Ho traslocato su erounabravamamma.it

Vi aspetto!

lunedì 29 novembre 2010

Lessico famigliare

Per partecipare al concorso che segue, vi chiedo di:
1. Indovinare perché il Pupo dice quel che dice (vedi domanda alla fine del post)
e 2. Postare a vostra volta qualche esempio di dialogo surreale tra voi e i vostri Pupi, e/o di parole buffe coniate da loro.

Premio in palio
Un libro per bambini! Il titolo non ve lo posso ancora dire perché dipende da quanti mesi/anni ha il Pupo/a della vincitrice.

Pronti? Via...

Esempio di conversazione col Pupo, che ha compiuto due anni l'11 novembre:
"Amore, cos'è questo bel pupazzino?".
"Ca-don-do".
"No, cammello".
"Ca-gon-go".
"Bravo, amorino".

Anche la Pupa ha avuto la partenza lenta. A un anno esatto di età, la sua amica Ginevra gorgheggiava consapevole davanti ai Mondiali di calcio 2006: "Ta-ja, Ta-ja" (="Italia"). La Pupa, zitta.
A due anni, giusto qualche verso di animale e i classici "Mamma, papà, nonno, nonna" che non si negano a nessuno.
A due anni e due mesi aveva aggiunto al suo lessico una parola:
"Apàppa". Voleva dire tre cose: scarpa, palla e pappa.
A due anni e tre mesi ricordo che Mike Delfino venne da me: "Non mi dire che ti stai preoccupando". E io: "No-no". In effetti non mi stavo preoccupando: più che altro ero rassegnata all'idea che la bambina non avrebbe parlato mai più.
Qualche giorno dopo io e lei andammo alla Fnac. Tornando a casa in tram stavamo sfogliando un librino nuovo sui suoi amati personaggi Disney, quando all'improvviso la Pupa aprì bocca.
(Guardandomi intensamente): "Mamma."
"Dimmi, bella Pupa".
"Se Pippo è pilota, Topolino è copilota. Se Topolino è pilota, Pippo è copilota. Qualcuno lo deve guidare, l'aerìo".
Aerìo. L'unica sbavatura in una frase altrimenti perfetta.
Da allora non si è più fermata. Peraltro in tutto il tempo trascorso in silenzio - due anni e tre mesi, appunto - aveva accumulato quelle che (me l'hanno spiegato poi) si chiamano "competenze linguistiche passive", quindi una volta rotti gli indugi sembrava una professoressa d'italiano (adesso che è un po' più grande fa meno effetto).
Il Pupo va un po' nella direzione della sorella, ma al maschile. Quindi caciarone, tamarro e impreciso. Il suo non è un silenzio totale ma un borbottio incomprensibile costellato di sporadiche assurdità tipo "cadondo", "cagongo" o "chicchija".
"Pupo, dì conchiglia".
"chicchija".
"Dì nonna".
"Mamma".
"No, nonna."
"Mam-ma."
"No amore, nonna."
"Bleah".
"Questo l'hai imparato all'asilo. E adesso non sputare".
"Bleah".
"Pupo, e questo cos'è?"
(Mettendosi una mano sul petto, con voce stentorea): "Là-là-làààà!".

Ci siete arrivate?
Cos'è l'animale del disegno?
Perché il Pupo, quando lo vede, reagisce così?









31 commenti:

  1. A me viene spontaneo "cavallo a dondolo" per assonanza... ma di solito non cantano :)

    RispondiElimina
  2. dipende da quante volte ha visto il film "il gatto" tratto dal libro del dr-seuss dove il pesce rosso parla.
    però io sono fuori gioco perchè la mimi ha 14 mesi fa qualche bisillabo ma non ci sono dialoghi assurdi solo un elenco sterminato di "djià" con dito puntato e una mamma o un papà che dicono che cos'è quello che ha indicato.

    RispondiElimina
  3. Ciao, è la prima volta che scrivo ma il lessico familiare è stata una irresistibile provocazione!
    ho un bimbo di 7 anni, ha iniziato a parlare con i tempi più o meno regolari della sua età, ammesso che si possa parlare di regole in questo campo. Quindi, più che strane espressioni e dialoghi surreali, ci sono stati episodi buffi ed uno di questi ancora oggi fa crollare dal ridere me e mio marito. Tornavamo dal cinema, se ricordo bene il suo primo cinema, età circa 5 anni.
    improvvisamente, nel buio dell'auto, scatta la tragedia: MI SCAPPA LA PIPI'!! SUBITO!!!!! bar ospitali: nessuno! distanza da casa: troppa! però stavamo per passare vicino ad un cimitero con davanti delle bellissime aiuole con folti cespugli, così rispondiamo al pargolo in emergenza: tranquillo, arriviamo al cimitero e facciamo la pipì al volo. Dopo qualche istante denso di riflessione da cinquenne, sentiamo la sua voce dal sedile posteriore: ...ma ... poveri morti!!!

    RispondiElimina
  4. là, là, là... mi fa venire in mente doris&nemo "zitto e nuota, nuota e nuota..." non c'entra niente?! va be' c'ho provato!
    mia figlia ha compiuto un anno il 3 novembre. il nostro dialogo tipo è:
    IO "noemi, chiama il papà! pa-pà pa-pà."
    LEI guarda intensamente il suo papà, lo indica, gli fa gli occhioni e poi stringe le labbra, medita su cosa sta per dire, si concentra...
    NOI stavolta ce la fa, stavolta ce la fa...
    LEI "mama!"

    siamo al punto in cui dice solo mamma, il che potrebbe anche rendermi orgogliosa se non lo dicesse a tutti, compresi cane e gatto ;-)
    -------
    posso aprire una parentesi? be', la apro...
    {di mestiere faccio la facilitatrice linguistica, in patica insegno italiano a stranieri. sapete, spesso i bambini attraversano una fase detta "del silenzio" che può durare anche mesi, in questa fase l'apprendimento è solo passivo. i bambini ascoltano, immagazzinano dati e imparano ma non spicccano una parola -il che è piuttosto frustrante per gli insegnanti, ma questo è un altro discorso- poi un bel giorno, quando si sentono sicuri, trac... cominciano a parlare e a volte è perfino difficile fermarli ;-)}
    scusate la parentesi che non c'entra nulla col gioco, ma questo episodio mi ha fatto venire in mente molti dei miei piccoli studenti. un saluto, linda

    RispondiElimina
  5. Il Paciuk è piccolo (19 mesi) e non ci ha ancora regalato "perle di saggezza", però settimana scorsa ha proferito la sua prima frase: vojo pizza...
    nessuna traduzione necessaria direi!

    RispondiElimina
  6. vlazzareschi@yahoo.com29 novembre 2010 22:24

    ho due gemelle di 20 mesi.
    scena serale: io, mio marito e le bambine sul tappetto.
    bambina 1 abbracciandomi: MAMMA e' MIA!
    bambina 2 abbracciandomi e scansando con un calco o pugno la sorella: MAMMA e' MIA!
    mio marito: "E PAPA?"
    nessuna risposta
    mio marito: "SE NESSUNO VIENE DA PAPA', PAPa' se ne va"
    bambine, muovendo le manine: "CIAO PAPà, BYE BYE!!!!"
    .....a volte è bello essere la prima scelta!!! :)

    RispondiElimina
  7. secondo me dice Lala dei teletubbies, in più è giallo come lei...

    RispondiElimina
  8. Anch'io come Linda, ho pensato a Doris e Nemo, beh! sarà che ormai quel DVD (insieme agli Aristogatti)sta diventando davvero un tormentone.
    La piccola Ciopola (23 mesi tra due giorni) sta iniziando in questo periodo a mettere insieme le prime frasi composte da tre, quattro parole, cercando a volte di argomentare attraverso l'uso del perchè (mamma abbia pecchè bibba - mamma si arrabbia perchè è birba!- grazie).
    Giorni fa, il nonno la intratteneva con il solito circo di giochi e danze, lei ha ascoltato in silenzio la nota canzoncina : Ma Pippo Pippo non lo sa e tutto solo se ne va per la città, si crede bello come un Apollo, ma saltella come un Pollo... ed ha esclamato con i suoi occhi furbetti e con la bocca sorridente : NONNO POLLO!!!
    Ho vinto qualche cosa? Niente? Niente!

    RispondiElimina
  9. Oh santo cielo! io son proprio impedita in queste cose, tant'e' vero che non ho mai decifrato le parole di Francesco.
    le sue prime parole sono state, a 14 mesi - dopo mamma: PA-TA-TA e BA-NA-NA. (no, non giravamo film porno in casa ...)
    da li' e' partito di brutto e io ho cominciato a non capire nulla; per esempio, una volta, dopo essere andato dal parrucchiere ha detto per giorni e giorni la parola OBBIDI e io solo col senno di poi ho capito che stava dicendo forbici.
    detto questo, io non so proprio quale sia l'animale indicato dal pupo ... ma vado sul banale e mi butto sul pesce, visto che hai pubblicato una foto. (perche' La-la-laaaaa? perche' guarda nemo e si ricorda la canzone del cartone)
    maaaamma quanto son basica.
    paola

    RispondiElimina
  10. Una delle prime paroline del mio rospetto a 18 mesi è stata TOOE (che sta per torre), prontamente variata in TOTOOE per indicare il TRATTORE, il VENTILATORE e il DOTTORE: una persona essenziale, non trovate???
    Ora (quasi 21 mesi) mi dice: 'Mamma....totooe...nanne...buto...bia!'
    ...praticamente non sopporta il termoventilatore del bagno!!!!

    RispondiElimina
  11. Ovviamente non riesco a sciogliere l'indovinello.
    Però vi posso dire che sin dagli albori della parola di Pelloni, questi ha sempre dimostrato un profondo amore per la pudda, a voi capire che cosa sia (lo so che non si reagisce ad una domanda con un 'altra...).
    Una mattina della primavera scorsa, aveva sui due anni, indicando nel mio cassetto della biancheria disse "la mamma ha le putanne" per dire le mutande. Purtroppo sono stata così imbecille da non scrivermi le sue frasi migliori così che adesso non mi sovvengono..
    Forse però voi non avete un figlio che ha due fratelli maggiori adolescenti, che ne selezionano preziosamente l'eloquio.
    In macchina:
    "Mamma, pecchè non pattiamo?"
    "Perchè è rosso, amore".
    "E' rosso? Che ppalle!"
    "amore, non è elegante dire cheppalle!!"
    O forse non avete neppure un Dr al fianco, incantatore di bambini, che trova gioia nel far far loro ogni possibile trasgressione, così che i bambini lo adorano (per questo mi sedusse anni fa: perchè addormentava i bambini in sala operatoria cantandogli la ninna nanna, insieme al pentothal ovviamente, chè solo la ninna nanna non è sufficiente per la chirurgia, e in rianimazione oltre a salvargli la pelle, insegnava a tutti a fare le corna). Ora non sconvolgetevi, ma ultimamente va così:
    " Amore, sai che tra poco arriva Santa Lucia, e cosa fa?"
    " Se sono bavo, mi potta i legali"
    "Vero, e se non sei bravo?"
    " Mi caga in mano!"

    RispondiElimina
  12. Oddio!! il Post di Mamma Pellona mi ha fatto troppo ridere e mi ha ricordato un'uscita trash della Ciopola di qualche girno fa.
    Dopo aver visto per l'ennesima volta la parte iniziale del suo adorato Nemo (per ora il livello di attenzione non va oltre la mezz'ora) ha esclamato: A Nemo puzza la cacca... @_@

    RispondiElimina
  13. non resisto...devo assolutamente condividere con voi le "scoperte linguistiche" del mio pupo, due anni e mezzo! il furbone ormai sa benisimo come si chiamano i seguenti animali\cose\persone, ma ha capito che la sua finta ignoranza produce grande ilarità in chi lo ascolta, è perciò che con un sorrisetto diabolico si incaponisce a dire:
    comolo al posto di colombo; popolo al posto di polipo; torellina al posto di sorellina, temefalo al posto di telefono...e potrei andare avanti all'infinito! ci fa sganasciare il buffoncello per poi sorprenderci con erudite esplosioni quando meno ce lo aspettiamo...io sono un pò terrorizzata, se già adesso è così, cosa mi aspetta più avanti? e se sua sorella che ha solo 4 mesi già tenta di imitarlo è davvero l'inizio della fine? (mia e di mio marito intendo) a voi l'ardua sentenza....

    RispondiElimina
  14. Risposta al quesito: un pesce canterino?!
    Invece riguardo al mio... dai 12 ai 18 mesi ha detto solo PAPA'. Mia mamma ha preso molto sul serio la cosa: lo metteva seduto sulle sue ginocchia e gli diceva: "Dì mamma!" e lui: Papà!
    E così per lunghi mesi...
    ...
    Questo piccolo episodio invece è di quando aveva 2 anni e poco più:
    Di mattina viene a giocare sul nostro letto e vedendo la piccola croce in legno appesa alla testata mi dice:
    Mamma, quocciolata?
    No tesoro, è legno!
    Non riuscendo a staccarla, si arrampica e la lecca per essere sicuro che non sia davvero cioccolata!

    RispondiElimina
  15. ciao Paola! la teenre Viola, 17 mesi, ripete tutte le parole, compreso CULO!
    ora dice anche il proprio nome, ma ti faccio notare che prima di dire Viola ha imparato a dire Rocco, complice il lungo viaggio sulla 92 x venire da te, nel quale avrò detto alla prole un centinaio di volte di stare un po' bonini che si va alla festa di Rocco!

    passando al quiz: secondo me dice qualcosa collegato a canzoncine o recite dell'asilo, del tipo: pesciolino, pesciolino d'oro, esci dal mare, vieni ad ascoltare!

    RispondiElimina
  16. ah! grazie per i commenti, continuate a partecipare, ho dimenticato di specificare nel post che annuncerò la vincitrice domani, mercoledì, quindi per ora taccio! muta come un pesce. o...

    RispondiElimina
  17. Ciao!
    Approfitto intanto per ringraziare Paola e tutte voi che mi regalate un sorriso praticamente ogni giorno!
    Il mio pupetto ha 16 mesi ed ancora non abbiamo visto Nemo, ma sospetto che sia a lui che si riferisce il Pupo!
    Tra l'altro il pupetto non spiccica parola ( giusto na-na-na e no!) ma mi consolo perchè mi sembra di capire che c'è ancora tempo, vero?! :) In questo periodo sto cercando di farlo parlare, la pediatra dice che è pigro, ma uffi magari mamma o babbo lo potrebbe anche dire!
    Consolatemi vi prego!
    Ciao,
    Veronica
    Buona giornata

    RispondiElimina
  18. Questo argomento mi lascia un pò perplessa.
    Anzi molto.
    La mia a 20 mesi dice solo singole parole tipo mamma papà nonna nonno e i nomi di tutti i cugini e parenti di ogni ordine e grado (siamo una grande famiglia) storpiati da lei (Paolo diventa Pao, Luca diventa Uca ecc.)

    Pronuncia frasi più o meno lunghe solo nella sua lingua assolutamente incomprensibile agli over 2.

    La pediatra ha detto che alla sua età i bambini DEVONO (bella parola "DEVONO" sembra quasi una norma di legge)
    riconoscere almeno 3 parti del corpo
    conoscere almeno 50 vocaboli
    mangiare da soli (nel senso di tenere in mano le posate e portarle alla bocca).

    Secondo la pediatra Vale è una bambina che capisce tutto pure troppo ma ha un ritardo nel linguaggio dovuto al fatto di essere bilingue, poichè suo padre giustamente le parla anche in spagnolo.

    Allora sempre secondo la pediatra i vocaboli DEVONO essere 50 e 50 cioè 100.
    "Mi raccomando signora a casa LI CONTI".

    Premesso che mio marito (il presunto colpevole della confusione linguistica) vuole cambiare pediatra, vi domando se pure i vostri pediatri la pensano come la mia, cioè che il ritardo nel linguaggio crea disagio emotivo perchè se mia figlia parla male o parla un altro idioma gli altri non la capiscono.

    Grazie a tutti coloro che vorranno rispondermi.

    Per il concorso a premi, se il Pupo è come mia figlia il pesciolino giallo deve essere qualcosa che ha a che fare con una pubblicità.
    La mia guarda la tv solo la sera quando siamo a casa insieme eppure le sa tutte.
    Ovviamente, a modo suo.

    Mariangela

    RispondiElimina
  19. Non vorrei intromettermi ma per Mariangela: non credo che a 20 mesi si possa parlare di ritardo del linguaggio, soprattutto se il bimbo è bilingue. Leggi al riguardo questo sito che probabilmente già conoscerai:
    www.bilinguepergioco.com

    RispondiElimina
  20. Una delle mie figlie ha tre mesi e oggi è stata piu di un quarto d'ora a parlare con il lampadario le parole precise non le ho capite ma il tono sembrava quello di chi dice: Ciaoooooo! Come stai?
    L'altra che ha tre anni e che ora parla come una maestrina rivolgendosi alla sorella di cui sopra: "cucciolotta ma quanto sei bella dai facciamo un puzzle, io ti faccio vedere i pezzi e tu mi dici dove vanno ok? Braaaavissima!"
    Per quanto riguarda il quesito: non è che per caso visto il colore lo scambia per titti l'uccellino amico del gatto silvestro?

    RispondiElimina
  21. giusto questa mattina:
    "trottola, guarda fuori dalla finestra
    mamma nevicaaaaaaa andamo in slitta?
    amore non abbiamo la slitta
    la lubamo a babonatale
    ma se rubi la slitta a babbo natale, poi come fa a portare i regali ai bimbi buoni?
    fassamo che aspettamo che porta i regali a me e poi la lubamo"
    se non fossero egoisti non sarebbero bambini???
    ti leggo sempre, anche se non ho mai scritto prima
    buona giornata
    silvia

    RispondiElimina
  22. turquaise.lory@virgilio.it1 dicembre 2010 09:33

    Ciao Paola!
    non è che per caso a casa uno di quei pesci "tipo impagliati" che se tocchi la loro coda si mettono a cantare???? :D

    Mia figlia Gaia fa 2 anni il 4 dicembre... e le maestre del nido non fanno che dirci che parla troppo poco e che è pigra...
    Secondo me sta solo aspettando di essere sicura e poi si butterà come ha fatto col camminare (15 mesi e 11 giorni).

    Comunque, un giorno guarda fuori dalla finestra e mi fa "mamma, baui!". :-O
    "come, amore?" "mamma, baui, là!".
    Guardo fuori, pioveva.
    Poi ho capito. Pronte?
    Per lei il pesce è "ba-ba" perchè fa quel verso. Da lì, visto che acqua era "aua", il pesce che sta nell'acqua è "baua", plurale "baui".
    Gaia ha un ombrellino trasparente con i disegni di nemo che "non si può aprire in casa, si apre solo fuori quando piove".
    Quindi da quel momento "baui" per lei vuol dire piove!!!
    adesso si è un po' evoluto in "piaui" perchè in dialetto diciamo piovi...

    :D
    mio marito dice che la capisco troppo...
    baci
    lory

    RispondiElimina
  23. @Mariangela
    Cambiate pediatra!
    Mi sembra una follia questa regola delle 50 parole, e soprattutto il fatto di attenersi ad una tabella rigida...
    Anche il mio bambino è bilingue, anche lui ha parlato tardi e ancora adesso parla meno e peggio degli altri. Ma la nostra pediatra, saggia donna, non ci ha mai allarmato: ci ha sempre detto che lo sviluppo di un bambino si vede nel complesso e ogni bambino è diverso e sarebbe come dire che le rose DEVONO tutte sbocciare il 5 di maggio...
    Insomma Mariangela, sono solidale al massimo con te e con tuo marito!

    RispondiElimina
  24. @mariangela: la tua pediatra è una terrorista! e incompetente - almeno per quel che riguarda il linguaggio dei bimbi. a proposito: io fossi in te mi prenderei anche la soddisfazione di dirglielo, possibilmente usando più di 50 vocaboli, oppure in italiano con testo a fronte in spagnolo.
    stesso discorso vale per lory e le maestre dell'asilo...
    a stasera per i risultati! continuate così che mi fate sbiellare dal ridere.

    RispondiElimina
  25. 1: vede le bolle e le interpreta come note che escono dalla bocca di un pesce tenore!

    2: sono il papà di una bambola di 4 anni e mezzo e di uno scugnizzo di 17 mesi.
    Quest'ultimo ha dato prova di saper pronunciare moltissime cose, ma una sola volta e poi non si ripete più.Sa dire "nonna, nonno, nomi propri, locuzioni come "due-tre-quattro" ma non esercita.
    Il suo vocaboario si limita a "pappa" ad orario pasti e a "mamma" per tutto il resto! al punto che chiama "mamma" anche il sottoscritto ( pur sapendo perfettamente che sono il papà , e sapendolo pronunciare correttamente e a proposito.
    un giorno ci siamo intestarditi a frgli dire "papà" indicandomi;
    noi: "dì papà , su, che lo sai fare..."
    lui: ..." mamma..."
    -" ti sembra che io sia la mamma?"
    -"...maa-mma!"
    -"ma io sono PAPA'!!!! non mamma..."
    dopo un attento esame , e con una certa riluttanza lui ha detto
    -" pam-ma!"
    questo mi ha fatto capire che ha ragione lui: perchè complicare la vita di inutili orpelli ortografici? una sintesi emozionale si deve necessariamente tradurre in una semplificazione del linguaggi!!!

    RispondiElimina
  26. Per Mariangela: cambia subito pediatra!
    Io vivo in due paesi e di pediatri ne ho già visti 4: 2 per paese...
    Uno l'ho cambiato perché tutte le volte mi diceva che mia figlia pesava poco, che era sotto la media...
    L'altro perché mi ha detto che dato che non l'avevo ancora vaccinata poteva prendere la polio e rimanere paralizzata - alla faccia del fare informazione!!!!

    Sul discorso linguaggio: la mia pupotta ha 18 mesi e parla come un bambino di due e mezzo. Quando la pediatra mi ha chiesto se conosceva almeno 20 parole e io le ho detto che ne sapeva 200 e faceva della frasi tipo "la nonna si è sporcata, il dottore scrive, noce la vuoi" mi ha riso in faccia e mi ha detto che era impossibile...
    Della serie se non parlano è un problema, se parlano e glielo dici non ci credono...
    Mi sa che dovrò cambiare nuovamente dottore!
    Marianna

    RispondiElimina
  27. Un commento all'ultimo secondo perchè l'argomento mi diverte un sacco!
    Però proprio non riesco a decifrare quello che dice il tuo pupo ... se avessi l'intonazione e la mimica facciale ad aiutare, magari...

    Il mio piccoletto di 19 mesi, ripete qualunque cosa e siamo ben oltre le 50 parole ormai (Mariangela chiedi alla tua pediatra se vinciamo qualcosa). Qualche mese fa le lettere dell'alfabeto in suo possesso erano però decisamente limitate al punto che la sua cuginetta Viola per lui era - chiamata a squarciagola in presenza di chicchessia - Boia.
    Ci faceva schiattare dalle risate tanto che quando è passato a Biola e poi Viola ... ci è quasi dispiaciuto. A tutti tranne che alla madre di Boia.

    RispondiElimina
  28. Non riesco a immaginare cosa indichi il la-la-laaaa, ma leggendo i vari post mi son ricordata di mia sorella che piccina piccina adorava le "BL"....chiamava così le caramelle!!!
    Del mio ometto di 5 anni invece ricordo che una mattina usando i pennarelli alla mia domanda "che stai facendo?" mi rispose "sono un PASTICCERE!!!"....voleva dire che stava facendo un pasticcio!!

    RispondiElimina
  29. Mi sono innamorata del tuo blog!
    ma non ho figli..è grave?
    Barbaraxx

    RispondiElimina
  30. Ciao,
    dal libro (molto divertente) sono "naufragata" al tuo blog che sto leggendo dall'inizio alla fine... Ma ora non riesco a trovare da nessuna parte la soluzione di questo gioco!!! Chi ha vinto e cosa voleva dire il Pupo??? Sono molto curiosa... :-)

    RispondiElimina