Lo lasciamo li? Andiamo? Eh? Vuoi che vada io? E che faccio? lo mollo li se non smette?"
    E quelle quattro volte che ho mandato lui, è sempre ritornato indietro con il nano in braccio.. "non smette di piangere, vuole la mamma..lo teniamo qui?" Un fallimento totale.

    RispondiElimina
  29. Favori ricevuti ultimamente... casella vuota.
    Tecnica di difesa: Tanatosi, livello master. Sfido il nemico anche nella sua tana. Ho affinato la tecnica in soli 4 anni, ancora adesso da grandi risultati.

    RispondiElimina
  30. Anch'io metto il dito sotto la mano della tanatosi! Poi ultimamente con la (seconda) gravidanza è ancora più facile...nel senso che davvero vivo una sorta di sdoppiamento tra la mia anima che percepisce cosa accade ed il corpo che non si muove!

    Un favore che mi ha colpita un paio di mesi fa, in una grossa catena di fai-da-te, avevo acquistato delle cosette e non volevo prendere il sacchetto (non per tirchieria ma..ho la casa piena e li dimentico spesso), alla cassa c'era credo il capo-negozio, mi ha regalato lui un sacchetto di carta e mi ha impacchettato tutto...offrendomi anche l'accompagnamento alla macchina vista la pancia... Mi è sembrato un padre premuroso, mi ha fatto una gran tenerezza!

    RispondiElimina
  31. una gentilissima ragazza mi ha attivato la tessera del cinema senza farmi comprare il biglietto (che era obbligatorio)...

    quando la pupa chiama tocca solo a me perchè mio marito lavora di notte ma ho adottato la tecnica della risposta senza alzarmi...sbiascico un "sì sì amore adesso arrivo aspettami con gli occhi chiusi" e poi ovviamente non vado...oh incredibile con lei funziona!!
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh ma tua figlia ha un carattere bellissimo!

      Elimina
  32. Tecniche di sopravvivenza non ne ho, però mio marito è un vero esperto di tanatosi. Allora io faccio apposta a fare rumore così lo disturbo e magari si sveglia.

    Per quanto riguarda le gentilezze inattese, c'è questo banco di frutta e verdura al mercato del mio paese, ed è gestito da una coppia un po' anziana con un figlio adulto. Se per caso ci vado coi bambini a loro non dà nessun fastidio se toccano la frutta e, anzi, regalano loro sempre qualcosa.

    RispondiElimina
  33. sono daccordo anche io che fare proclami non è utile, crea sempre irritazione e mai collaborazione o gesti gentili tipi "certo cara domani ti prendi una giornata tutta per te e noi andiamo a fare la spesa" ... ogni tanto meglio agire

    RispondiElimina
  34. Io ogni tanto dico che andrò in sciopero, ma fino ad ora non l'ho ancora fatto!..

    RispondiElimina