Ho traslocato su erounabravamamma.it

Vi aspetto!

martedì 4 maggio 2010

Garbati "vaff"

E ora qualcosa di completamente diverso

A grande richiesta, un post sui "vaff" e sui !*§&%$!! che vorremmo tirare a chi, per un motivo o per l'altro, infastidisce noi mamme.

"Vaff" a...
* Gisele Bundchen, a detta sua tornata più magra di prima a soli quattro mesi dal parto, sostiene di non aver provato grandi dolori durante il travaglio perché... troppo emozionata all'idea di vedere suo figlio. A nostra parziale consolazione: Gisele sarà anche in forma smagliante ma, come mostrano chiaramente le foto di Vanity Fair che l'ha intervistata, è pure un po'... smagliata. Ahahahah!
* Mariastella Gelmini, che dopo aver dato seri scossoni al sistema-scuola ora tenta di distruggere l'autostima delle donne comuni sostenendo che ogni mamma, come lei, dovrebbe tornare al lavoro a pochi giorni dal parto. Non accanitevi contro di lei perché ci penserà la sorte a punirla, come mostra la storia di... (vedi sotto)
* ... Rachida Dati, ex ministra francese poi caduta in disgrazia. Destò scalpore, poco più di un anno fa, per esser tornata in Parlamento a cinque giorni dalla nascita della Pupa (e dal cesareo), per giunta indossando un tacco 5.
* La mitica Elisabettona Gregoraci, invero già colpita dal fato: pur avendo messo al mondo il delfino di Briatore, è bella gonfia come tutte le neomamme.
* Briatore medesimo, che sei anni fa ha avuto una bimba da Heidi Klum e non ha voluto saperne nulla. Per fortuna, Heidi Klum è una tipa in gamba e ha poi sposato un uomo-roccia come Seal, ora papà a tutti gli effetti della piccola. A proposito di facce di gesso: a voi, negli ultimi mesi, non facevano uno strano effetto le interviste a Briatore che diceva "Sarò un padre fantastico"? Briatore, ma !*§&%$!!
* Tutti quelli che ti chiedono "Come va" e poi, quando gli riassumi in 2 parole il tuo fine settimana tra congiuntivite, febbre, cacca ecc. ecc., ti guardano con sufficienza e poi dicono "Eh cara, ci siamo passati tutti". Ma allora cosa me lo domandi a fare?
* Quelli senza figli che se per avventura ti capita di dirgli che sei stanco rispondono: "Ah, guarda, non ho dormito nulla neanch'io; sai, ho fatto le cinque l'altra sera e avevo bevuto un po' troppo"
* Quelli (con o senza figli) che passano il tempo a dirti: "Ti limiti troppo, è il bambino che deve adattarsi alle tue esigenze e non tu alle sue; non esci più... dovresti dedicare del tempo a te stessa"
* Le colleghe che ti rubano la scrivania e quando rientri ti dicono "Se ti interessava tanto il tuo ruolo dovevi portarti il pc in maternità". Certo, e magari lo tenevo anche in equilibrio sulla testa mentre con una mano cambiavo il bambino, con l'altra reggevo la tetta mentre lo allattavo e, per ritrovare la linea perduta, saltellavo la corda canticchiando spensierata dopo una nottataccia di sveglie continue tra rigurgiti e pianti strazianti
* Quelli che per strada non si fanno i fatti loro, come la sconosciuta senza il minimo tatto che ti suggerisce di mettere alla bambina una cuffietta per tenere le orecchie a posto e vuole spingerti subito all'interno di un negozio di ortopedia
* Chi non capisce che un bimbo può anche essere stanco e si stupisce se piange quando lo prende in braccio e ce lo vuol tenere per forza; chi non si fa più sentire e non ti invita più perché "tanto col pargolo non puoi uscire"; chi è convinto che "allora se dorme la notte per te è una passeggiata"; e anche a chi dice "Ah bene, ora è tranquillo, ma fa sempre in tempo a cambiare: vedrai che con i dentini avrai problemi".

Grazie a tutte le collaboratrici: Didò, Marina, Micol, Typing Mummy, Francesca, Jane, C., Claudia, Chiara & le altre... e vi prego, andate avanti, perché mi diverto un sacco. Tra l'altro trovo che questo blog sia frequentato da persone molto intelligenti e con un grande senso dell'umorismo. Ve l'avevo già detto?

61 commenti:

  1. bellissimo post!posso aggiungere un vaff? oltre alle amiche che non ti invitano più, ci sono quelle che continuano a invitarti insistentemente, non capendo perchè tu non te la senti di fare le 5 di giovedì sera, e poi infine dicono in giro che non sei più la stessa e che forse hai una depressione post parto e che non ti fai mai sentire nonostante loro cerchino di starti vicine.

    RispondiElimina
  2. Io aggiungerei anche un vaff a quei padri che non hanno capito che il figlio é anche 50% loro, e considerano l'occuparsene occasionalmente una magnanima concessione. Premetto che non é ilmio caso, per fortuna, ma ne ho sentito tante di storie cosí. E poi vorrei dire, in tema, che mia madre e mia nonna la finiscano di dire bravo al mio compagno quando lo vedono cambiare un pannolino, che questo fa parte dei suoi impegni di padre, e non é una prestazione atletica da Usama. Sennó dicano brava anche a me per lo stesso motivo.

    RispondiElimina
  3. Ciao Paola! Mi presento qui per la prima volta...
    Mi unisco a tutti i tuoi sonori vaff (in particolare alla Gelmini, a Briatore e a chi ci invita a dedicare più tempo a noi stesse) e rilancio con quelli (senza figli) che ti dicono: "No, di figli non ne ho. Però ho appena preso un cane... e credo che sia più o meno lo stesso!"

    RispondiElimina
  4. Ciao, ....e non ce li mandiamo quelli che quando prendono in braccio tua figlia e per parlare urlano e appena piange ti dicono: "ma che antipatica, forse dovresti ABITUARLA un pò di più a stare in mezzo alla confusione, no?..." ma anche no.Magari dovrsti pensare TU che è piccola?....e potresti accorgerti che ti sorriderebbe beata? ma! ciao a tutte

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. ancora una volta... grazie Paola!
    condivido tutti i vaff al 100% a quelli che ti dicono "non sarai mica una che si fa condizionare dai bambini vero?" e da chi senò? dal gatto?

    PS: ho fatto casino con i commenti... sorry

    RispondiElimina
  8. Potrei andare avanti all'infinito: oggi poi, in ritardo, mi sono letta on line la fantastica intervista di MaryStar (W la Littizzetto) che sostiene che stare a casa dopo il parto è un privilegio, non un diritto, e che le donne dovrebbero essere più ottimiste. Ma si facesse un po' i fatti suoi, che manca poco mi fa venire uno sbocco di bile. E comunque vorrei aggiungere altri vaff: a quelli che ti parcheggiano così spalmati davanti al portone che non riesci ad uscire col passeggino e a quelli che, quando sei incinta, non ci pensano neanche a cederti il posto e ti lasciano in piedi in autobus o alla cassa del super. Idioooooooooooooooootiiii!

    RispondiElimina
  9. meraviglioso...

    RispondiElimina
  10. ti seguo sempre, e di solito non commento ma stavolta mi sfogo... mettiamo un bel vaff anche a quelle che, vedendoti in giro con la figliolanza, non posson proprio trattenersi dal criticarti (ma signòòra, ma non lo vede che ha freddo? caldo? fame? che deve stare nel letto a quest'ora, non in giro? e perchè non le dà la tetta, povera stella?) e dallo spiegarti come sono state brave loro, con i loro figli...

    RispondiElimina
  11. commento qui per la prima volta anche se non è la prima volta che ti leggo, stavolta non posso astenermi:
    * vaff....a quelli che ti vedono sulle strisce pedonali, con una mano tieni le borse della spesa e spingi il passeggino mentre con l'altra tieni l'altro tuo figlio, fai un tentativo di attraversamento della strada e non solo tirano dritto ma ti guardano pure male
    * vaff...alla Marcuzzi quando anni fa disse di essere ritornata in super-forma dopo il parto "per merito di mio figlio che non sta mai fermo"....siiii e poi perchè vai in palestra, fai i massaggi e magari qualche bell'intervento di chirirgia estetica!
    Ps complimenti per il tuo blog

    RispondiElimina
  12. fantastico questo "spazio vaff"!!
    ..e allora anche un bel vaff alle varie fautrici della litania "poveriiina ha le manine gelate" e "ma ha i piedini nudi!" lo sooooo! si toglie le calze! devo tassellargliele x evitarlo?

    Paola il blog è ben frequentato perchè ce lo ispiri tu!
    ma è nato prima il libro o il blog? e fare un secondo libro coi post?

    RispondiElimina
  13. un vaff. dedicato ai datori di lavoro di sesso MASCHILE che quando vai a fare il colloquio per un nuovo lavoro (visto che quello che avevi prima l'hai perso a seguito della maternità) e specifichi che hai un figlio e che quindi non sei disposto a stare al lavoro "sine orario", ti dicono: non si preoccupi, anche io ho figli, ci siamo passati tutti... con aria assolutamente comprensiva e di chi capisce esattamente cosa significa e cosa si passa.. peccato che notoriamente questi uomini i figli non li hanno certamente cresciuti loro, ma le mogli, che sono rimaste a casa (perchè potevano permetterselo) e quindi non hanno una benchèminima idea di cosa significhi e la riprova ce l'hai subito fresca fresca la prima volta che chiami dicendo che non vai perchè la pupa ha la febbre a 40 e quando torni il giorno dopo ti giunge voce che il commento del suddetto datore di lavoro è stato "ahhh, queste mamme...." e lascio a voi il commento sulla mentalità che sta dietro a queste parole. ps. dalla volta dopo ho chiamato dicendo che IO avevo la febbre a 40.. "ah.. questi uomini... ci vuol così poco a farli fessi"

    RispondiElimina
  14. Grazie grazie grazie per avere dato voce a tutti i miei (nostri?) Vaff! interiori! E' sempre un piacere leggerti!
    Buona giornata!
    Veronica

    RispondiElimina
  15. @Kaliroi: fantastica analisi degli atteggiamenti maschili. Fantastica analisi della semplicità nel farli fessi. Sono perfettamente d'accordo con te.
    @Paola: ma si fa anche la seconda puntata dei vaff...? Nel caso me ne stanno venendo in mente una carrettata.

    RispondiElimina
  16. altro vaff. alla Gelmini, non solo per quello che ha detto, che alcune potrebbero anche considerare corretto (anche se, mi verrebbe da dire, i piccoli che vengono sottratti alla materna presenza così presto, non possono dire niente ma cosa ne pensano?!?!), ma per quello che fa! Lei e tutto il suo governo! Il mio comune dice di avere pochi fondi così ha tagliato i posti disponibili in asili nido comunali e convenzionati (per inciso ma vaff. anche al comune che i soldi per le sagre non gli mancano mai). Quindi due genitori che lavorano a tempo pieno, con i nonni, giovani e quindi ancora lavoratori pure loro e che comunque vivono a 20km di distanza, non sono abbastanza messi male da aver diritto all'asilo comunale. Gentilissima Ministro Gelmini secondo lei a chi lo dovrei lasciare il pargolo, anche ammesso che lo voglia lasciare? Alla baby sitter o all'asilo privato, devolvendo loro peraltro tutto il mio stipendio? Così non solo mi separo da mio figlio, cosa comunque non molto gradita, lo lascio alle "cure" di estranei che ne devono accudire nel frattempo altri 10, quando va bene, e peraltro ci rimetto pure economicamente.
    Che bell'idea Ministro! Solo un genio come lei che si è comprata l'abilitazione alla professione in calabria poteva... partorirla

    RispondiElimina
  17. nella scuola statale molto è affidato alla buona volontà dei "soldati semplici", ma cavolo non basta e non deve bastare! la propria professione non deve diventare volontariato! mancano insegnanti di sostegno, soldi x supplenze e x progetti, manca la carta x le fotocopie e x fare le verifiche dobbiamo chiedere ai genitori di portare loro le risme (trafugate spesso dall'ufficio), nei bagni mancano il sapone e la carta igienica!! manca ogni minimo conmfort, tipo un ventilatore quando fai gli esami a fine Giugno coi candidati che grondano e le insegnanti che svengono, i commessi sono troppo pochi e sgobbano come matti ma non basta..e poi in un ambiente deprimente, male arredato si rende meno! (anche negli ospedali si cura l'aspetto cromatico..)io provo ogni tanto a proporre qualcosa perchè tutti son buoni a lamentarsi, ma nessuno prova a fare...bè le mie colleghe manco mi rispondono, loro sono vecchie dentro e assuefatte al brutto..ma a me non va giù, mi sento fuori posto e buttata via.
    Mary Star (li sa fare, li sa fare..cfr Checco Zalone)e i suoi tagli tarpano le ali agli studenti, che sono il futuro della nostra società e nel quale bisognerebbe investire! non si tratta di destra o sinistra, ma di buon senso e lungimiranza..
    Perdonate lo sfogo..questi sono i "personali mulini a vento"con cui combatto

    RispondiElimina
  18. Io ne ho uno grosso e potente urlato a pieni polmoni per quella nonna che porta al parco sua nipote e:

    sgrida i figli altrui perchè corrono e urlano;

    regola la tempistica d'uso dei giochi,(perchè tocca sempre a sua nipote salirci);

    non permette alla nipote di prestare i giochi ma le consente di usare quelli degli altri perchè la sua bambina educata non li rompe;

    mi ha informata che i bambini di "questo parco" sono maleducati e selvaggi perchè ci sono in giro mamme troppo permissive che chiacchierano tra loro invece di "sorvegliare" e così è costretta a pensarci lei per salvaguardare l'incolumità della "sua bambina"....

    quando mia figlia ha corso più veloce di lei
    -la nonna- per salire sull'altalena che in quel momento era libera l'ha fatta scendere prendendola per il braccio perchè "ci era andata già prima e adesso tocca anche agli altri!!!"(ovviamente sua nipote "prima" e per un sacco di tempo non ci era mica stata su quella ...'azz... di altalena nooooo.......);


    Dopo l'ultimo punto credo che il vaffa..... sia l'unico insulto che non le ho detto.... chiedo venia,urlato..... Grazie per avermene dato la possibilità virtuale.....

    RispondiElimina
  19. Ma un vaff a quelle mamme che ti dicono: "Ah, no, io il lavoro l'ho lasciato perché mio figlio è più importante della carriera"? Ne riparliamo quando vivrò di rendita come te, mia cara...

    RispondiElimina
  20. Ti leggo sempre, commento per la prima volta.

    Un bel vaff (virtuale ma terapeutico!) anche ai capi donne, che pur avendo avuto figli non sono volute rimanere a casa (nonna disponibile 24 ore al giorno) e quindi pensano che sia normale tornare in ufficio a due mesi dal parto. Alla faccia della solidearieta' femminile, dell'aiuto che ci dovrebbe essere tra di noi...che tristezza. Aspetto con terrore e gioia infinita il mio secondo pupo per settembre e leggerti mi da tanta gioia e conforto, non mi sento sola, brava Paola!

    Giorgia

    RispondiElimina
  21. Liberatorio questo post. Ahh, ora mi sento meglio. Sapessi quanti vaffa ho qui in gola, ma alcuni li ho liberati...
    vistodalei.splinder.com

    RispondiElimina
  22. Spero non sia già stato detto: un vaff a quelli che, a pochi mesi dal parto, ti chiedono candidamente: "a quando il secondo?"...come se fosse scontato che una potrà e vorrà averne altri e comunque che ci stia già pensando!

    RispondiElimina
  23. ..e un vaff a quelli che ti dicono: "ah, poi basta figli veero?" ma saran c@//i miei dato che me li smazzo io?

    e poi uno "sgrunt"a chi pretende che i bambini usino lo scivolo salendo dalla scala..ma chi l'ha detto che non si può risalire al contrario? lasciamo usare ai bambini i loro giochi come vogliono!!

    RispondiElimina
  24. ah già e poi oggi sotto la pioggia con marsupio, ombrello, borsa con pannolini e merende, borse con le divise x taekwondo: "ma perchè la porta fuori con questo tempo poverina, si ammala!?"
    ci vai tu a prendere gli altri all'asilo-palestra ecc?
    ahhh santissima pazienza!

    invece un bacio alla mia amica e panettiera Romina che ne ha 4 e non critica nè giudica mai, e dà sempre una mano!

    RispondiElimina
  25. uuuu che opportunità fantastica!!!
    ti leggo.. a volte ti commento, ma il web se li mangia tutti i miei commenti.. sistematicamente! quindi aggiungo anche sto web che si mangia i commenti delle neomamme senza nessun valido motivo alla lista dei vaffa (ma stavolta copio prima di dare postacommento!)

    e che ne dite della suocera che si fionda in camera, ti tasta le tette e sentenzia "mmmm, no, non c'hai mica latte buono tu..." (dopo aver fatto 25 ore di travaglio con 2 costole incrinate, una bronchite, aver fatto un cesareo d'urgenza e una trasfusione... direi che è un miracolo che siamo vive altro che latte!

    quella che al mare in albergo quando arrivi tu al tavolo commenta ad alta voce "ma con tutti sti figli starsene a casa sua no? ti pare di portarli in albergo poverini...." no certo.. io le vacanze e sottolineo VACANZE non le posso fare vero? devo sgobbare in appartamento anche al mare perchè te non vuoi sentire il vociare di tre bambine?? tesoro.. mai vai a giocare in tangenziale va....

    Il cameriere al ristorante che dopo avergli chiesto cosa c'è nel piatto degli affettati misti ti risponde "affettati misti..." come se avessi fatto una domanda idiota, allora tu gli dici: "daccordo allora per cortesia mi metta della bresaola, cotto e salame" e ti dice: "se sua figlia non vuole il resto del piatto faccia a meno di mangiarlo, mica posso stare a sentirvi tutte".... ma vaff pure a te! magari ad una bambina di 2 anni la ventricina non gli va proprio a genio!

    dimenticavo: il signore gentile che si è messo in coda sulla cassa RISERVATA a disabili, gravide e neomamme.... che ti guarda mentre a stento arrivi a togliere la roba dal carrello, cammini a rilento per le gambe gonfie e sopratutto.. ti scappa da morire.. e lui che ti dice?? "vorrà mica passare avanti?? sta mica partorendo!" ma no certo.. figurati, hanno messo una cassa riservata proprio per gli idioti come te.

    ultima (ma non ultima che ce ne sarebbe di $£**## da dire)
    lei che ti dice: "non ce la faccio più, mangia ogni due ore, di notte si sveglia 4 volte per mangiare... ho dovuto passare all'artificiale e lasciarlo a mia mamma! dovevo tornare in palestra scherzi!??!!"... tesoro.. ha 20 giorni tuo figlio! pensavi che ti davano il cicciobello che gli mettevi il ciuccio e stava buono?
    (tanto il culo grosso lo avevi prima e credimi.. ora ti andrà ancor peggio! tiè!)

    grazie...
    ora sto meglio.
    Monica

    RispondiElimina
  26. Più andavo avanti nel leggerti (soprattutto nella parte meno gossip e più personale) più un misto di rabbia e liberazione mi saliva dentro. Perché nonostante io mi senta un pò (solo un pò!) "fuori dal tunnel", ci sono ancora delle cose che non mi spiego perché, se le penso, a volte mi sento un pò aliena. Poi arriva qualche donna-mamma come te e mi fa sentire ritrovata in questo mondo.
    Mi sono espressa malissimo, ma chiedo venia: sono una neo-mamma che ha dormito poco...

    RispondiElimina
  27. Un vaff alla mia capa che potrebbe essere la mia mamma e mamma pure lo è ma che sembra essersene dimenticata. E un mega vaff alle mie colleghe che vivono solo di lavoro e che mi guardano con commiserazione quando cercando l'agenda in borsa saltano fuori pannoli e ciucci. Vaff...brutte streghe!
    E grazie a te Paola!!

    RispondiElimina
  28. Un piccolo Vaff a quelli che parcheggiano sempre al supermercato nei posti riservati a donne incinte e/o con bambini piccoli, che mi tocca farmi 300 mt col figliolo in braccio urlante prima di trovare un carrello, magari sotto il sole cocente di agosto...
    ...
    Un altro bel Vaff a chi non ne sa proprio niente di come funziona il mondo e casca sempre dalle nuvole: "Ah, ma tanto va al nido, no, che problemi ti fai? Il nido è un diritto, è gratis no?" E noi che abbiamo aspettato 13 mesi perché ce lo prendessero (col padre che è dovuto stare part-time per tenere il pupo e per fortuna che glielo hanno concesso!) e che siccome siamo onesti e dichiariamo tutto, siamo nella fascia medio alta e paghiamo 300 euro di nido comunale...
    ...
    Un altro grazioso Vaff a chi proprio non vuol capire e lancia inviti impossibili tipo: dai venite anche voi alla festa a 35 km di distanza che inizia alle 11 di sera e va avanti tutta la notte, che tanto il bimbo si abitua e dorme dappertutto no?
    ...
    Un Vaff davvero forte e potente a tutti quelli che mi chiedono insistentemente: "Cosa aspettate a fare il secondo?" E non è colpa loro se non sanno che ho avuto un aborto spontaneo pochi mesi fa, ma a me non va di spiegare i fatti miei a tutti e insomma Vaff e basta!
    ...
    Infine un delicato Vaff alla signora anzianotta che ho incontrato sul marciapiede e mentre il mio bimbo di circa due anni esplorava il mondo e cercava di scrivere con un legnetto sul cemento, lei si ostinava a dirgli: "No! Cacca! Non toccare per terra che è cacca!"
    Ma dico, vi sembra normale dire cacca se si parla di cemento? E poi lasciasse fare a noi genitori che vogliamo crescere dei figli liberi di sperimentare e di esprimersi, che se ne vedono alcuni che a 4 anni hanno ancora bisogno della mano della nonna per salire sullo scivolo (e ovviamente gli è interdetto di salire al contrario, che è il gioco più bello!)
    ...
    Grazie Paola!
    E' un bel mondo questo qui, tuo e nostro, molto reale!

    RispondiElimina
  29. Semplicemente Unica!......Signore permettetemi un *vaff.....a quelle colleghe impiegate che sono state neo mamme ma l'hanno dimenticato, al collega impiegato che fa nonnismo e dice "ah! però se chiedi part-time io non permetterò che ti diano quel nuovo incarico!" e poi "sai ma qui il part-time non lo concepiscono"!!!!! un GRAZIE però a quelli che ti rincuorano e dicono "crescerà....ce la farai!" :-)

    RispondiElimina
  30. Bellissimi tutti questi vaffa :)

    RispondiElimina
  31. Bello Bello Paola! ci voleva davvero questo post!
    di sicuro avrebbe meno successo, ma anche un post di ringraziamenti ci vorrebbe!
    io ringrazio te perchè verbalizzi i pensieri-paure-paranoie di tutte noi mamme e ringrazio le mie amiche che hanno i pargoli poco più grandi del mio che continuano a dirmi "è sempre più bello, più si va avanti più migliora, vedrai poi che meraviglia " ED IN EFFETTI è COSì!!! Dal tunnel si esce, l'amore verso di loro diventa incalcolabile e anche la frase "ma chi me l'ha fatto fare" non viene più assolutamente spontanea!

    RispondiElimina
  32. oh ma che meraviglia! mi avete emozionato, commosso, divertito da matti. ho visto alcune di voi commentare la prima volta e neanche credevo mi leggessero. siete fantastiche! mi dò tempo fino a domani per decidere se raccogliere questi commenti in un post riepilogativo che forse permette a più persone di goderseli, perché sono proprio divertenti... certo ho ancora indietro la storia di Limonazio (il nuovo nome del Pupo), ma una cosa non esclude l'altra.
    @Micol e altre che me l'hanno chiesto anche in passato: è nata prima l'idea del libro. Poi, mentre stavo scrivendo e giravo in rete, pensavo: peccato che quando questo libro sarà finito non potrò più raccontare le avventure dei pupi. e poi mi piacerebbe scambiare opinioni, idee, emozioni... e insomma così ho pensato di aprire il blog, che poi ha preso vita in contemporanea con l'uscita del libro. That's it.
    bisou bisou

    RispondiElimina
  33. Un bel vaff anche a quelle neomamme mentecatte che decidono, potendoselo permettere, di stare a casa fino ad un anno dopo il parto perchè non vivono del proprio stipendio e perchè "mio figlio lo voglio crescere io" e poi quando chiamano in ufficio la sottoscritta (tornata al lavoro a quattro mesi dal parto e dal TERREMOTO che mi ha distrutto la CASA e per molti versi LA VITA) non fanno altro che lamentarsi perchè sono stanche di passare le giornate A CASA LORO tra pappe e pannolini e vorrebbero tanto tornare MA IL MARITO NON VUOLE perchè preferisce che stiano a casa (LORO, specifico) con la prole).

    Ma andate a fanc... e smettetela di tediarmi con le vostre paranoie sul fatto che non vi sentite realizzate in pieno e che vostro marito vi considera ormai solo come madri e non più come donne perchè state a casa VOSTRA a cucinare e allevare i vostri figli.

    Tornate lavoro.
    E come faccio?? Poi il bambino soffre perchè è stato sempre e solo con me da qudno è nato"

    Allora tieni duro finchè non cresce un pò, poi tornerai alla tua vita e al tuo lavoro.
    "Eh, ma fino ad allora mi verrà la depressione post parto."

    Allora fai una cosa.
    Vai a cagare.


    Scusatemi lo sfogo.
    Ora mi sento meglio, ecco.

    Marianna terremotata (sia dentro che fuori) e scocciata di essere scocciata

    RispondiElimina
  34. Il mio vaff..non è collegato strettamente all'essere mamma ma sono sicura che capita anche alle mamme!(io non sono mamma,ma sono zia,posso leggere il blog comunque?!)
    Un Vaff..alle commesse dei negozi di abbigliamento che i dicono con aria schifata: "Che taglia porta signora,la 46??"
    Porto la 44, razza di Idiota!!!

    RispondiElimina
  35. Sono una di quelle "neomamme mentecatte che decidono, potendoselo permettere, di stare a casa fino ad un anno dopo il parto" perchè "mio figlio lo voglio crescere io", e anche se io del mio stipendio ci vivo, ho deciso di fare uno sforzo. E non me ne pento, non mi giudico una mentecatta nè tanto meno rompo i coglioni alle mie colleghe in ufficio; la mia bambina è la cosa più importante e non vedo perchè criticare una scelta del genere...
    anzi---un VAFF@* a chia ancora non concede un orario elastico alle mamme una volta rientrate in ufficio e un altro VAFF ancora più grosso al comune di Firenze per le rette altissime del nido!!
    Sara

    RispondiElimina
  36. Mi unisco a Saretta, a volte si può stare a casa con qualche sacrificio senza essere milionarie. E suggerisco che si può richiedere l'anticipo del TFR per supplire alla mancanza di stipendio.

    Aggiungo:

    Un sonoro Vaff a quelli che parcheggiano sempre sui marciapiedi ed io devo andare in mezzo alla strada col passeggino...

    Un bel Vaff a chi ha insistito tutto l'inverno dicendo che la mia bimba avrebbe avuto raffreddori, otiti e quant'altro senza berretto, scarpine e non so che altro. Per fortuna nella sua tutona con cappuccio è sempre stata benissimo. (speriamo duri!)

    Un sentito Vaff a chi mi ha ripetuto infinite volte "cosa? dorme già tutta notte? ma allora per te è come non averla! beh, riposa perchè prima o poi i dentini o le orecchie..."

    Un Vaff per solidarietà con chi non ha latte a chi mi dice "le dai ancora il tuo latte? brava!" come se fosse un merito avere la fortuna di avere una dose industriale di latte (e gocciolare a tutte le ore) e chi non ne ha fosse una cattiva madre

    Come tutte ne avrei altre migliaia, ma come primo post va bene così!

    Ciao, M

    RispondiElimina
  37. forse è fuori tema ma vi prego lasciatemi postare questro vaff alla signora di sotto che, dopo 4 giorni che piove, si lamenta con me perchè sicuramente ho innaffiato troppo e le gocciola sul balcone!

    RispondiElimina
  38. anch'io sono una neomamma mentecatta che sta a casa finchè può..non rompo le palle a nessuno finchè non le rompono a me

    RispondiElimina
  39. FranciLeoLudo6 maggio 2010 23:32

    MITICO POST PAOLA!!!!!!!!!! e un bel vaff a chi ti chiede cosa fai attaccata al pc a quest'ora, non avevi niente di meglio da fare?
    baciiiiiiiiiiiiiiii p.s. io però se fai un nuovo post vorrei leggere cosa canticchi saltellando x ritrovare la linea mentre tieni in testa la scrivania!!!!

    RispondiElimina
  40. Ciao Paola, cara autrice di un libro che mi ha aiutato a ridere del mio baby blues mentre ci sprofondavo dentro, aggiungo anch'io i miei vaff:

    Il mio primo vaff forte e chiaro va per primo alla pediatra che, alla prima visita in ospedale fatta dopo 4 giorni dal parto (e non 7 come di solito) mi ha detto gelida: il bambino non è cresciuto. se non prende xx grammi tra 7 giorni prenderemo provvedimenti. punto. senza darmi spiegazioni né soluzioni - scatenando all'istante una cascata di lacrime (provvedimenti? che provvedimenti? il carcere? l'affidamento?) che ricorderò come il big bang del mio post partum. per la cronaca: l'astuta pediatra aveva sbagliato il calcolo del peso perchè era convinta che fossimo già al settimo giorno dalla nascita... ora che ci ripenso merita un altro vaff!! e grazie eterno all'infermiera che vedendomi disperata nel corridoio dell'ospedale mi ha insegnato come attaccare meglio mio figlio al seno... non ci voleva molto per aiutarmi! solo un po' di senso pratico e di umanità. A pediatra, ma stravaff****!!!

    E così arriviamo al secondo vaff: a mia suocera, che mi ha chiamato Mucca Carolina, Centrale del latte e così via per tutti i mesi a seguire, perchè avevo latte a dismisura! grazie all'ormone della pace che producevo insieme al latte ho perso le staffe solo una volta

    Vaff**** a chi mi dice che visto che io e mio marito siamo liberi professionisti tutto sommato non facciamo fatica a stare (solo noi senza aiuti) con nostro figlio, dato che faremmo soldi a palate in poche ore di lavoro. COme no, come fargli capire che per stare con il baby abbiamo rinunciato entrambi a $ e a progetti importanti?

    un vaff**** a tutti quelli che ti fanno la lezioncina!!

    ne avrei anche altri ma per oggi mi già sento molto meglio! ciao a tutti!
    Volcan

    RispondiElimina
  41. ahhh... meraviglie delle meraviglie, non posso rinunciare a un bel VxxxxxxxxO cosi ,detto di cuore.E lo dico a tutto l'ufficio che mi nega il part time :"perchè sei troppo vicina a casa non posso credere che ancora non sei riuscita ad organizzarti con le tue due figlie piccole?"... al fantozziano Direttore che sogghigna quando con immenso coraggio jiè'lo faccio notare, al Resp. del Personale che ride quando ascolta che le dico che con il part-time la mia vita era perfettta e mi risponde :"Certo non puoi pretendere che avere due figli non ti cambino le cose..." che cosaaa?, alla mia responsabile che mi dice che per lei il part-time non le crea ASSOLUTAMENTE problemi ma non muove un dito per farmelo dare visto che:" tanto stanno con te o con la baby sitter, credi che cambi qualcosa?"... Cxxxo, ma in che mondo mi trovo?
    ok, basta! già mi sento meglio...seduta riuscita...ha,ha,ha
    Grazie Paola dopo tutto ciò, non posso mancare al tuo appuntamento sul blog
    bacioni
    Adriana

    RispondiElimina
  42. Quanto mi ritrovo in molti di questi post!!!
    allora, provo a contribuire anche io...

    Un primo vaff**** a tutti quelli che quando ancora avevi il pancione, durante una breve vanacza estiva, ti dicevano: ma che pancia piccola che hai! ma mangi? ah, tutte queste manie delle diete... guarda Tizia e Caia come sono belle e in salute!
    Peccato che io all'ottavo mese ancora ero costretta a lavorare fino a sera e Tizia e Caia dal secondo mese erano a casa per "presunte" difficoltà di gestazione... e si riposavano serene e beate tra acquagym e sedute di massaggi bioenergetici!!!!

    Un altro vaff*** a chi ti fa sentire in colpa perchè a meno di tre mesi dal parto sei dovuta tornate in studio (dove la tua scrivania era già stata occupata da altri...) e ti dice: "Ah, fare figli è una scelta, farli crescere agli altri è da irresponsabili, è una questione di priorità e di organizzazione!"

    Un ultimo vaff*** a chi ti dice: sei stanca, ti capisco, io ho due cani (!!!!)

    RispondiElimina
  43. hihihihi troppo divertente
    bisogna dire che non sono così garbati questi vaff*** eheheh
    aggiungo un vaff*** gigantesco alle rate dell'asilo nido e soprattutto alle classificazioni Isee. Non sto ad annoiarvi con i miei conti ma vi assicuro, vi giuro che io 500 euro al mese di nido (comunale) non posso permettermeli (e infatti alla fine non l'ho iscritto) eppure l'isee mi classifica nella fascia più alta (più altaaaaaaa, cioè il massimo, cioè la rata dei "ricchi" eeheh). Mio cugino vive a berlino, non ha ovviamente la cittadinanza ed è un artista affermato e guadagna bene. Il nido che frequenta mio nipote (bellissimo a loro dire) gli costa 50 euro al mese. Cinquantaaaaaaa!!!! compreso i pasti e tutti gli annessi e connessi.

    RispondiElimina
  44. Un grande e sonoro Vaff a tutti...ma proprio a tutti!!! Ogni tanto ci vuole!!!!!!!! :-))))

    RispondiElimina
  45. meraviglioso! per ora me li copio tutti per avere sostegno nei momenti bui, poi, quando sarò senza pupo in braccio mi riprometto di aggiungerne qualcuno anch'io, brave!

    RispondiElimina
  46. Posso aggiungere un paio di wafer?
    Uno a quelle donne (ma meritano di chiamarsi tali?) che lanciano i figli dalla finestra come fossero piattelli.
    E un altro wafer alle nonne (e suocere) che cercano e vogliono i nipoti solo quando si devone atteggiare a nonne perfette davanti alle amiche.
    Ho concluso vostro onore...

    RispondiElimina
  47. Aggiungo anche io Paolina!

    Un vaff amorevole a mio padre che oggi è andato a prendere mio figlio Tito all'asilo perché io non potevo e dato che domani è la festa della mamma, mi ha portato il primo "lavoretto"!
    Un'emozione che non vi dico: un vasetto di vetro, bellissimo, con dentro paletta e cucchiaio di legno.
    In allegato un bigliettino: "per te mamma, tanti auguri. FABRIZIO".
    Fabrizio?!?!?!?!??!?!?
    Fabrizio?!?!?!??!?!??!?!?!?!?!?!??!?!?!?!?!?

    Un vaff alla Carfagna. Così. Senza motivi dichiarati.

    Un £$%%& alle leggi economiche italiane che non tutelano le mamme con la partita iva.

    Un vaff padroni dei cani (non ai poveri cani) che cacano a terra e che non raccolgono la cacca su cui, prontamente, passa una ruota del passeggino e poi anche quella della pedana a esso attaccata.

    Un vaff alla rata dell'asino nido comunale che è altissima anche se noi siamo a zero con gli stipendi.

    Ciao Paola & amiche collaboranti ai vaff in nota, bellissimo post!!!
    :-D

    RispondiElimina
  48. Ciao a tutte, anche io commento per la prima volta.. bellissimo post, bellissima idea, bello trovare tante cose in comune con tutte voi, a volte penso di essere solo io ad avere le giornate storte in cui mangio decine di vaff---

    Invece sono in ottima compagnia!!

    milano per una neomamma è veramente una giungla, altro che corso preparto, dovrebbero farci il corso di guida del passeggino evitando le cacche di cani, le macchine sul marciapiede, le buche che ti risucchiano, le vecchiette che ti si piantano nel mezzo per dirti che il pupo è vestito troppo leggero e sicuramente si ammalerà, i mille gradini che ci sono per andare in posti assolutamente inutili tipo il pediatra, l'ASL, l'anagrafe...

    Aggiungerei un vaff alle amiche/conoscenti che vedendoti con le occhiaie modello Panda col raffreddore, evidentemente causate dalla difficoltà nel far dormire il pupo almeno 3 ore filate, ti dicono "ma cara, ti vedo stanca, perchè nn ti riposi un po'???????????"

    Un saluto a tutte
    mariella (mamma da 4 mesi e mezzo!!!)

    ps Paola, ho il tuo libro e davvero complimenti, mi piace molto quello che dici e come lo dici!

    RispondiElimina
  49. Ma un GRANDISSIMO VAFF alla Gelmini
    che torni pure a lavorare subito dopo il parto, ma le mamme normali forse dovrano rinunciare al lavoro perchè un sacco di scuole elementari non fanno più lezione al pomeriggio a casusa dei suoi tagli sulla scuola e sul personale ... tanto c'è la crisi ... qualcuno dovrà pur perdere il lavoro ... e chi se non le donne ....

    E un $%&£%%% triplo perchè in tutte le infinite catene di negozi per l'intimo non si riesce a trovare dela biancheria carina oltre alla terza di reggiseno (che io non vedo più da circa 20 anni). Ma perchè fanno tanto successo in tv le maggiorate se io con le mie tettone da donna in attesa devo mortificarmi con dei tristi reggipetto bianchi o peggio color carne ..... non chiedo molto ... un paio di fiorellini colorati .... per non parlare delle mutande, ragazze che tristezza!

    RispondiElimina
  50. Paola che ti leggo sempre lo sai già, ma stavolta commento pure... meraviglioso questo post, e meravigliosi i commenti!!!
    Un abbraccio
    Gloria

    RispondiElimina
  51. Un grande vaff...a tutte quelle mamme che ti dicono pavoneggiandosi: ah il mio bambino non mi ha mai fatto perdere neanche una notte di sonno...

    Un po' di rispetto per chi passa da 16 mesi notti insonni :-)!!
    Lo so' è un vaff...mooolto invidioso...
    Paola, grazie per il tuo fantastico Blog!
    Sere

    RispondiElimina
  52. Un vaff a quelli (senza figli) che vengono a trovarti a casa a due giorni dal parto e ti dicono che non devi prendere in braccio il bambino se no lo vizi e che nella nostra società diamo troppa importanza ai bambini che diventano il centro del mondo.
    E poi scopri che loro portano il loro cane dallo psicologo degli animali perché quando lo lasciano a casa da solo ha le crisi di panico...

    Grazie Paola: il tuo libro mi ha donato un po' di buonumore e degli spunti pratici interessanti nei mesi più difficili del mio nuovo mestiere di mamma.

    Mari

    RispondiElimina
  53. non riesco a smettere di ridere, siete fantastiche. a grande richiesta credo che farò un post di riassunto e poi magari cambieremo argomento (ma poi periodicamente possiamo tornarci!)
    baci a tutte, amiche intelligenti

    RispondiElimina
  54. Ne aggiungo ancora uno:
    a tutti quelli che ti dicono: "sei di nuovo incinta?"
    "No, stronzo/a. Mi è rimasta la panza."
    "Beh, devi fare gli addominali"
    Ma vaff!

    RispondiElimina
  55. si,si....un bel vaff anche all'ex socia
    che ti guarda e dice: goditela fichè dura-oppure:stai tranquilla quando andrai a lavorare vedrai come rientrerai nei jeans....ma vaffanbrodo cretina che peso si è no 52 kg, potro' avere un po' di pancia a 4 mesi dal parto?....ma possibile che nel 2010 ancora stè cose dobbiamo sentire?....ciao mamme, evviva la panza!

    RispondiElimina
  56. Anch'io ne aggiungo ancora uno: un grande vaff a tutte quelle signore "di una certa età" che con la scusa dell'esperienza sparano solo un'immensa vagonata di caz....ate!!!! Ne ho incontrate troppe sulla mia strada.... .Ma vaff............!!!!!!!!!!!! Di cuore!!!!!!

    RispondiElimina
  57. a me a quattro giorni dal parto, con due bambini e la neonata in carrozzina, la solita babbiona ha chiesto se aspettavo il quarto...

    @Marianna: condivido assolutamente! i miei li ho sempre tenuti in braccio quanto mi garbava e loro, così appagati nel loro bisogno, sono diventati socievoli e indipendenti. arriva il giorno in cui non vogliono più stare in braccio e ci mancano..carpe diem!

    RispondiElimina
  58. Posso fare pubblicità al mio libro/blog?
    Perché tratta proprio di questo argomento!
    (se ti scoccia cancella pure e scusa)

    RispondiElimina
  59. E perchè non un sonoro vaff...a tutte quelle suocere che appena dici che aspetti la seconda pupa iniziano con una violenza psicologica nei confronti della prima: "non preoccuparti amore, la mamma non può più occuparsi di te, ne prenderti in braccio perchè ha la pancia (in eraltà magari ha perso 3 kg a forza di vomitare e di pancia non se ne vede neanche l'ombra)ma ora mi occuperò io di te", e la cerbiattina ti guarda con 2 occhi languidi, che man mano che continuano queste affermazioni, tendono ad andare verso l'assatanato e appena tu cerchi di spiegarle come stanno veramente le cose ricevi in cambio un morso...

    RispondiElimina
  60. Ciao è la prima volta che inserisco un commento in qs. blog, ma non potevo astenermi dal farlo visto l'argomento!!!!
    Oltre ai VAFF....sopra citati a cui mi unisco DI CUORE...aggiungerei un VAFF a quelli che ti dicono "ma sei incinta? ti è capitato?" non pensando che essendo regolarmente sposata e con una bambina di 18 mesi x noi era naturale avere subito la seconda bimba!!! uno i figli non li può cercare e desiderare? Mica capitano sempre!!!!
    un VAFF alla suocera x lo stesso motivo di cui sopra....
    un VAFF a tutti ql. che si atteggiano a maestrine pur non avendo figli o solo xchè 40 anni fa hanno partorito pure loro!!!!!
    scusate lo sfogo, ma avete toccato un tasto dolente.
    ciao
    Elena

    RispondiElimina
  61. posso aggiungermi anche se in ritardo???
    un megagalattico vaff...alla nonna (suocera) che ogni volta inizio a "raccontare" (non lamentare sottolineo) qualcosa del piccolo mi risponde "t pioc à ièss chiamat màmma?" traduco "ti piace essere chiamata mamma"....e questa frase la sento almeno 10 volte al giorno...ma vaff.......
    marianna

    RispondiElimina